Charles Dickens - A Christmas Carol 

Charles-Dickens_A-Christmas-Carol inglese e italiano

 
 
Italian-English.it fornisce media in italiano tradotti in inglese, come aforismi, idiomi, canzoni, karaoke e links a video sottotitolati

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Capitolo 4 Capitolo 5

Stave 1: Marley’s Ghost

Marley was dead: to begin with. There is no doubt whatever
about that. The register of his burial was signed
by the clergyman, the clerk, the undertaker, and the chief
mourner. Scrooge signed it. And Scrooge’s name was good
upon ‘Change, for anything he chose to put his hand to.
Old Marley was as dead as a door-nail.
Mind! I don’t mean to say that I know, of my own knowledge,
what there is particularly dead about a door-nail. I
might have been inclined, myself, to regard a coffin-nail as
the deadest piece of ironmongery in the trade. But the wisdom
of our ancestors is in the simile; and my unhallowed
hands shall not disturb it, or the Country’s done for. You
will therefore permit me to repeat, emphatically, that Marley
was as dead as a door-nail. Scrooge knew he was dead? Of course he did. How could it be otherwise? Scrooge and he were partners for I don’t know how many years. Scrooge was his sole executor, his sole administrator, his sole assign, his sole residuary legatee, his sole friend, and sole mourner. And even Scrooge was not so dreadfully cut up by the sad event, but that he was an excellent man of business on the very day of the funeral, and solemnised it with an undoubted bargain. The mention of Marley’s funeral brings me back to the point I started
from. There is no doubt that Marley was dead. This must
be distinctly understood, or nothing wonderful can come
of the story I am going to relate. If we were not perfectly
convinced that Hamlet’s Father died before the play began,
there would be nothing more remarkable in his taking a
stroll at night, in an easterly wind, upon his own ramparts,
than there would be in any other middle-aged gentleman
rashly turning out after dark in a breezy spot — say Saint
Paul’s Churchyard for instance — literally to astonish his
son’s weak mind. Scrooge never painted out Old Marley’s name. There it vstood, years afterwards, above the warehouse door: Scrooge and Marley. The firm was known as Scrooge and Marley. Sometimes people new to the business called Scrooge
Scrooge, and sometimes Marley, but he answered to both
names. It was all the same to him.
Oh! But he was a tight-fisted hand at the grind- stone,
Scrooge! a squeezing, wrenching, grasping, scraping,
clutching, covetous, old sinner! Hard and sharp as flint,
from which no steel had ever struck out generous fire; secret,
and self-contained, and solitary as an oyster. The cold
within him froze his old features, nipped his pointed nose,
shrivelled his cheek, stiffened his gait; made his eyes red,
his thin lips blue; and spoke out shrewdly in his grating
voice. A frosty rime was on his head, and on his eyebrows,
and his wiry chin. He carried his own low temperature always
about with him; he iced his office in the dogdays; and
didn’t thaw it one degree at Christmas.
External heat and cold had little influence on Scrooge.
No warmth could warm, no wintry weather chill him. No
 wind that blew was bitterer than he, no falling snow was
more intent upon its purpose, no pelting rain less open to
entreaty. Foul weather didn’t know where to have him. The
heaviest rain, and snow, and hail, and sleet, could boast
of the advantage over him in only one respect. They often
‘came down’ handsomely, and Scrooge never did.
Nobody ever stopped him in the street to say, with gladsome
looks, ‘My dear Scrooge, how are you? When will you
come to see me?’ No beggars implored him to bestow a trifle,
no children asked him what it was o’clock, no man or
woman ever once in all his life inquired the way to such
and such a place, of Scrooge. Even the blind men’s dogs appeared to know him; and when they saw him coming on,
would tug their owners into doorways and up courts; and
then would wag their tails as though they said, ‘No eye at all
is better than an evil eye, dark master!’
But what did Scrooge care! It was the very thing he liked.
To edge his way along the crowded paths of life, warning all
human sympathy to keep its distance, was what the knowing
ones call ‘nuts’ to Scrooge.
Once upon a time — of all the good days in the year,
on Christmas Eve — old Scrooge sat busy in his countinghouse.
It was cold, bleak, biting weather: foggy withal: and
he could hear the people in the court outside, go wheezing
up and down, beating their hands upon their breasts,
and stamping their feet upon the pavement stones to warm
them. The city clocks had only just gone three, but it was
quite dark already — it had not been light all day — and
candles were flaring in the windows of the neighbouring
offices, like ruddy smears upon the palpable brown air. The
fog came pouring in at every chink and keyhole, and was so
dense without, that although the court was of the narrowest,
the houses opposite were mere phantoms. To see the
dingy cloud come drooping down, obscuring everything,
one might have thought that Nature lived hard by, and was
brewing on a large scale.
The door of Scrooge’s counting-house was open that he
might keep his eye upon his clerk, who in a dismal little cell
beyond, a sort of tank, was copying letters. Scrooge had a
very small fire, but the clerk’s fire was so very much smaller
that it looked like one coal. But he couldn’t replenish it, for
Scrooge kept the coal-box in his own room; and so surely
as the clerk came in with the shovel, the master predicted
that it would be necessary for them to part. Wherefore the
clerk put on his white comforter, and tried to warm himself
at the candle; in which effort, not being a man of a strong
imagination, he failed.
‘A merry Christmas, uncle! God save you!’ cried a cheerful
voice. It was the voice of Scrooge’s nephew, who came
upon him so quickly that this was the first intimation he
had of his approach. ‘Bah!’ said Scrooge, ‘Humbug!’
He had so heated himself with rapid walking in the fog
and frost, this nephew of Scrooge’s, that he was all in a glow;
his face was ruddy and handsome; his eyes sparkled, and
his breath smoked again. ‘Christmas a humbug, uncle!’ said
Scrooge’s nephew. ‘You don’t mean that, I am sure?’
‘I do,’ said Scrooge. ‘Merry Christmas! What right have
 you to be merry? What reason have you to be merry? You’re
poor enough.’ ‘Come, then,’ returned the nephew gaily. ‘What right have you to be dismal? What reason have you to be morose? You’re rich enough.’
Scrooge having no better answer ready on the spur of the
moment, said ‘Bah!’ again; and followed it up with ‘Humbug.’
‘Don’t be cross, uncle!’ said the nephew.
‘What else can I be,’ returned the uncle, ‘when I live in
such a world of fools as this? Merry Christmas! Out upon
merry Christmas! What’s Christmas time to you but a time
for paying bills without money; a time for finding yourself a
year older, but not an hour richer; a time for balancing your
books and having every item in ‘em through a round dozen
of months presented dead against you? If I could work my
will,’ said Scrooge indignantly, ‘every idiot who goes about
with ‘Merry Christmas’ on his lips, should be boiled with
his own pudding, and buried with a stake of holly through
his heart. He should!’ ‘Uncle!’ pleaded the nephew.
‘Nephew!’ returned the uncle sternly, ‘keep Christmas in
your own way, and let me keep it in mine.’
‘Keep it!’ repeated Scrooge’s nephew. ‘But you don’t keep it.’
‘Let me leave it alone, then,’ said Scrooge. ‘Much good
may it do you! Much good it has ever done you!’
‘There are many things from which I might have derived
good, by which I have not profited, I dare say,’ returned the
nephew. ‘Christmas among the rest. But I am sure I have
always thought of Christmas time, when it has come round
— apart from the veneration due to its sacred name and origin,
if anything belonging to it can be apart from that — as
a good time; a kind, forgiving, charitable, pleasant time: the
only time I know of, in the long calendar of the year, when
men and women seem by one consent to open their shut-up
hearts ly, and to think of people below them as if they
really were fellow-passengers to the grave, and not another
race of creatures bound on other journeys. And therefore,
uncle, though it has never put a scrap of gold or silver in my
pocket, I believe that it has done me good, and will do me
good; and I say, God bless it!’
The clerk in the Tank involuntarily applauded. Becoming
immediately sensible of the impropriety, he poked the
fire, and extinguished the last frail spark for ever.
‘Let me hear another sound from you,’ said Scrooge, ‘and
you’ll keep your Christmas by losing your situation! You’re
quite a powerful speaker, sir,’ he added, turning to his nephew.
‘I wonder you don’t go into Parliament.’
‘Don’t be angry, uncle. Come! Dine with us tomorrow.’
Scrooge said that he would see him — yes, indeed he did.
He went the whole length of the expression, and said that he
would see him in that extremity first.
‘But why?’ cried Scrooge’s nephew. ‘Why?’
‘Why did you get married?’ said Scrooge.
‘Because I fell in love.’
‘Because you fell in love!’ growled Scrooge, as if that were
the only one thing in the world more ridiculous than a merry Christmas. ‘Good afternoon!’
‘Nay, uncle, but you never came to see me before that
happened. Why give it as a reason for not coming now?’
‘Good afternoon,’ said Scrooge.
‘I want nothing from you; I ask nothing of you; why cannot
we be friends?’ ‘Good afternoon,’ said Scrooge.
‘I am sorry, with all my heart, to find you so resolute. We
have never had any quarrel, to which I have been a party.
But I have made the trial in homage to Christmas, and I’ll
keep my Christmas humour to the last. So A Merry Christmas,
uncle!’
‘Good afternoon,’ said Scrooge.
‘And A Happy New Year!’
‘Good afternoon,’ said Scrooge.
His nephew left the room without an angry word, notwithstanding. He stopped at the outer door to bestow the greetings of the season on the clerk, who cold as he was, was
warmer than Scrooge; for he returned them cordially.
‘There’s another fellow,’ muttered Scrooge; who overheard
him: ‘my clerk, with fifteen shillings a week, and a wife and family, talking about a merry Christmas. I’ll retire to Bedlam.’
This lunatic, in letting Scrooge’s nephew out, had let two
other people in. They were portly gentlemen, pleasant to behold, and now stood, with their hats off, in Scrooge’s office.
They had books and papers in their hands, and bowed to him.
‘Scrooge and Marley’s, I believe,’ said one of the gentle10
men, referring to his list. ‘Have I the pleasure of addressing
Mr. Scrooge, or Mr. Marley?’
‘Mr. Marley has been dead these seven years,’ Scrooge replied.
‘He died seven years ago, this very night.’ ‘We have no doubt his liberality is well represented by his surviving partner,’ said the gentleman, presenting his credentials.
It certainly was; for they had been two kindred spirits. At
the ominous word ‘liberality,’ Scrooge frowned, and shook
his head, and handed the credentials back.
‘At this festive season of the year, Mr. Scrooge,’ said the
gentleman, taking up a pen, ‘it is more than usually desirable
that we should make some slight provision for the Poor
and Destitute, who suffer greatly at the present time. Many
thousands are in want of common necessaries; hundreds of
thousands are in want of common comforts, sir.’
‘Are there no prisons?’ asked Scrooge. ‘Plenty of prisons,’ said the gentleman, laying down the pen again.
‘And the Union workhouses?’ demanded Scrooge. ‘Are
they still in operation?’
‘They are. Still,’ returned the gentleman, ‘I wish I could
say they were not.’
‘The Treadmill and the Poor Law are in full vigour, then?’
said Scrooge.
‘Both very busy, sir.’
‘Oh! I was afraid, from what you said at first, that something
had occurred to stop them in their useful course,’ said
Scrooge. ‘I’m very glad to hear it.’
‘Under the impression that they scarcely furnish Christian
cheer of mind or body to the multitude,’ returned the
gentleman, ‘a few of us are endeavouring to raise a fund to
buy the Poor some meat and drink. and means of warmth.
We choose this time, because it is a time, of all others, when
Want is keenly felt, and Abundance rejoices. What shall I
put you down for?’
‘Nothing!’ Scrooge replied.
‘You wish to be anonymous?’
‘I wish to be left alone,’ said Scrooge. ‘Since you ask me
what I wish, gentlemen, that is my answer. I don’t make
merry myself at Christmas and I can’t afford to make idle
people merry. I help to support the establishments I have
mentioned — they cost enough; and those who are badly
off must go there.’
‘Many can’t go there; and many would rather die.’
‘If they would rather die,’ said Scrooge, ‘they had better
do it, and decrease the surplus population. Besides — excuse
me — I don’t know that.’
‘But you might know it,’ observed the gentleman.
‘It’s not my business,’ Scrooge returned. ‘It’s enough for
a man to understand his own business, and not to interfere
with other people’s. Mine occupies me constantly. Good afternoon, gentlemen!’
Seeing clearly that it would be useless to pursue their
point, the gentlemen withdrew. Scrooge returned his labours
with an improved opinion of himself, and in a more
facetious temper than was usual with him.
Meanwhile the fog and darkness thickened so, that people ran about with flaring links, proffering their services to
go before horses in carriages, and conduct them on their
way. The ancient tower of a church, whose gruff old bell
was always peeping slily down at Scrooge out of a Gothic
window in the wall, became invisible, and struck the hours
and quarters in the clouds, with tremulous vibrations afterwards
as if its teeth were chattering in its frozen head
up there. The cold became intense. In the main street at the
corner of the court, some labourers were repairing the gaspipes, and had lighted a great fire in a brazier, round which a
party of ragged men and boys were gathered: warming their
hands and winking their eyes before the blaze in rapture.
The water-plug being left in solitude, its overflowing sullenly
congealed, and turned to misanthropic ice. The brightness
of the shops where holly sprigs and berries crackled in the
lamp heat of the windows, made pale faces ruddy as they
passed. Poulterers’ and grocers’ trades became a splendid
joke; a glorious pageant, with which it was next to impossible
to believe that such dull principles as bargain and sale
had anything to do. The Lord Mayor, in the stronghold of
the mighty Mansion House, gave orders to his fifty cooks
and butlers to keep Christmas as a Lord Mayor’s household
should; and even the little tailor, whom he had fined
five shillings on the previous Monday for being drunk and
bloodthirsty in the streets, stirred up to-morrow’s pudding
in his garret, while his lean wife and the baby sallied out to
buy the beef. Foggier yet, and colder! Piercing, searching, biting cold. If the good Saint Dunstan had but nipped the Evil Spirit’s
nose with a touch of such weather as that, instead of using
his familiar weapons, then indeed he would have roared to
lusty purpose. The owner of one scant young nose, gnawed
and mumbled by the hungry cold as bones are gnawed by
dogs, stooped down at Scrooge’s keyhole to regale him with
a Christmas carol: but at the first sound of
‘God bless you, merry gentleman! May nothing you dismay!’
Scrooge seized the ruler with such energy of action, that
the singer fled in terror, leaving the keyhole to the fog and
even more congenial frost.
At length the hour of shutting up the counting- house
arrived. With an ill-will Scrooge dismounted from his stool,
and tacitly admitted the fact to the expectant clerk in the
Tank, who instantly snuffed his candle out, and put on his hat.
‘You’ll want all day to-morrow, I suppose?’ said Scrooge.
‘If quite convenient, sir.’
‘It’s not convenient,’ said Scrooge, ‘and it’s not fair. If I
was to stop half-a-crown for it, you’d think yourself ill-used,
I’ll be bound?’ The clerk smiled faintly.
‘And yet,’ said Scrooge, ‘you don’t think me ill-used, when
I pay a day’s wages for no work.’
The clerk observed that it was only once a year.
‘A poor excuse for picking a man’s pocket every twentyfifth
of December!’ said Scrooge, buttoning his great-coat
to the chin. ‘But I suppose you must have the whole day. Be
here all the earlier next morning.’
The clerk promised that he would; and Scrooge walked
out with a growl. The office was closed in a twinkling, and
the clerk, with the long ends of his white comforter dangling
below his waist (for he boasted no great-coat), went
down a slide on Cornhill, at the end of a lane of boys, twenty
times, in honour of its being Christmas Eve, and then ran
home to Camden Town as hard as he could pelt, to play at
blindman’s-buff. Scrooge took his melancholy dinner in his usual melancholy tavern; and having read all the newspapers, and
beguiled the rest of the evening with his banker’s-book,
went home to bed. He lived in chambers which had once belonged to his deceased partner. They were a gloomy suite of
rooms, in a lowering pile of building up a yard, where it had
so little business to be, that one could scarcely help fancying
it must have run there when it was a young house, playing
at hide-and-seek with other houses, and forgotten the way
out again. It was old enough now, and dreary enough, for
nobody lived in it but Scrooge, the other rooms being all let
out as offices. The yard was so dark that even Scrooge, who
knew its every stone, was fain to grope with his hands. The
fog and frost so hung about the black old gateway of the
house, that it seemed as if the Genius of the Weather sat in
mournful meditation on the threshold.
Now, it is a fact, that there was nothing at all particular
about the knocker on the door, except that it was very large.
It is also a fact, that Scrooge had seen it, night and morning,
during his whole residence in that place; also that Scrooge
had as little of what is called fancy about him as any man
in the city of London, even including — which is a bold
word — the corporation, aldermen, and livery. Let it also be
borne in mind that Scrooge had not bestowed one thought
on Marley, since his last mention of his seven years’ dead
partner that afternoon. And then let any man explain to me,
if he can, how it happened that Scrooge, having his key in
the lock of the door, saw in the knocker, without its undergoing
any intermediate process of change — not a knocker,
but Marley’s face. Marley’s face. It was not in impenetrable shadow as the other objects in the yard were, but had a dismal light about it, like a bad lobster in a dark cellar. It was not angry or ferocious, but looked at Scrooge as Marley used to look: with
ghostly spectacles turned up on its ghostly forehead. The
hair was curiously stirred, as if by breath or hot air; and,
though the eyes were wide open, they were perfectly motionless. That, and its livid colour, made it horrible; but its
horror seemed to be in spite of the face and beyond its control,
rather than a part or its own expression.
As Scrooge looked fixedly at this phenomenon, it was a
knocker again. To say that he was not startled, or that his blood was not conscious of a terrible sensation to which it had been
a stranger from infancy, would be untrue. But he put his
hand upon the key he had relinquished, turned it sturdily,
walked in, and lighted his candle.
He did pause, with a moment’s irresolution, before he
shut the door; and he did look cautiously behind it first, as
if he half-expected to be terrified with the sight of Marley’s 
pigtail sticking out into the hall. But there was nothing on
the back of the door, except the screws and nuts that held
the knocker on, so he said ‘Pooh, pooh!’ and closed it with
a bang. The sound resounded through the house like thunder.
Every room above, and every cask in the wine-merchant’s
cellars below, appeared to have a separate peal of echoes of
its own. Scrooge was not a man to be frightened by echoes.
He fastened the door, and walked across the hall, and up the
stairs; slowly too: trimming his candle as he went.
You may talk vaguely about driving a coach-and-six up a
good old flight of stairs, or through a bad young Act of Parliament; but I mean to say you might have got a hearse up
that staircase, and taken it broadwise, with the splinter-bar
towards the wall and the door towards the balustrades: and
done it easy. There was plenty of width for that, and room to
spare; which is perhaps the reason why Scrooge thought he
saw a locomotive hearse going on before him in the gloom.
Half a dozen gas-lamps out of the street wouldn’t have lighted
the entry too well, so you may suppose that it was pretty
dark with Scrooge’s dip.
Up Scrooge went, not caring a button for that. Darkness
is cheap, and Scrooge liked it. But before he shut his heavy
door, he walked through his rooms to see that all was right.
He had just enough recollection of the face to desire to do
that. Sitting-room, bedroom, lumber-room. All as they should
be. Nobody under the table, nobody under the sofa; a small
fire in the grate; spoon and basin ready; and the little sauce
pan of gruel (Scrooge had a cold in his head) upon the hob.
Nobody under the bed; nobody in the closet; nobody in
his dressing-gown, which was hanging up in a suspicious
attitude against the wall. Lumber-room as usual. Old fireguards,
old shoes, two fish-baskets, washing-stand on three
legs, and a poker. Quite satisfied, he closed his door, and locked himself in; double-locked himself in, which was not his custom. Thus secured against surprise, he took off his cravat; put on his
dressing-gown and slippers, and his nightcap; and sat down
before the fire to take his gruel.
It was a very low fire indeed; nothing on such a bitter
night. He was obliged to sit close to it, and brood over it,
before he could extract the least sensation of warmth from
such a handful of fuel. The fireplace was an old one, built by
some Dutch merchant long ago, and paved all round with
quaint Dutch tiles, designed to illustrate the Scriptures.
There were Cains and Abels, Pharaohs’ daughters; Queens
of Sheba, Angelic messengers descending through the air
on clouds like feather-beds, Abrahams, Belshazzars, Apostles
putting off to sea in butter-boats, hundreds of figures
to attract his thoughts — and yet that face of Marley, seven
years dead, came like the ancient Prophet’s rod, and swallowed
up the whole. If each smooth tile had been a blank at
first, with power to shape some picture on its surface from
the disjointed fragments of his thoughts, there would have
been a copy of old Marley’s head on every one.
‘Humbug!’ said Scrooge; and walked across the room.
After several turns, he sat down again. As he threw his
head back in the chair, his glance happened to rest upon a
bell, a disused bell, that hung in the room, and communicated
for some purpose now forgotten with a chamber in
the highest story of the building. It was with great astonishment, and with a strange, inexplicable dread, that as he
looked, he saw this bell begin to swing. It swung so softly in
the outset that it scarcely made a sound; but soon it rang out
loudly, and so did every bell in the house.
This might have lasted half a minute, or a minute, but
it seemed an hour. The bells ceased as they had begun, together. They were succeeded by a clanking noise, deep
down below; as if some person were dragging a heavy chain
over the casks in the wine merchant’s cellar. Scrooge then
remembered to have heard that ghosts in haunted houses
were described as dragging chains.
The cellar-door flew open with a booming sound, and
then he heard the noise much louder, on the floors below;
then coming up the stairs; then coming straight towards
his door. ‘It’s humbug still!’ said Scrooge. ‘I won’t believe it.’
His colour changed though, when, without a pause, it
came on through the heavy door, and passed into the room
before his eyes. Upon its coming in, the dying flame leaped
up, as though it cried ‘I know him; Marley’s Ghost!’ and fell
again. The same face: the very same. Marley in his pigtail, usual
waistcoat, tights and boots; the tassels on the latter bristling,
like his pigtail, and his coat-skirts, and the hair upon
his head. The chain he drew was clasped about his middle.
It was long, and wound about him like a tail; and it was
made (for Scrooge observed it closely) of cash-boxes, keys,
padlocks, ledgers, deeds, and heavy purses wrought in steel.
His body was transparent; so that Scrooge, observing him,
and looking through his waistcoat, could see the two buttons
on his coat behind. Scrooge had often heard it said that Marley had no bowels, but he had never believed it until now.
No, nor did he believe it even now. Though he looked the
phantom through and through, and saw it standing before
him; though he felt the chilling influence of its death-cold
eyes; and marked the very texture of the folded kerchief
bound about its head and chin, which wrapper he had
not observed before; he was still incredulous, and fought
against his senses. ‘How now!’ said Scrooge, caustic and cold as ever. ‘What do you want with me?’
‘Much!’ — Marley’s voice, no doubt about it.
‘Who are you?’
‘Ask me who I was.’
‘Who were you then?’ said Scrooge, raising his voice.
‘You’re particular, for a shade.’ He was going to say ‘to a
shade,’ but substituted this, as more appropriate.
‘In life I was your partner, Jacob Marley.’
‘Can you — can you sit down?’ asked Scrooge, looking
doubtfully at him.
‘I can.’
‘Do it, then.’
Scrooge asked the question, because he didn’t know
whether a ghost so transparent might find himself in a condition
to take a chair; and felt that in the event of its being
impossible, it might involve the necessity of an embarrassing
explanation. But the ghost sat down on the opposite side
of the fireplace, as if he were quite used to it.
‘You don’t believe in me,’ observed the Ghost.
‘I don’t.’ said Scrooge.
‘What evidence would you have of my reality beyond that
of your senses?’ ‘I don’t know,’ said Scrooge.
‘Why do you doubt your senses?’
‘Because,’ said Scrooge, ‘a little thing affects them. A
slight disorder of the stomach makes them cheats. You may
be an undigested bit of beef, a blot of mustard, a crumb of
cheese, a fragment of an underdone potato. There’s more of
gravy than of grave about you, whatever you are!’
Scrooge was not much in the habit of cracking jokes, nor
did he feel, in his heart, by any means waggish then. The
truth is, that he tried to be smart, as a means of distracting
his own attention, and keeping down his terror; for the
spectre’s voice disturbed the very marrow in his bones.
To sit, staring at those fixed glazed eyes, in silence for a
moment, would play, Scrooge felt, the very deuce with him.
There was something very awful, too, in the spectre’s being
provided with an infernal atmosphere of its own. Scrooge
could not feel it himself, but this was clearly the case; for
though the Ghost sat perfectly motionless, its hair, and
skirts, and tassels, were still agitated as by the hot vapour
from an oven. ‘You see this toothpick?’ said Scrooge, returning quickly to the charge, for the reason just assigned; and wishing,
though it were only for a second, to divert the vision’s stony
gaze from himself. ‘I do,’ replied the Ghost.
‘You are not looking at it,’ said Scrooge.
‘But I see it,’ said the Ghost, ‘notwithstanding.’
‘Well!’ returned Scrooge, ‘I have but to swallow this, and
be for the rest of my days persecuted by a legion of goblins,
all of my own creation. Humbug, I tell you! humbug!’
At this the spirit raised a frightful cry, and shook its
chain with such a dismal and appalling noise, that Scrooge
held on tight to his chair, to save himself from falling in
a swoon. But how much greater was his horror, when the
phantom taking off the bandage round its head, as if it were
too warm to wear indoors, its lower jaw dropped down
upon its breast! Scrooge fell upon his knees, and clasped his hands before his face. ‘Mercy!’ he said. ‘Dreadful apparition, why do you trouble me?’ ‘Man of the worldly mind!’ replied the Ghost, ‘do you believe in me or not?’
‘I do,’ said Scrooge. ‘I must. But why do spirits walk the
earth, and why do they come to me?’
‘It is required of every man,’ the Ghost returned, ‘that the
spirit within him should walk abroad among his fellowmen,
and travel far and wide; and if that spirit goes not forth in
life, it is condemned to do so after death. It is doomed to 
wander through the world — oh, woe is me! — and witness
what it cannot share, but might have shared on earth, and
turned to happiness!’
Again the spectre raised a cry, and shook its chain and
wrung its shadowy hands.
‘You are fettered,’ said Scrooge, trembling. ‘Tell me why?’
‘I wear the chain I forged in life,’ replied the Ghost. ‘I made it link by link, and yard by yard; I girded it on of my own  will, and of my own  will I wore it. Is its pattern strange to you?’ Scrooge trembled more and more. ‘Or would you know,’ pursued the Ghost, ‘the weight and length of the strong coil you bear yourself? It was full as heavy and as long as this, seven Christmas Eves ago. You have laboured on it, since. It is a ponderous chain!’ Scrooge glanced about him on the floor, in the expectation of finding himself surrounded by some fifty or sixty
fathoms of iron cable: but he could see nothing.
‘Jacob,’ he said, imploringly. ‘Old Jacob Marley, tell me
more. Speak comfort to me, Jacob!’
‘I have none to give,’ the Ghost replied. ‘It comes from
other regions, Ebenezer Scrooge, and is conveyed by other
ministers, to other kinds of men. Nor can I tell you what I
would. A very little more, is all permitted to me. I cannot
rest, I cannot stay, I cannot linger anywhere. My spirit never
walked beyond our counting-house — mark me! — in life
my spirit never roved beyond the narrow limits of our money-
changing hole; and weary journeys lie before me!’
It was a habit with Scrooge, whenever he became thoughtful,
to put his hands in his breeches pockets. Pondering on
what the Ghost had said, he did so now, but without lifting
up his eyes, or getting off his knees.
‘You must have been very slow about it, Jacob,’ Scrooge
observed, in a business-like manner, though with humility
and deference. ‘Slow!’ the Ghost repeated. ‘Seven years dead,’ mused Scrooge. ‘And travelling all the
time!’ ‘The whole time,’ said the Ghost. ‘No rest, no peace. Incessant torture of remorse.’
‘You travel fast?’ said Scrooge.
‘On the wings of the wind,’ replied the Ghost.
‘You might have got over a great quantity of ground in
seven years,’ said Scrooge.
The Ghost, on hearing this, set up another cry, and
clanked its chain so hideously in the dead silence of the
night, that the Ward would have been justified in indicting
it for a nuisance.
‘Oh! captive, bound, and double-ironed,’ cried the phantom,
‘not to know, that ages of incessant labour, by immortal
creatures, for this earth must pass into eternity before the
good of which it is susceptible is all developed. Not to know
that any Christian spirit working kindly in its little sphere,
whatever it may be, will find its mortal life too short for its
vast means of usefulness. Not to know that no space of regret
can make amends for one life’s opportunity misused!
Yet such was I! Oh! such was I!’
‘But you were always a good man of business, Jacob,’ faltered
Scrooge, who now began to apply this to himself.
‘Business!’ cried the Ghost, wringing its hands again.
‘Mankind was my business. The common welfare was my
business; charity, mercy, forbearance, and benevolence,
were, all, my business. The dealings of my trade were but a
drop of water in the comprehensive ocean of my business!’
It held up its chain at arm’s length, as if that were the
cause of all its unavailing grief, and flung it heavily upon
the ground again.
‘At this time of the rolling year,’ the spectre said ‘I suffer
most. Why did I walk through crowds of fellow-beings with
my eyes turned down, and never raise them to that blessed
Star which led the Wise Men to a poor abode! Were there no
poor homes to which its light would have conducted me!’
Scrooge was very much dismayed to hear the spectre going
on at this rate, and began to quake exceedingly.
‘Hear me!’ cried the Ghost. ‘My time is nearly gone.’
‘I will,’ said Scrooge. ‘But don’t be hard upon me! Don’t
be flowery, Jacob! Pray!’ ‘How it is that I appear before you
in a shape that you can see, I may not tell. I have sat invisible
beside you many and many a day.’
It was not an agreeable idea. Scrooge shivered, and wiped
the perspiration from his brow.
‘That is no light part of my penance,’ pursued the Ghost.
‘I am here to-night to warn you, that you have yet a chance
and hope of escaping my fate. A chance and hope of my procuring, Ebenezer.’
‘You were always a good friend to me,’ said Scrooge.
‘Thank ‘ee!’
‘You will be haunted,’ resumed the Ghost, ‘by Three Spirits.’
Scrooge’s countenance fell almost as low as the Ghost’s
had done. ‘Is that the chance and hope you mentioned, Jacob?’ he demanded, in a faltering voice.
‘It is.’ ‘I — I think I’d rather not,’ said Scrooge.
‘Without their visits,’ said the Ghost, ‘you cannot hope to
shun the path I tread. Expect the first tomorrow, when the
bell tolls One.’
‘Couldn’t I take ‘em all at once, and have it over, Jacob?’
hinted Scrooge.
‘Expect the second on the next night at the same hour.
The third upon the next night when the last stroke of Twelve
has ceased to vibrate. Look to see me no more; and look that,
for your own sake, you remember what has passed between
us!’When it had said these words, the spectre took its wrapper
from the table, and bound it round its head, as before.
Scrooge knew this, by the smart sound its teeth made, when
the jaws were brought together by the bandage. He ventured
to raise his eyes again, and found his supernatural visitor
confronting him in an erect attitude, with its chain wound
over and about its arm.
The apparition walked backward from him; and at every
step it took, the window raised itself a little, so that when the
spectre reached it, it was wide open. It beckoned Scrooge to
approach, which he did. When they were within two paces
of each other, Marley’s Ghost held up its hand, warning him
to come no nearer. Scrooge stopped.
Not so much in obedience, as in surprise and fear: for
on the raising of the hand, he became sensible of confused
noises in the air; incoherent sounds of lamentation and
regret; wailings inexpressibly sorrowful and self-accusatory.
The spectre, after listening for a moment, joined in the
mournful dirge; and floated out upon the bleak, dark night.
Scrooge followed to the window: desperate in his curiosity.
He looked out.
The air was filled with phantoms, wandering hither and
thither in restless haste, and moaning as they went. Every
one of them wore chains like Marley’s Ghost; some few (they
might be guilty governments) were linked together; none
were . Many had been personally known to Scrooge in
their lives. He had been quite familiar with one old ghost,
in a white waistcoat, with a monstrous iron safe attached
to its ankle, who cried piteously at being unable to assist a
wretched woman with an infant, whom it saw below, upon
a door-step. The misery with them all was, clearly, that they
sought to interfere, for good, in human matters, and had
lost the power for ever.
Whether these creatures faded into mist, or mist enshrouded
them, he could not tell. But they and their spirit
voices faded together; and the night became as it had been
when he walked home.
Scrooge closed the window, and examined the door by
which the Ghost had entered. It was double-locked, as he
had locked it with his own hands, and the bolts were undisturbed. He tried to say ‘Humbug!’ but stopped at the first
syllable. And being, from the emotion he had undergone, or
the fatigues of the day, or his glimpse of the Invisible World,
or the dull conversation of the Ghost, or the lateness of the
hour, much in need of repose; went straight to bed, without
undressing, and fell asleep upon the instant.

Stave 2: The First ofthe Three Spirits
When Scrooge awoke, it was so dark, that looking out
of bed, he could scarcely distinguish the transparent
window from the opaque walls of his chamber. He was endeavouring
to pierce the darkness with his ferret eyes, when
the chimes of a neighbouring church struck the four quarters.
So he listened for the hour.
To his great astonishment the heavy bell went on from
six to seven, and from seven to eight, and regularly up to
twelve; then stopped. Twelve. It was past two when he went
to bed. The clock was wrong. An icicle must have got into
the works. Twelve. He touched the spring of his repeater, to correct this most preposterous clock. Its rapid little pulse beat twelve: and stopped. ‘Why, it isn’t possible,’ said Scrooge, ‘that I can have slept through a whole day and far into another night. It isn’t possible that anything has happened to the sun, and this is twelve at noon.’ The idea being an alarming one, he scrambled out of bed, and groped his way to the window. He was obliged to rub the frost off with the sleeve of his dressing-gown before he could see anything; and could see very little then. All he could make out was, that it was still very foggy and extremely cold, and that there was no noise of people running to and fro, and making a great stir, as there unquestionably would have been if night had beaten off bright day, and taken possession of the world. This was a great relief, because ‘Three days after sight of this First of Exchange pay to Mr. Ebenezer Scrooge on his order,’ and so forth, would have
become a mere United States security if there were no days
to count by.
Scrooge went to bed again, and thought, and thought,
and thought it over and over, and could make nothing of it.
The more he thought, the more perplexed he was; and, the
more he endeavoured not to think, the more he thought.
Marley’s Ghost bothered him exceedingly. Every time he
resolved within himself, after mature inquiry that it was all
a dream, his mind flew back again, like a strong spring released,
to its first position, andpresented the same problem
to be worked all through, ‘Was it a dream or not?’
Scrooge lay in this state until the chime had gone threequarters
more, when he remembered, on a sudden, that the
Ghost hadwarned him of a visitation when the bell tolled
one. He resolved to lie awake until the hour was passed;
and, considering that he could no more go to sleep than
go to heaven, this was, perhaps, the wisest resolution in his
power. The quarter was so long, that he was more than once convinced he must have sunk into a doze unconsciously, and
missed the clock. At length it broke upon his listening ear.
‘Ding, dong!’ 
‘A quarter past,’ said Scrooge, counting.
‘Ding, dong!’
‘Half past,’ said Scrooge.
‘Ding, dong!’
‘A quarter to it,’ said Scrooge. ‘Ding, dong!’
‘The hour itself,’ said Scrooge triumphantly, ‘and nothing else!’
He spoke before the hour bell sounded, which it now did
with a deep, dull, hollow, melancholy ONE. Light flashed
up in the room upon the instant, and the curtains of his
bed were drawn.
The curtains of his bed were drawn aside, I tell you, by
a hand. Not the curtains at his feet, nor the curtains at his
back, but those to which his face was addressed. The curtains
of his bed were drawn aside; and Scrooge, starting up
into a half-recumbent attitude, found himself face to face
with the unearthly visitor who drew them: as close to it as
I am now to you, and I am standing in the spirit at your elbow.
It was a strange figure — like a child: yet not so like a
child as like an old man, viewed through some supernatural
medium, which gave him the appearance of having
receded from the view, and being diminished to a child’s
proportions. Its hair, which hung about its neck and down
its back, was white as if with age; and yet the face had not a
wrinkle in it, and the tenderest bloom was on the skin. The
arms were very long and muscular; the hands the same, as if
its hold were of uncommon strength. Its legs and feet, most
delicately formed, were, like those upper members, bare. It
wore a tunic of the purest white, and round its waist was
bound a lustrous belt, the sheen of which was beautiful. It
held a branch of fresh green holly in its hand; and, in singular
contradiction of that wintry emblem, had its dress
trimmed with summer flowers. But the strangest thing
about it was, that from the crown of its head there sprung
a bright clear jet of light, by which all this was visible; and
which was doubtless the occasion of its using, in its duller
moments, a great extinguisher for a cap, which it now held
under its arm.
Even this, though, when Scrooge looked at it with increasing
steadiness, was not its strangest quality. For as its
belt sparkled and glittered now in one part and now in another,
and what was light one instant, at another time was
dark, so the figure itself fluctuated in its distinctness: being
now a thing with one arm, now with one leg, now with
twenty legs, now a pair of legs without a head, now a head
without a body: of which dissolving parts, no outline would
be visible in the dense gloom wherein they melted away.
And in the very wonder of this, it would be itself again; distinct
and clear as ever.
‘Are you the Spirit, sir, whose coming was foretold to me.’
asked Scrooge.
‘I am.’
The voice was soft and gentle. Singularly low, as if instead
of being so close beside him, it were at a distance.
‘Who, and what are you.’ Scrooge demanded.
‘I am the Ghost of Christmas Past.’ ‘Long Past.’ inquired Scrooge: observant of its dwarfish stature.
‘No. Your past.’
Perhaps, Scrooge could not have told anybody why, if
anybody could have asked him; but he had a special desire
to see the Spirit in his cap; and begged him to be covered.
‘What.’ exclaimed the Ghost, ‘would you so soon put out,
with worldly hands, the light I give. Is it not enough that
you are one of those whose passions made this cap, and
force me through whole trains of years to wear it low upon
my brow.’
Scrooge reverently disclaimed all intention to offend or
any knowledge of having wilfully bonneted the Spirit at any
period of his life. He then made bold to inquire what business
brought him there.
‘Your welfare.’ said the Ghost.
Scrooge expressed himself much obliged, but could not
help thinking that a night of unbroken rest would have been
more conducive to that end. The Spirit must have heard him
thinking, for it said immediately:
‘Your reclamation, then. Take heed.’
It put out its strong hand as it spoke, and clasped him
gently by the arm.
‘Rise. and walk with me.’
It would have been in vain for Scrooge to plead that the
weather and the hour were not adapted to pedestrian purposes;
that bed was warm, and the thermometer a long way
below zing; that he was clad but lightly in his slippers,
dressing-gown, and nightcap; and that he had a cold upon
him at that time. The grasp, though gentle as a woman’s
  33
hand, was not to be resisted. He rose: but finding that the
Spirit made towards the window, clasped his robe in supplication.
‘I am mortal,’ Scrooge remonstrated, ‘and liable to fall.’
‘Bear but a touch of my hand there,’ said the Spirit, laying
it upon his heart,’ and you shall be upheld in more than this.’
As the words were spoken, they passed through the wall,
and stood upon an open country road, with fields on either
hand. The city had entirely vanished. Not a vestige of it was
to be seen. The darkness and the mist had vanished with
it, for it was a clear, cold, winter day, with snow upon the
ground.
‘Good Heaven!’ said Scrooge, clasping his hands together,
as he looked about him. ‘I was bred in this place. I was
a boy here.’
The Spirit gazed upon him mildly. Its gentle touch,
though it had been light and instantaneous, appeared still
present to the old man’s sense of feeling. He was conscious
of a thousand odours floating in the air, each one connected
with a thousand thoughts, and hopes, and joys, and cares
long, long, forgotten.
‘Your lip is trembling,’ said the Ghost. ‘And what is that
upon your cheek.’
Scrooge muttered, with an unusual catching in his voice,
that it was a pimple; and begged the Ghost to lead him
where he would.
‘You recollect the way.’ inquired the Spirit.
‘Remember it.’ cried Scrooge with fervour; ‘I could walk 
it blindfold.’
‘Strange to have forgotten it for so many years.’ observed
the Ghost. ‘Let us go on.’
They walked along the road, Scrooge recognising every
gate, and post, and tree; until a little market-town appeared
in the distance, with its bridge, its church, and winding
river. Some shaggy ponies now were seen trotting towards
them with boys upon their backs, who called to other boys
in country gigs and carts, driven by farmers. All these boys
were in great spirits, and shouted to each other, until the
broad fields were so full of merry music, that the crisp air
laughed to hear it.
‘These are but shadows of the things that have been,’ said
the Ghost. ‘They have no consciousness of us.’
The jocund travellers came on; and as they came, Scrooge
knew and named them every one. Why was he rejoiced beyond
all bounds to see them. Why did his cold eye glisten,
and his heart leap up as they went past. Why was he filled
with gladness when he heard them give each other Merry
Christmas, as they parted at cross-roads and bye-ways, for
their several homes. What was merry Christmas to Scrooge.
Out upon merry Christmas. What good had it ever done
to him.
‘The school is not quite deserted,’ said the Ghost. ‘A solitary
child, neglected by his friends, is left there still.’
Scrooge said he knew it. And he sobbed.
They left the high-road, by a well-remembered lane, and
soon approached a mansion of dull red brick, with a little
weathercock-surmounted cupola, on the roof, and a bell
  35
hanging in it. It was a large house, but one of broken fortunes;
for the spacious offices were little used, their walls
were damp and mossy, their windows broken, and their
gates decayed. Fowls clucked and strutted in the stables; and
the coach-houses and sheds were over-run with grass. Nor
was it more retentive of its ancient state, within; for entering
the dreary hall, and glancing through the open doors of
many rooms, they found them poorly furnished, cold, and
vast. There was an earthy savour in the air, a chilly bareness
in the place, which associated itself somehow with too
much getting up by candle-light, and not too much to eat.
They went, the Ghost and Scrooge, across the hall, to a
door at the back of the house. It opened before them, and
disclosed a long, bare, melancholy room, made barer still by
lines of plain deal forms and desks. At one of these a lonely
boy was reading near a feeble fire; and Scrooge sat down
upon a form, and wept to see his poor forgotten self as he
used to be.
Not a latent echo in the house, not a squeak and scuffle
from the mice behind the panelling, not a drip from the
half-thawed water-spout in the dull yard behind, not a sigh
among the leafless boughs of one despondent poplar, not
the idle swinging of an empty store-house door, no, not a
clicking in the fire, but fell upon the heart of Scrooge with a
softening influence, and gave a r passage to his tears.
The Spirit touched him on the arm, and pointed to his
younger self, intent upon his reading. Suddenly a man, in
foreign garments: wonderfully real and distinct to look at:
stood outside the window, with an axe stuck in his belt, and
leading by the bridle an ass laden with wood.
‘Why, it’s Ali Baba.’ Scrooge exclaimed in ecstasy. ‘It’s
dear old honest Ali Baba. Yes, yes, I know. One Christmas
time, when yonder solitary child was left here all alone, he
did come, for the first time, just like that. Poor boy. And
Valentine,’ said Scrooge,’ and his wild brother, Orson; there
they go. And what’s his name, who was put down in his
drawers, asleep, at the Gate of Damascus; don’t you see him.
And the Sultan’s Groom turned upside down by the Genii;
there he is upon his head. Serve him right. I’m glad of it.
What business had he to be married to the Princess.’
To hear Scrooge expending all the earnestness of his
nature on such subjects, in a most extraordinary voice between
laughing and crying; and to see his heightened and
excited face; would have been a surprise to his business
friends in the city, indeed.
‘There’s the Parrot.’ cried Scrooge. ‘Green body and yellow
tail, with a thing like a lettuce growing out of the top
of his head; there he is. Poor Robin Crusoe, he called him,
when he came home again after sailing round the island.
‘Poor Robin Crusoe, where have you been, Robin Crusoe.’
The man thought he was dreaming, but he wasn’t. It was the
Parrot, you know. There goes Friday, running for his life to
the little creek. Halloa. Hoop. Hallo.’
Then, with a rapidity of transition very foreign to his
usual character, he said, in pity for his former self, ‘Poor
boy.’ and cried again.
‘I wish,’ Scrooge muttered, putting his hand in his pocket,
and looking about him, after drying his eyes with his cuff:
  37
‘but it’s too late now.’
‘What is the matter.’ asked the Spirit.
‘Nothing,’ said Scrooge. ‘Nothing. There was a boy singing
a Christmas Carol at my door last night. I should like to
have given him something: that’s all.’
The Ghost smiled thoughtfully, and waved its hand: saying
as it did so, ‘Let us see another Christmas.’
Scrooge’s former self grew larger at the words, and the
room became a little darker and more dirty. The panels
shrunk, the windows cracked; fragments of plaster fell out
of the ceiling, and the naked laths were shown instead; but
how all this was brought about, Scrooge knew no more than
you do. He only knew that it was quite correct; that everything
had happened so; that there he was, alone again, when
all the other boys had gone home for the jolly holidays.
He was not reading now, but walking up and down despairingly.
Scrooge looked at the Ghost, and with a mournful shaking
of his head, glanced anxiously towards the door.
It opened; and a little girl, much younger than the boy,
came darting in, and putting her arms about his neck, and
often kissing him, addressed him as her ‘Dear, dear brother.’
‘I have come to bring you home, dear brother.’ said the
child, clapping her tiny hands, and bending down to laugh.
‘To bring you home, home, home.’
‘Home, little Fan.’ returned the boy.
‘Yes.’ said the child, brimful of glee. ‘Home, for good and
all. Home, for ever and ever. Father is so much kinder than
38 
he used to be, that home’s like Heaven. He spoke so gently
to me one dear night when I was going to bed, that I was
not afraid to ask him once more if you might come home;
and he said Yes, you should; and sent me in a coach to bring
you. And you’re to be a man.’ said the child, opening her
eyes,’ and are never to come back here; but first, we’re to be
together all the Christmas long, and have the merriest time
in all the world.’
‘You are quite a woman, little Fan.’ exclaimed the boy.
She clapped her hands and laughed, and tried to touch
his head; but being too little, laughed again, and stood on
tiptoe to embrace him. Then she began to drag him, in her
childish eagerness, towards the door; and he, nothing loth
to go, accompanied her.
A terrible voice in the hall cried. ‘Bring down Master
Scrooge’s box, there.’ and in the hall appeared the schoolmaster
himself, who glared on Master Scrooge with a
ferocious condescension, and threw him into a dreadful
state of mind by shaking hands with him. He then conveyed
him and his sister into the veriest old well of a shivering bestparlour
that ever was seen, where the maps upon the wall,
and the celestial and terrestrial globes in the windows, were
waxy with cold. Here he produced a decanter of curiously
light wine, and a block of curiously heavy cake, and administered
instalments of those dainties to the young people: at
the same time, sending out a meagre servant to offer a glass
of something to the postboy, who answered that he thanked
the gentleman, but if it was the same tap as he had tasted before,
he had rather not. Master Scrooge’s trunk being by this
  39
time tied on to the top of the chaise, the children bade the
schoolmaster good-bye right willingly; and getting into it,
drove gaily down the garden-sweep: the quick wheels dashing
the hoar-frost and snow from off the dark leaves of the
evergreens like spray.
‘Always a delicate creature, whom a breath might have
withered,’ said the Ghost. ‘But she had a large heart.’
‘So she had,’ cried Scrooge. ‘You’re right. I will not gainsay
it, Spirit. God forbid.’
‘She died a woman,’ said the Ghost, ‘and had, as I think,
children.’
‘One child,’ Scrooge returned.
‘True,’ said the Ghost. ‘Your nephew.’
Scrooge seemed uneasy in his mind; and answered briefly,
‘Yes.’
Although they had but that moment left the school behind
them, they were now in the busy thoroughfares of a
city, where shadowy passengers passed and repassed; where
shadowy carts and coaches battle for the way, and all the
strife and tumult of a real city were. It was made plain
enough, by the dressing of the shops, that here too it was
Christmas time again; but it was evening, and the streets
were lighted up.
The Ghost stopped at a certain warehouse door, and
asked Scrooge if he knew it.
‘Know it.’ said Scrooge. ‘I was apprenticed here.’
They went in. At sight of an old gentleman in a Welsh
wig, sitting behind such a high desk, that if he had been
two inches taller he must have knocked his head against the
40 
ceiling, Scrooge cried in great excitement:
‘Why, it’s old Fezziwig. Bless his heart; it’s Fezziwig alive
again.’
Old Fezziwig laid down his pen, and looked up at the
clock, which pointed to the hour of seven. He rubbed his
hands; adjusted his capacious waistcoat; laughed all over
himself, from his shows to his organ of benevolence; and
called out in a comfortable, oily, rich, fat, jovial voice:
‘Yo ho, there. Ebenezer. Dick.’
Scrooge’s former self, now grown a young man, came
briskly in, accompanied by his fellow-prentice.
‘Dick Wilkins, to be sure.’ said Scrooge to the Ghost.
‘Bless me, yes. There he is. He was very much attached to me,
was Dick. Poor Dick. Dear, dear.’
‘Yo ho, my boys.’ said Fezziwig. ‘No more work to-night.
Christmas Eve, Dick. Christmas, Ebenezer. Let’s have the
shutters up,’ cried old Fezziwig, with a sharp clap of his
hands,’ before a man can say Jack Robinson.’
You wouldn’t believe how those two fellows went at it.
They charged into the street with the shutters — one, two,
three — had them up in their places — four, five, six —
barred them and pinned then — seven, eight, nine — and
came back before you could have got to twelve, panting like
race-horses.
‘Hilli-ho!’ cried old Fezziwig, skipping down from the
high desk, with wonderful agility. ‘Clear away, my lads, and
let’s have lots of room here. Hilli-ho, Dick. Chirrup, Ebenezer.’
C
lear away. There was nothing they wouldn’t have
  41
cleared away, or couldn’t have cleared away, with old Fezziwig
looking on. It was done in a minute. Every movable
was packed off, as if it were dismissed from public life for
evermore; the floor was swept and watered, the lamps were
trimmed, fuel was heaped upon the fire; and the warehouse
was as snug, and warm, and dry, and bright a ball-room, as
you would desire to see upon a winter’s night.
In came a fiddler with a music-book, and went up to the
lofty desk, and made an orchestra of it, and tuned like fifty
stomach-aches. In came Mrs Fezziwig, one vast substantial
smile. In came the three Miss Fezziwigs, beaming and
lovable. In came the six young followers whose hearts they
broke. In came all the young men and women employed
in the business. In came the housemaid, with her cousin,
the baker. In came the cook, with her brother’s particular
friend, the milkman. In came the boy from over the way,
who was suspected of not having board enough from his
master; trying to hide himself behind the girl from next
door but one, who was proved to have had her ears pulled
by her mistress. In they all came, one after another; some
shyly, some boldly, some gracefully, some awkwardly, some
pushing, some pulling; in they all came, anyhow and everyhow.
Away they all went, twenty couples at once; hands half
round and back again the other way; down the middle and
up again; round and round in various stages of affectionate
grouping; old top couple always turning up in the wrong
place; new top couple starting off again, as soon as they got
there; all top couples at last, and not a bottom one to help
them. When this result was brought about, old Fezziwig,
42 
clapping his hands to stop the dance, cried out,’ Well done.’
and the fiddler plunged his hot face into a pot of porter, especially
provided for that purpose. But scorning rest, upon
his reappearance, he instantly began again, though there
were no dancers yet, as if the other fiddler had been carried
home, exhausted, on a shutter, and he were a bran-new man
resolved to beat him out of sight, or perish.
There were more dances, and there were forfeits, and
more dances, and there was cake, and there was negus, and
there was a great piece of Cold Roast, and there was a great
piece of Cold Boiled, and there were mince-pies, and plenty
of beer. But the great effect of the evening came after the
Roast and Boiled, when the fiddler (an artful dog, mind.
The sort of man who knew his business better than you or
I could have told it him.) struck up Sir Roger de Coverley.’
Then old Fezziwig stood out to dance with Mrs Fezziwig.
Top couple, too; with a good stiff piece of work cut out for
them; three or four and twenty pair of partners; people who
were not to be trifled with; people who would dance, and
had no notion of walking.
But if they had been twice as many — ah, four times
— old Fezziwig would have been a match for them, and so
would Mrs Fezziwig. As to her, she was worthy to be his
partner in every sense of the term. If that’s not high praise,
tell me higher, and I’ll use it. A positive light appeared to issue
from Fezziwig’s calves. They shone in every part of the
dance like moons. You couldn’t have predicted, at any given
time, what would have become of them next. And when
old Fezziwig and Mrs Fezziwig had gone all through the
  43
dance; advance and retire, both hands to your partner, bow
and curtsey, corkscrew, thread-the-needle, and back again
to your place; Fezziwig cut — cut so deftly, that he appeared
to wink with his legs, and came upon his feet again without
a stagger.
When the clock struck eleven, this domestic ball broke
up. Mr and Mrs Fezziwig took their stations, one on either
side of the door, and shaking hands with every person individually
as he or she went out, wished him or her a Merry
Christmas. When everybody had retired but the two prentices,
they did the same to them; and thus the cheerful
voices died away, and the lads were left to their beds; which
were under a counter in the back-shop.
During the whole of this time, Scrooge had acted like a
man out of his wits. His heart and soul were in the scene,
and with his former self. He corroborated everything, remembered
everything, enjoyed everything, and underwent
the strangest agitation. It was not until now, when the bright
faces of his former self and Dick were turned from them,
that he remembered the Ghost, and became conscious that
it was looking full upon him, while the light upon its head
burnt very clear.
‘A small matter,’ said the Ghost, ‘to make these silly folks
so full of gratitude.’
‘Small.’ echoed Scrooge.
The Spirit signed to him to listen to the two apprentices,
who were pouring out their hearts in praise of Fezziwig:
and when he had done so, said,
‘Why. Is it not. He has spent but a few pounds of your
44 
mortal money: three or four perhaps. Is that so much that
he deserves this praise.’
‘It isn’t that,’ said Scrooge, heated by the remark, and
speaking unconsciously like his former, not his latter, self.
‘It isn’t that, Spirit. He has the power to render us happy or
unhappy; to make our service light or burdensome; a pleasure
or a toil. Say that his power lies in words and looks; in
things so slight and insignificant that it is impossible to add
and count them up: what then. The happiness he gives, is
quite as great as if it cost a fortune.’
He felt the Spirit’s glance, and stopped.
‘What is the matter.’ asked the Ghost.
‘Nothing in particular,’ said Scrooge.
‘Something, I think.’ the Ghost insisted.
‘No,’ said Scrooge,’ No. I should like to be able to say a
word or two to my clerk just now. That’s all.’
His former self turned down the lamps as he gave utterance
to the wish; and Scrooge and the Ghost again stood
side by side in the open air.
‘My time grows short,’ observed the Spirit. ‘Quick.’
This was not addressed to Scrooge, or to any one whom
he could see, but it produced an immediate effect. For again
Scrooge saw himself. He was older now; a man in the prime
of life. His face had not the harsh and rigid lines of later
years; but it had begun to wear the signs of care and avarice.
There was an eager, greedy, restless motion in the eye,
which showed the passion that had taken root, and where
the shadow of the growing tree would fall.
He was not alone, but sat by the side of a fair young girl
  45
in a mourning-dress: in whose eyes there were tears, which
sparkled in the light that shone out of the Ghost of Christmas
Past.
‘It matters little,’ she said, softly. ‘To you, very little. Another
idol has displaced me; and if it can cheer and comfort
you in time to come, as I would have tried to do, I have no
just cause to grieve.’
‘What Idol has displaced you.’ he rejoined.
‘A golden one.’
‘This is the even-handed dealing of the world.’ he said.
‘There is nothing on which it is so hard as poverty; and there
is nothing it professes to condemn with such severity as the
pursuit of wealth.’
‘You fear the world too much,’ she answered, gently. ‘All
your other hopes have merged into the hope of being beyond
the chance of its sordid reproach. I have seen your
nobler aspirations fall off one by one, until the master-passion,
Gain, engrosses you. Have I not.’
‘What then.’ he retorted. ‘Even if I have grown so much
wiser, what then. I am not changed towards you.’
She shook her head.
‘Am I.’
‘Our contract is an old one. It was made when we were
both poor and content to be so, until, in good season, we
could improve our worldly fortune by our patient industry.
You are changed. When it was made, you were another
man.’
‘I was a boy,’ he said impatiently.
‘Your own feeling tells you that you were not what you
46 
are,’ she returned. ‘I am. That which promised happiness
when we were one in heart, is fraught with misery now that
we are two. How often and how keenly I have thought of
this, I will not say. It is enough that I have thought of it, and
can release you.’
‘Have I ever sought release.’
‘In words. No. Never.’
‘In what, then.’
‘In a changed nature; in an altered spirit; in another
atmosphere of life; another Hope as its great end. In everything
that made my love of any worth or value in your sight.
If this had never been between us,’ said the girl, looking
mildly, but with steadiness, upon him;’ tell me, would you
seek me out and try to win me now. Ah, no.’
He seemed to yield to the justice of this supposition, in
spite of himself. But he said with a struggle,’ You think
not.’
‘I would gladly think otherwise if I could,’ she answered,
‘Heaven knows. When I have learned a Truth like this, I
know how strong and irresistible it must be. But if you were
 to-day, to-morrow, yesterday, can even I believe that
you would choose a dowerless girl — you who, in your very
confidence with her, weigh everything by Gain: or, choosing
her, if for a moment you were false enough to your one
guiding principle to do so, do I not know that your repentance
and regret would surely follow. I do; and I release you.
With a full heart, for the love of him you once were.’
He was about to speak; but with her head turned from
him, she resumed.
  47
‘You may — the memory of what is past half makes me
hope you will — have pain in this. A very, very brief time,
and you will dismiss the recollection of it, gladly, as an unprofitable
dream, from which it happened well that you
awoke. May you be happy in the life you have chosen.’
She left him, and they parted.
‘Spirit.’ said Scrooge,’ show me no more. Conduct me
home. Why do you delight to torture me.’
‘One shadow more.’ exclaimed the Ghost.
‘No more.’ cried Scrooge. ‘No more, I don’t wish to see it.
Show me no more.’
But the relentless Ghost pinioned him in both his arms,
and forced him to observe what happened next.
They were in another scene and place; a room, not very
large or handsome, but full of comfort. Near to the winter
fire sat a beautiful young girl, so like that last that Scrooge
believed it was the same, until he saw her, now a comely
matron, sitting opposite her daughter. The noise in this
room was perfectly tumultuous, for there were more children
there, than Scrooge in his agitated state of mind could
count; and, unlike the celebrated herd in the poem, they
were not forty children conducting themselves like one,
but every child was conducting itself like forty. The consequences were uproarious beyond belief; but no one seemed to care; on the contrary, the mother and daughter laughed heartily, and enjoyed it very much; and the latter, soon beginning to mingle in the sports, got pillaged by the young
brigands most ruthlessly. What would I not have given to
one of them. Though I never could have been so rude, no,
no. I wouldn’t for the wealth of all the world have crushed
that braided hair, and torn it down; and for the precious little
shoe, I wouldn’t have plucked it off, God bless my soul. to
save my life. As to measuring her waist in sport, as they did,
bold young brood, I couldn’t have done it; I should have
expected my arm to have grown round it for a punishment,
and never come straight again. And yet I should have dearly
liked, I own, to have touched her lips; to have questioned
her, that she might have opened them; to have looked upon
the lashes of her downcast eyes, and never raised a blush;
to have let loose waves of hair, an inch of which would be
a keepsake beyond price: in short, I should have liked, I do
confess, to have had the lightest licence of a child, and yet to
have been man enough to know its value.
But now a knocking at the door was heard, and such a
rush immediately ensued that she with laughing face and
plundered dress was borne towards it the centre of a flushed
and boisterous group, just in time to greet the father, who
came home attended by a man laden with Christmas toys
and presents. Then the shouting and the struggling, and
the onslaught that was made on the defenceless porter. The
scaling him with chairs for ladders to dive into his pockets,
despoil him of brown-paper parcels, hold on tight by
his cravat, hug him round his neck, pommel his back, and
kick his legs in irrepressible affection. The shouts of wonder
and delight with which the development of every package
was received. The terrible announcement that the baby had
been taken in the act of putting a doll’s frying-pan into his
mouth, and was more than suspected of having swallowed
a fictitious turkey, glued on a wooden platter. The immense
relief of finding this a false alarm. The joy, and gratitude,
and ecstasy. They are all indescribable alike. It is enough
that by degrees the children and their emotions got out of
the parlour, and by one stair at a time, up to the top of the
house; where they went to bed, and so subsided.
And now Scrooge looked on more attentively than ever,
when the master of the house, having his daughter leaning
fondly on him, sat down with her and her mother at his own
fireside; and when he thought that such another creature,
quite as graceful and as full of promise, might have called
him father, and been a spring-time in the haggard winter of
his life, his sight grew very dim indeed.
‘Belle,’ said the husband, turning to his wife with a smile,’
I saw an old friend of yours this afternoon.’
‘Who was it.’ ‘Guess.’
‘How can I. Tut, don’t I know.’ she added in the same
breath, laughing as he laughed. ‘Mr Scrooge.’
‘Mr Scrooge it was. I passed his office window; and as it
was not shut up, and he had a candle inside, I could scarcely
help seeing him. His partner lies upon the point of death, I
hear; and there he sat alone. Quite alone in the world, I do
believe.’
‘Spirit.’ said Scrooge in a broken voice,’ remove me from
this place.’
‘I told you these were shadows of the things that have
been,’ said the Ghost. ‘That they are what they are, do not
blame me.’
50 
‘Remove me.’ Scrooge exclaimed,’ I cannot bear it.’
He turned upon the Ghost, and seeing that it looked
upon him with a face, in which in some strange way there
were fragments of all the faces it had shown him, wrestled
with it.
‘Leave me. Take me back. Haunt me no longer.’
In the struggle, if that can be called a struggle in which
the Ghost with no visible resistance on its own part was undisturbed
by any effort of its adversary, Scrooge observed
that its light was burning high and bright; and dimly connecting
that with its influence over him, he seized the
extinguisher-cap, and by a sudden action pressed it down
upon its head.
The Spirit dropped beneath it, so that the extinguisher
covered its whole form; but though Scrooge pressed it down
with all his force, he could not hide the light, which streamed
from under it, in an unbroken flood upon the ground.
He was conscious of being exhausted, and overcome by
an irresistible drowsiness; and, further, of being in his own
bedroom. He gave the cap a parting squeeze, in which his
hand relaxed; and had barely time to reel to bed, before he
sank into a heavy sleep.
  51
Stave 3: The Second of
the Three Spirits
Awaking in the middle of a prodigiously tough snore, and
sitting up in bed to get his thoughts together, Scrooge
had no occasion to be told that the bell was again upon the
stroke of One. He felt that he was restored to consciousness
in the right nick of time, for the especial purpose of holding
a conference with the second messenger despatched to
him through Jacob Marley’s intervention. But, finding that
he turned uncomfortably cold when he began to wonder
which of his curtains this new spectre would draw back, he
put them every one aside with his own hands, and lying
down again, established a sharp look-out all round the bed.
For, he wished to challenge the Spirit on the moment of its
appearance, and did not wish to be taken by surprise, and
made nervous.
Gentlemen of the -and-easy sort, who plume themselves
on being acquainted with a move or two, and being
usually equal to the time-of-day, express the wide range of
their capacity for adventure by observing that they are good
for anything from pitch-and-toss to manslaughter; between
which opposite extremes, no doubt, there lies a tolerably
wide and comprehensive range of subjects. Without venturing
for Scrooge quite as hardily as this, I don’t mind calling
52 
on you to believe that he was ready for a good broad field of
strange appearances, and that nothing between a baby and
rhinoceros would have astonished him very much.
Now, being prepared for almost anything, he was not by
any means prepared for nothing; and, consequently, when
the Bell struck One, and no shape appeared, he was taken
with a violent fit of trembling. Five minutes, ten minutes, a
quarter of an hour went by, yet nothing came. All this time,
he lay upon his bed, the very core and centre of a blaze of
ruddy light, which streamed upon it when the clock proclaimed
the hour; and which, being only light, was more
alarming than a dozen ghosts, as he was powerless to make
out what it meant, or would be at; and was sometimes apprehensive
that he might be at that very moment an interesting
case of spontaneous combustion, without having the consolation
of knowing it. At last, however, he began to think
— as you or I would have thought at first; for it is always the
person not in the predicament who knows what ought to
have been done in it, and would unquestionably have done
it too — at last, I say, he began to think that the source and
secret of this ghostly light might be in the adjoining room,
from whence, on further tracing it, it seemed to shine. This
idea taking full possession of his mind, he got up softly and
shuffled in his slippers to the door.
The moment Scrooge’s hand was on the lock, a strange
voice called him by his name, and bade him enter. He
obeyed.
It was his own room. There was no doubt about that. But
it had undergone a surprising transformation. The walls
  53
and ceiling were so hung with living green, that it looked
a perfect grove; from every part of which, bright gleaming
berries glistened. The crisp leaves of holly, mistletoe, and
ivy reflected back the light, as if so many little mirrors had
been scattered there; and such a mighty blaze went roaring
up the chimney, as that dull petrification of a hearth had
never known in Scrooge’s time, or Marley’s, or for many
and many a winter season gone. Heaped up on the floor, to
form a kind of throne, were turkeys, geese, game, poultry,
brawn, great joints of meat, sucking-pigs, long wreaths of
sausages, mince-pies, plum-puddings, barrels of oysters,
red-hot chestnuts, cherry-cheeked apples, juicy oranges,
luscious pears, immense twelfth-cakes, and seething bowls
of punch, that made the chamber dim with their delicious
steam. In easy state upon this couch, there sat a jolly Giant,
glorious to see, who bore a glowing torch, in shape not unlike
Plenty’s horn, and held it up, high up, to shed its light
on Scrooge, as he came peeping round the door.
‘Come in.’ exclaimed the Ghost. ‘Come in, and know me
better, man.’
Scrooge entered timidly, and hung his head before this
Spirit. He was not the dogged Scrooge he had been; and
though the Spirit’s eyes were clear and kind, he did not like
to meet them.
‘I am the Ghost of Christmas Present,’ said the Spirit.
‘Look upon me.’
Scrooge reverently did so. It was clothed in one simple
green robe, or mantle, bordered with white fur. This garment
hung so loosely on the figure, that its capacious breast
54 
was bare, as if disdaining to be warded or concealed by any
artifice. Its feet, observable beneath the ample folds of the
garment, were also bare; and on its head it wore no other
covering than a holly wreath, set here and there with shining
icicles. Its dark brown curls were long and ;  as
its genial face, its sparkling eye, its open hand, its cheery
voice, its unconstrained demeanour, and its joyful air. Girded
round its middle was an antique scabbard; but no sword
was in it, and the ancient sheath was eaten up with rust.
‘You have never seen the like of me before.’ exclaimed
the Spirit.
‘Never,’ Scrooge made answer to it.
‘Have never walked forth with the younger members of
my family; meaning (for I am very young) my elder brothers
born in these later years.’ pursued the Phantom.
‘I don’t think I have,’ said Scrooge. ‘I am afraid I have not.
Have you had many brothers, Spirit.’
‘More than eighteen hundred,’ said the Ghost.
‘A tremendous family to provide for.’ muttered Scrooge.
The Ghost of Christmas Present rose.
‘Spirit,’ said Scrooge submissively,’ conduct me where
you will. I went forth last night on compulsion, and I learnt
a lesson which is working now. To-night, if you have aught
to teach me, let me profit by it.’
‘Touch my robe.’
Scrooge did as he was told, and held it fast.
Holly, mistletoe, red berries, ivy, turkeys, geese, game,
poultry, brawn, meat, pigs, sausages, oysters, pies, puddings,
fruit, and punch, all vanished instantly. So did the room,
  55
the fire, the ruddy glow, the hour of night, and they stood
in the city streets on Christmas morning, where (for the
weather was severe) the people made a rough, but brisk and
not unpleasant kind of music, in scraping the snow from
the pavement in front of their dwellings, and from the tops
of their houses, whence it was mad delight to the boys to see
it come plumping down into the road below, and splitting
into artificial little snow-storms.
The house fronts looked black enough, and the windows
blacker, contrasting with the smooth white sheet of snow
upon the roofs, and with the dirtier snow upon the ground;
which last deposit had been ploughed up in deep furrows
by the heavy wheels of carts and waggons; furrows that
crossed and recrossed each other hundreds of times where
the great streets branched off; and made intricate channels,
hard to trace in the thick yellow mud and icy water. The
sky was gloomy, and the shortest streets were choked up
with a dingy mist, half thawed, half frozen, whose heavier
particles descended in shower of sooty atoms, as if all the
chimneys in Great Britain had, by one consent, caught fire,
and were blazing away to their dear hearts’ content. There
was nothing very cheerful in the climate or the town, and
yet was there an air of cheerfulness abroad that the clearest
summer air and brightest summer sun might have endeavoured
to diffuse in vain.
For, the people who were shovelling away on the housetops
were jovial and full of glee; calling out to one another
from the parapets, and now and then exchanging a facetious
snowball — better-natured missile far than many a
wordy jest — laughing heartily if it went right and not less
heartily if it went wrong. The poulterers’ shops were still half
open, and the fruiterers’ were radiant in their glory. There
were great, round, round, pot-bellied baskets of chestnuts,
shaped like the waistcoats of jolly old gentlemen, lolling at
the doors, and tumbling out into the street in their apoplectic
opulence. There were ruddy, brown-faced, broad-girthed
Spanish onions, shining in the fatness of their growth like
Spanish Friars, and winking from their shelves in wanton
slyness at the girls as they went by, and glanced demurely
at the hung-up mistletoe. There were pears and apples,
clustered high in blooming pyramids; there were bunches
of grapes, made, in the shopkeepers’ benevolence to dangle
from conspicuous hooks, that people’s mouths might water
gratis as they passed; there were piles of filberts, mossy and
brown, recalling, in their fragrance, ancient walks among
the woods, and pleasant shufflings ankle deep through withered
leaves; there were Norfolk Biffins, squab and swarthy,
setting off the yellow of the oranges and lemons, and, in the
great compactness of their juicy persons, urgently entreating
and beseeching to be carried home in paper bags and
eaten after dinner. The very gold and silver fish, set forth
among these choice fruits in a bowl, though members of
a dull and stagnant-blooded race, appeared to know that
there was something going on; and, to a fish, went gasping
round and round their little world in slow and passionless
excitement. The Grocers’. oh the Grocers’. nearly closed, with perhaps two shutters down, or one; but through those gaps
such glimpses. It was not alone that the scales descending
on the counter made a merry sound, or that the twine and
roller parted company so briskly, or that the canisters were
rattled up and down like juggling tricks, or even that the
blended scents of tea and coffee were so grateful to the nose,
or even that the raisins were so plentiful and rare, the almonds
so extremely white, the sticks of cinnamon so long
and straight, the other spices so delicious, the candied
fruits so caked and spotted with molten sugar as to make
the coldest lookers-on feel faint and subsequently bilious.
Nor was it that the figs were moist and pulpy, or that the
French plums blushed in modest tartness from their highlydecorated
boxes, or that everything was good to eat and in
its Christmas dress; but the customers were all so hurried
and so eager in the hopeful promise of the day, that they
tumbled up against each other at the door, crashing their
wicker baskets wildly, and left their purchases upon the
counter, and came running back to fetch them, and committed
hundreds of the like mistakes, in the best humour
possible; while the Grocer and his people were so frank
and fresh that the polished hearts with which they fastened
their aprons behind might have been their own, worn outside
for general inspection, and for Christmas daws to peck
at if they chose.
But soon the steeples called good people all, to church and
chapel, and away they came, flocking through the streets in
their best clothes, and with their gayest faces. And at the
same time there emerged from scores of bye-streets, lanes,
and nameless turnings, innumerable people, carrying their 
dinners to the baker’ shops. The sight of these poor revellers
appeared to interest the Spirit very much, for he stood with
Scrooge beside him in a baker’s doorway, and taking off the
covers as their bearers passed, sprinkled incense on their
dinners from his torch. And it was a very uncommon kind
of torch, for once or twice when there were angry words between some dinner-carriers who had jostled each other, he
shed a few drops of water on them from it, and their good
humour was restored directly. For they said, it was a shame
to quarrel upon Christmas Day. And so it was. God love it,
so it was. In time the bells ceased, and the bakers were shut up;
and yet there was a genial shadowing forth of all these dinners
and the progress of their cooking, in the thawed blotch
of wet above each baker’s oven; where the pavement smoked
as if its stones were cooking too.
‘Is there a peculiar flavour in what you sprinkle from
your torch.’ asked Scrooge.
‘There is. My own.’
‘Would it apply to any kind of dinner on this day.’ asked
Scrooge.
‘To any kindly given. To a poor one most.’
‘Why to a poor one most.’ asked Scrooge.
‘Because it needs it most.’
‘Spirit,’ said Scrooge, after a moment’s thought,’ I wonder
you, of all the beings in the many worlds about us, should
desire to cramp these people’s opportunities of innocent
enjoyment.’
‘I.’ cried the Spirit.
‘You would deprive them of their means of dining every
seventh day, often the only day on which they can be said to
dine at all,’ said Scrooge. ‘Wouldn’t you.’
‘I.’ cried the Spirit.
‘You seek to close these places on the Seventh Day.’ said
Scrooge. ‘And it comes to the same thing.’
‘I seek.’ exclaimed the Spirit.
‘Forgive me if I am wrong. It has been done in your name,
or at least in that of your family,’ said Scrooge.
‘There are some upon this earth of yours,’ returned the
Spirit,’ who lay claim to know us, and who do their deeds of
passion, pride, ill-will, hatred, envy, bigotry, and selfishness
in our name, who are as strange to us and all our kith and
kin, as if they had never lived. Remember that, and charge
their doings on themselves, not us.’
Scrooge promised that he would; and they went on, invisible,
as they had been before, into the suburbs of the town.
It was a remarkable quality of the Ghost (which Scrooge had
observed at the baker’s), that notwithstanding his gigantic
size, he could accommodate himself to any place with ease;
and that he stood beneath a low roof quite as gracefully and
like a supernatural creature, as it was possible he could have
done in any lofty hall.
And perhaps it was the pleasure the good Spirit had in
showing off this power of his, or else it was his own kind,
generous, hearty nature, and his sympathy with all poor
men, that led him straight to Scrooge’s clerk’s; for there he
went, and took Scrooge with him, holding to his robe; and
on the threshold of the door the Spirit smiled, and stopped
to bless Bob Cratchit’s dwelling with the sprinkling of his
torch. Think of that. Bob had but fifteen bob a-week himself;
he pocketed on Saturdays but fifteen copies of his Christian
name; and yet the Ghost of Christmas Present blessed his
four-roomed house.
Then up rose Mrs Cratchit, Cratchit’s wife, dressed out
but poorly in a twice-turned gown, but brave in ribbons,
which are cheap and make a goodly show for sixpence;
and she laid the cloth, assisted by Belinda Cratchit, second
of her daughters, also brave in ribbons; while Master Peter
Cratchit plunged a fork into the saucepan of potatoes,
and getting the corners of his monstrous shirt collar (Bob’s
private property, conferred upon his son and heir in honour
of the day) into his mouth, rejoiced to find himself so
gallantly attired, and yearned to show his linen in the fashionable Parks. And now two smaller Cratchits, boy and girl,
came tearing in, screaming that outside the baker’s they
had smelt the goose, and known it for their own; and basking
in luxurious thoughts of sage and onion, these young
Cratchits danced about the table, and exalted Master Peter
Cratchit to the skies, while he (not proud, although his
collars nearly choked him) blew the fire, until the slow potatoes
bubbling up, knocked loudly at the saucepan-lid to
be let out and peeled.
‘What has ever got your precious father then.’ said Mrs
Cratchit. ‘And your brother, Tiny Tim. And Martha warn’t
as late last Christmas Day by half-an-hour.’ ‘Here’s Martha, mother.’ said a girl, appearing as she spoke.
‘Here’s Martha, mother.’ cried the two young Cratchits.
‘Hurrah. There’s such a goose, Martha.’
‘Why, bless your heart alive, my dear, how late you are.’
said Mrs Cratchit, kissing her a dozen times, and taking off
her shawl and bonnet for her with officious zeal.
‘We’d a deal of work to finish up last night,’ replied the
girl,’ and had to clear away this morning, mother.’
‘Well. Never mind so long as you are come,’ said Mrs
Cratchit. ‘Sit ye down before the fire, my dear, and have a
warm, Lord bless ye.’
‘No, no. There’s father coming,’ cried the two young
Cratchits, who were everywhere at once. ‘Hide, Martha,
hide.’ So Martha hid herself, and in came little Bob, the father,
with at least three feet of comforter exclusive of the fringe,
hanging down before him; and his threadbare clothes
darned up and brushed, to look seasonable; and Tiny Tim
upon his shoulder. Alas for Tiny Tim, he bore a little crutch,
and had his limbs supported by an iron frame.
‘Why, where’s our Martha.’ cried Bob Cratchit, looking
round. ‘Not coming,’ said Mrs Cratchit.
‘Not coming.’ said Bob, with a sudden declension in his
high spirits; for he had been Tim’s blood horse all the way
from church, and had come home rampant. ‘Not coming
upon Christmas Day.’ Martha didn’t like to see him disappointed, if it were only in joke; so she came out prematurely from behind the closet door, and ran into his arms, while the two young Cratchits  hustled Tiny Tim, and bore him off into the wash-house, that he might hear the pudding singing in the copper. ‘And how did little Tim behave. asked Mrs Cratchit, when she had rallied Bob on his credulity, and Bob had hugged
his daughter to his heart’s content.
‘As good as gold,’ said Bob,’ and better. Somehow he
gets thoughtful, sitting by himself so much, and thinks the
strangest things you ever heard. He told me, coming home,
that he hoped the people saw him in the church, because he
was a cripple, and it might be pleasant to them to remember
upon Christmas Day, who made lame beggars walk, and
blind men see.’ Bob’s voice was tremulous when he told them this, and trembled more when he said that Tiny Tim was growing strong and hearty.
His active little crutch was heard upon the floor, and
back came Tiny Tim before another word was spoken, escorted
by his brother and sister to his stool before the fire;
and while Bob, turning up his cuffs — as if, poor fellow, they
were capable of being made more shabby — compounded
some hot mixture in a jug with gin and lemons, and stirred
it round and round and put it on the hob to simmer; Master
Peter, and the two ubiquitous young Cratchits went to fetch
the goose, with which they soon returned in high procession.
Such a bustle ensued that you might have thought a goose
the rarest of all birds; a feathered phenomenon, to which a
black swan was a matter of course — and in truth it was
something very like it in that house. Mrs Cratchit made the
gravy (ready beforehand in a little saucepan) hissing hot;
Master Peter mashed the potatoes with incredible vigour;
Miss Belinda sweetened up the apple-sauce; Martha dusted
the hot plates; Bob took Tiny Tim beside him in a tiny
corner at the table; the two young Cratchits set chairs for
everybody, not forgetting themselves, and mounting guard
upon their posts, crammed spoons into their mouths, lest
they should shriek for goose before their turn came to be
helped. At last the dishes were set on, and grace was said. It
was succeeded by a breathless pause, as Mrs Cratchit, looking
slowly all along the carving-knife, prepared to plunge it
in the breast; but when she did, and when the long expected
gush of stuffing issued forth, one murmur of delight arose
all round the board, and even Tiny Tim, excited by the two
young Cratchits, beat on the table with the handle of his
knife, and feebly cried Hurrah.
There never was such a goose. Bob said he didn’t believe
there ever was such a goose cooked. Its tenderness and
flavour, size and cheapness, were the themes of universal
admiration. Eked out by apple-sauce and mashed potatoes,
it was a sufficient dinner for the whole family; indeed, as
Mrs Cratchit said with great delight (surveying one small
atom of a bone upon the dish), they hadn’t ate it all at last.
Yet every one had had enough, and the youngest Cratchits
in particular, were steeped in sage and onion to the eyebrows.
But now, the plates being changed by Miss Belinda,
Mrs Cratchit left the room alone — too nervous to bear witnesses
— to take the pudding up and bring it in.
Suppose it should not be done enough. Suppose it should
64 
break in turning out. Suppose somebody should have got
over the wall of the back-yard, and stolen it, while they
were merry with the goose — a supposition at which the
two young Cratchits became livid. All sorts of horrors were
supposed.
Hallo. A great deal of steam. The pudding was out of the
copper. A smell like a washing-day. That was the cloth. A
smell like an eating-house and a pastrycook’s next door
to each other, with a laundress’s next door to that. That
was the pudding. In half a minute Mrs Cratchit entered
— flushed, but smiling proudly — with the pudding, like a
speckled cannon-ball, so hard and firm, blazing in half of
half-a-quartern of ignited brandy, and bedight with Christmas
holly stuck into the top.
Oh, a wonderful pudding. Bob Cratchit said, and calmly
too, that he regarded it as the greatest success achieved by
Mrs Cratchit since their marriage. Mrs Cratchit said that
now the weight was off her mind, she would confess she
had had her doubts about the quantity of flour. Everybody
had something to say about it, but nobody said or thought it
was at all a small pudding for a large family. It would have
been flat heresy to do so. Any Cratchit would have blushed
to hint at such a thing.
At last the dinner was all done, the cloth was cleared, the
hearth swept, and the fire made up. The compound in the
jug being tasted, and considered perfect, apples and oranges
were put upon the table, and a shovel-full of chestnuts on
the fire. Then all the Cratchit family drew round the hearth,
in what Bob Cratchit called a circle, meaning half a one;
and at Bob Cratchit’s elbow stood the family display of glass.
Two tumblers, and a custard-cup without a handle.
These held the hot stuff from the jug, however, as well
as golden goblets would have done; and Bob served it out
with beaming looks, while the chestnuts on the fire sputtered
and cracked noisily. Then Bob proposed:
‘A Merry Christmas to us all, my dears. God bless us.’
Which all the family re-echoed.
‘God bless us every one.’ said Tiny Tim, the last of all.
He sat very close to his father’s side upon his little stool.
Bob held his withered little hand in his, as if he loved the
child, and wished to keep him by his side, and dreaded that
he might be taken from him.
‘Spirit,’ said Scrooge, with an interest he had never felt
before, ‘tell me if Tiny Tim will live.’
‘I see a vacant seat,’ replied the Ghost, ‘in the poor
chimney-corner, and a crutch without an owner, carefully
preserved. If these shadows remain unaltered by the Future,
the child will die.’ ‘No, no,’ said Scrooge. ‘Oh, no, kind Spirit. say he will be spared.’
‘If these shadows remain unaltered by the Future, none
other of my race,’ returned the Ghost, ‘will find him here.
What then. If he be like to die, he had better do it, and decrease
the surplus population.’
Scrooge hung his head to hear his own words quoted
by the Spirit, and was overcome with penitence and grief.
‘Man,’ said the Ghost, ‘if man you be in heart, not adamant,
forbear that wicked cant until you have discovered What
the surplus is, and Where it is. Will you decide what men
shall live, what men shall die. It may be, that in the sight of
Heaven, you are more worthless and less fit to live than millions
like this poor man’s child. Oh God. to hear the Insect
on the leaf pronouncing on the too much life among his
hungry brothers in the dust.’
Scrooge bent before the Ghost’s rebuke, and trembling
cast his eyes upon the ground. But he raised them speedily,
on hearing his own name.
‘Mr Scrooge.’ said Bob; ‘I’ll give you Mr Scrooge, the
Founder of the Feast.’
‘The Founder of the Feast indeed.’ cried Mrs Cratchit,
reddening. ‘I wish I had him here. I’d give him a piece of
my mind to feast upon, and I hope he’d have a good appetite
for it.’ ‘My dear,’ said Bob, ‘the children. Christmas Day.’
‘It should be Christmas Day, I am sure,’ said she, ‘on
which one drinks the health of such an odious, stingy, hard,
unfeeling man as Mr Scrooge. You know he is, Robert. Nobody
knows it better than you do, poor fellow.’
‘My dear,’ was Bob’s mild answer, ‘Christmas Day.’
‘I’ll drink his health for your sake and the Day’s,’ said
Mrs Cratchit, ‘not for his. Long life to him. A merry Christmas
and a happy new year. He’ll be very merry and very
happy, I have no doubt.’
The children drank the toast after her. It was the first of
their proceedings which had no heartiness. Tiny Tim drank
it last of all, but he didn’t care twopence for it. Scrooge was
the Ogre of the family. The mention of his name cast a dark
  67
shadow on the party, which was not dispelled for full five
minutes.
After it had passed away, they were ten times merrier than
before, from the mere relief of Scrooge the Baleful being
done with. Bob Cratchit told them how he had a situation in
his eye for Master Peter, which would bring in, if obtained,
full five-and-sixpence weekly. The two young Cratchits
laughed tremendously at the idea of Peter’s being a man of
business; and Peter himself looked thoughtfully at the fire
from between his collars, as if he were deliberating what
particular investments he should favour when he came into
the receipt of that bewildering income. Martha, who was a
poor apprentice at a milliner’s, then told them what kind of
work she had to do, and how many hours she worked at a
stretch, and how she meant to lie abed to-morrow morning
for a good long rest; to-morrow being a holiday she passed
at home. Also how she had seen a countess and a lord some
days before, and how the lord was much about as tall as
Peter; at which Peter pulled up his collars so high that you
couldn’t have seen his head if you had been there. All this
time the chestnuts and the jug went round and round; and
by-and-bye they had a song, about a lost child travelling in
the snow, from Tiny Tim, who had a plaintive little voice,
and sang it very well indeed.
There was nothing of high mark in this. They were not a
handsome family; they were not well dressed; their shoes
were far from being water-proof; their clothes were scanty;
and Peter might have known, and very likely did, the inside
of a pawnbroker’s. But, they were happy, grateful, pleased
68 
with one another, and contented with the time; and when
they faded, and looked happier yet in the bright sprinklings
of the Spirit’s torch at parting, Scrooge had his eye upon
them, and especially on Tiny Tim, until the last.
By this time it was getting dark, and snowing pretty
heavily; and as Scrooge and the Spirit went along the streets,
the brightness of the roaring fires in kitchens, parlours, and
all sorts of rooms, was wonderful. Here, the flickering of
the blaze showed preparations for a cosy dinner, with hot
plates baking through and through before the fire, and
deep red curtains, ready to be drawn to shut out cold and
darkness. There all the children of the house were running
out into the snow to meet their married sisters, brothers,
cousins, uncles, aunts, and be the first to greet them. Here,
again, were shadows on the window-blind of guests assembling;
and there a group of handsome girls, all hooded and
fur-booted, and all chattering at once, tripped lightly off to
some near neighbour’s house; where, woe upon the single
man who saw them enter — artful witches, well they knew
it — in a glow.
But, if you had judged from the numbers of people on
their way to friendly gatherings, you might have thought
that no one was at home to give them welcome when they
got there, instead of every house expecting company, and
piling up its fires half-chimney high. Blessings on it, how
the Ghost exulted. How it bared its breadth of breast, and
opened its capacious palm, and floated on, outpouring,
with a generous hand, its bright and harmless mirth on everything
within its reach. The very lamplighter, who ran on
  69
before, dotting the dusky street with specks of light, and
who was dressed to spend the evening somewhere, laughed
out loudly as the Spirit passed, though little kenned the
lamplighter that he had any company but Christmas.
And now, without a word of warning from the Ghost,
they stood upon a bleak and desert moor, where monstrous
masses of rude stone were cast about, as though it were the
burial-place of giants; and water spread itself wheresoever
it listed, or would have done so, but for the frost that held it
prisoner; and nothing grew but moss and furze, and coarse
rank grass. Down in the west the setting sun had left a
streak of fiery red, which glared upon the desolation for an
instant, like a sullen eye, and frowning lower, lower, lower
yet, was lost in the thick gloom of darkest night.
‘What place is this.’ asked Scrooge.
‘A place where Miners live, who labour in the bowels of
the earth,’ returned the Spirit. ‘But they know me. See.’
A light shone from the window of a hut, and swiftly they
advanced towards it. Passing through the wall of mud and
stone, they found a cheerful company assembled round a
glowing fire. An old, old man and woman, with their children
and their children’s children, and another generation
beyond that, all decked out gaily in their holiday attire. The
old man, in a voice that seldom rose above the howling of
the wind upon the barren waste, was singing them a Christmas
song — it had been a very old song when he was a boy
— and from time to time they all joined in the chorus. So
surely as they raised their voices, the old man got quite
blithe and loud; and so surely as they stopped, his vigour
70 
sank again.
The Spirit did not tarry here, but bade Scrooge hold his
robe, and passing on above the moor, sped — whither. Not
to sea. To sea. To Scrooge’s horror, looking back, he saw the
last of the land, a frightful range of rocks, behind them;
and his ears were deafened by the thundering of water, as it
rolled and roared, and raged among the dreadful caverns it
had worn, and fiercely tried to undermine the earth.
Built upon a dismal reef of sunken rocks, some league or
so from shore, on which the waters chafed and dashed, the
wild year through, there stood a solitary lighthouse. Great
heaps of sea-weed clung to its base, and storm-birds — born
of the wind one might suppose, as sea-weed of the water —
rose and fell about it, like the waves they skimmed.
But even here, two men who watched the light had made
a fire, that through the loophole in the thick stone wall shed
out a ray of brightness on the awful sea. Joining their horny
hands over the rough table at which they sat, they wished
each other Merry Christmas in their can of grog; and one of
them: the elder, too, with his face all damaged and scarred
with hard weather, as the figure-head of an old ship might
be: struck up a sturdy song that was like a Gale in itself.
Again the Ghost sped on, above the black and heaving
sea — on, on — until, being far away, as he told Scrooge,
from any shore, they lighted on a ship. They stood beside
the helmsman at the wheel, the look-out in the bow, the
officers who had the watch; dark, ghostly figures in their
several stations; but every man among them hummed a
Christmas tune, or had a Christmas thought, or spoke be
 71
low his breath to his companion of some bygone Christmas
Day, with homeward hopes belonging to it. And every man
on board, waking or sleeping, good or bad, had had a kinder
word for another on that day than on any day in the year;
and had shared to some extent in its festivities; and had remembered
those he cared for at a distance, and had known
that they delighted to remember him.
It was a great surprise to Scrooge, while listening to the
moaning of the wind, and thinking what a solemn thing
it was to move on through the lonely darkness over an
unknown abyss, whose depths were secrets as profound
as Death: it was a great surprise to Scrooge, while thus
engaged, to hear a hearty laugh. It was a much greater surprise
to Scrooge to recognise it as his own nephew’s and
to find himself in a bright, dry, gleaming room, with the
Spirit standing smiling by his side, and looking at that same
nephew with approving affability.
‘Ha, ha.’ laughed Scrooge’s nephew. ‘Ha, ha, ha.’
If you should happen, by any unlikely chance, to know a
man more blest in a laugh than Scrooge’s nephew, all I can
say is, I should like to know him too. Introduce him to me,
and I’ll cultivate his acquaintance.
It is a fair, even-handed, noble adjustment of things, that
while there is infection in disease and sorrow, there is nothing
in the world so irresistibly contagious as laughter and
good-humour. When Scrooge’s nephew laughed in this
way: holding his sides, rolling his head, and twisting his
face into the most extravagant contortions: Scrooge’s niece,
by marriage, laughed as heartily as he. And their assembled
72 
friends being not a bit behindhand, roared out lustily.
‘Ha, ha. Ha, ha, ha, ha.’
‘He said that Christmas was a humbug, as I live.’ cried
Scrooge’s nephew. ‘He believed it too.’
‘More shame for him, Fred.’ said Scrooge’s niece, indignantly.
Bless those women; they never do anything by
halves. They are always in earnest.
She was very pretty: exceedingly pretty. With a dimpled,
surprised-looking, capital face; a ripe little mouth, that
seemed made to be kissed — as no doubt it was; all kinds
of good little dots about her chin, that melted into one another
when she laughed; and the sunniest pair of eyes you
ever saw in any little creature’s head. Altogether she was
what you would have called provoking, you know; but satisfactory.
‘He’s a comical old fellow,’ said Scrooge’s nephew,’ that’s
the truth: and not so pleasant as he might be. However, his
offences carry their own punishment, and I have nothing to
say against him.’
‘I’m sure he is very rich, Fred,’ hinted Scrooge’s niece. ‘At
least you always tell me so.’
‘What of that, my dear.’ said Scrooge’s nephew. ‘His
wealth is of no use to him. He don’t do any good with it. He
don’t make himself comfortable with it. He hasn’t the satisfaction
of thinking — ha, ha, ha. — that he is ever going to
benefit us with it.’
‘I have no patience with him,’ observed Scrooge’s niece.
Scrooge’s niece’s sisters, and all the other ladies, expressed
the same opinion.
  73
‘Oh, I have.’ said Scrooge’s nephew. ‘I am sorry for him;
I couldn’t be angry with him if I tried. Who suffers by his
ill whims. Himself, always. Here, he takes it into his head to
dislike us, and he won’t come and dine with us. What’s the
consequence. He don’t lose much of a dinner.’
‘Indeed, I think he loses a very good dinner,’ interrupted
Scrooge’s niece. Everybody else said the same, and they
must be allowed to have been competent judges, because
they had just had dinner; and, with the dessert upon the
table, were clustered round the fire, by lamplight.
‘Well. I’m very glad to hear it,’ said Scrooge’s nephew,
‘because I haven’t great faith in these young housekeepers.
What do you say, Topper.’
Topper had clearly got his eye upon one of Scrooge’s
niece’s sisters, for he answered that a bachelor was a wretched
outcast, who had no right to express an opinion on the
subject. Whereat Scrooge’s niece’s sister — the plump one
with the lace tucker: not the one with the roses — blushed.
‘Do go on, Fred,’ said Scrooge’s niece, clapping her hands.
‘He never finishes what he begins to say. He is such a ridiculous
fellow.’
Scrooge’s nephew revelled in another laugh, and as it
was impossible to keep the infection off; though the plump
sister tried hard to do it with aromatic vinegar; his example
was unanimously followed.
‘I was only going to say,’ said Scrooge’s nephew,’ that the
consequence of his taking a dislike to us, and not making
merry with us, is, as I think, that he loses some pleasant
moments, which could do him no harm. I am sure he loses
74 
pleasanter companions than he can find in his own thoughts,
either in his mouldy old office, or his dusty chambers. I
mean to give him the same chance every year, whether he
likes it or not, for I pity him. He may rail at Christmas till
he dies, but he can’t help thinking better of it — I defy him
— if he finds me going there, in good temper, year after year,
and saying Uncle Scrooge, how are you. If it only puts him
in the vein to leave his poor clerk fifty pounds, that’s something;
and I think I shook him yesterday.’
It was their turn to laugh now at the notion of his shaking
Scrooge. But being thoroughly good-natured, and not
much caring what they laughed at, so that they laughed
at any rate, he encouraged them in their merriment, and
passed the bottle joyously.
After tea. they had some music. For they were a musical
family, and knew what they were about, when they sung
a Glee or Catch, I can assure you: especially Topper, who
could growl away in the bass like a good one, and never
swell the large veins in his forehead, or get red in the
face over it. Scrooge’s niece played well upon the harp; and
played among other tunes a simple little air (a mere nothing:
you might learn to whistle it in two minutes), which
had been familiar to the child who fetched Scrooge from
the boarding-school, as he had been reminded by the Ghost
of Christmas Past. When this strain of music sounded, all
the things that Ghost had shown him, came upon his mind;
he softened more and more; and thought that if he could
have listened to it often, years ago, he might have cultivated
the kindnesses of life for his own happiness with his own
  75
hands, without resorting to the sexton’s spade that buried
Jacob Marley.
But they didn’t devote the whole evening to music. After
a while they played at forfeits; for it is good to be children
sometimes, and never better than at Christmas, when its
mighty Founder was a child himself. Stop. There was first a
game at blind-man’s buff. Of course there was. And I no more
believe Topper was really blind than I believe he had eyes in
his boots. My opinion is, that it was a done thing between
him and Scrooge’s nephew; and that the Ghost of Christmas
Present knew it. The way he went after that plump sister
in the lace tucker, was an outrage on the credulity of human
nature. Knocking down the fire-irons, tumbling over
the chairs, bumping against the piano, smothering himself
among the curtains, wherever she went, there went he. He
always knew where the plump sister was. He wouldn’t catch
anybody else. If you had fallen up against him (as some of
them did), on purpose, he would have made a feint of endeavouring
to seize you, which would have been an affront
to your understanding, and would instantly have sidled
off in the direction of the plump sister. She often cried out
that it wasn’t fair; and it really was not. But when at last, he
caught her; when, in spite of all her silken rustlings, and her
rapid flutterings past him, he got her into a corner whence
there was no escape; then his conduct was the most execrable.
For his pretending not to know her; his pretending
that it was necessary to touch her head-dress, and further
to assure himself of her identity by pressing a certain ring
upon her finger, and a certain chain about her neck; was
76 
vile, monstrous. No doubt she told him her opinion of it,
when, another blind-man being in office, they were so very
confidential together, behind the curtains.
Scrooge’s niece was not one of the blind-man’s buff party,
but was made comfortable with a large chair and a footstool,
in a snug corner, where the Ghost and Scrooge were close
behind her. But she joined in the forfeits, and loved her love
to admiration with all the letters of the alphabet. Likewise
at the game of How, When, and Where, she was very great,
and to the secret joy of Scrooge’s nephew, beat her sisters
hollow: though they were sharp girls too, as could have told
you. There might have been twenty people there, young and
old, but they all played, and so did Scrooge, for, wholly forgetting
the interest he had in what was going on, that his
voice made no sound in their ears, he sometimes came out
with his guess quite loud, and very often guessed quite right,
too; for the sharpest needle, best Whitechapel, warranted
not to cut in the eye, was not sharper than Scrooge; blunt as
he took it in his head to be.
The Ghost was greatly pleased to find him in this mood,
and looked upon him with such favour, that he begged like
a boy to be allowed to stay until the guests departed. But
this the Spirit said could not be done.
‘Here is a new game,’ said Scrooge. ‘One half hour, Spirit,
only one.’
It was a Game called Yes and No, where Scrooge’s nephew
had to think of something, and the rest must find out
what; he only answering to their questions yes or no, as the
case was. The brisk fire of questioning to which he was ex
 77
posed, elicited from him that he was thinking of an animal,
a live animal, rather a disagreeable animal, a savage animal,
an animal that growled and grunted sometimes, and talked
sometimes, and lived in London, and walked about the
streets, and wasn’t made a show of, and wasn’t led by anybody,
and didn’t live in a menagerie, and was never killed
in a market, and was not a horse, or an ass, or a cow, or a
bull, or a tiger, or a dog, or a pig, or a cat, or a bear. At every
fresh question that was put to him, this nephew burst into a
fresh roar of laughter; and was so inexpressibly tickled, that
he was obliged to get up off the sofa and stamp. At last the
plump sister, falling into a similar state, cried out:
‘I have found it out. I know what it is, Fred. I know what
it is.’
‘What is it.’ cried Fred.
‘It’s your Uncle Scrooge.’
Which it certainly was. Admiration was the universal
sentiment, though some objected that the reply to ‘Is it a
bear.’ ought to have been ‘Yes;’ inasmuch as an answer in
the negative was sufficient to have diverted their thoughts
from Mr Scrooge, supposing they had ever had any tendency
that way.
‘He has given us plenty of merriment, I am sure,’ said
Fred,’ and it would be ungrateful not to drink his health.
Here is a glass of mulled wine ready to our hand at the moment;
and I say, ‘Uncle Scrooge.‘‘
‘Well. Uncle Scrooge.’ they cried.
‘A Merry Christmas and a Happy New Year to the old
man, whatever he is.’ said Scrooge’s nephew. ‘He wouldn’t
78 
take it from me, but may he have it, nevertheless. Uncle
Scrooge.’
Uncle Scrooge had imperceptibly become so gay and light
of heart, that he would have pledged the unconscious company
in return, and thanked them in an inaudible speech, if
the Ghost had given him time. But the whole scene passed
off in the breath of the last word spoken by his nephew; and
he and the Spirit were again upon their travels.
Much they saw, and far they went, and many homes they
visited, but always with a happy end. The Spirit stood beside
sick beds, and they were cheerful; on foreign lands, and
they were close at home; by struggling men, and they were
patient in their greater hope; by poverty, and it was rich.
In almshouse, hospital, and jail, in misery’s every refuge,
where vain man in his little brief authority had not made
fast the door and barred the Spirit out, he left his blessing,
and taught Scrooge his precepts.
It was a long night, if it were only a night; but Scrooge
had his doubts of this, because the Christmas Holidays appeared
to be condensed into the space of time they passed
together. It was strange, too, that while Scrooge remained
unaltered in his outward form, the Ghost grew older, clearly
older. Scrooge had observed this change, but never spoke
of it, until they left a children’s Twelfth Night party, when,
looking at the Spirit as they stood together in an open place,
he noticed that its hair was grey.
‘Are spirits’ lives so short.’ asked Scrooge.
‘My life upon this globe, is very brief,’ replied the Ghost.
‘It ends to-night.’
  79
‘To-night.’ cried Scrooge.
‘To-night at midnight. Hark. The time is drawing near.’
The chimes were ringing the three quarters past eleven
at that moment.
‘Forgive me if I am not justified in what I ask,’ said
Scrooge, looking intently at the Spirit’s robe,’ but I see
something strange, and not belonging to yourself, protruding
from your skirts. Is it a foot or a claw.’
‘It might be a claw, for the flesh there is upon it,’ was the
Spirit’s sorrowful reply. ‘Look here.’
From the foldings of its robe, it brought two children;
wretched, abject, frightful, hideous, miserable. They knelt
down at its feet, and clung upon the outside of its garment.
‘Oh, Man. look here. Look, look, down here.’ exclaimed
the Ghost.
They were a boy and a girl. Yellow, meagre, ragged,
scowling, wolfish; but prostrate, too, in their humility.
Where graceful youth should have filled their features out,
and touched them with its freshest tints, a stale and shrivelled
hand, like that of age, had pinched, and twisted them,
and pulled them into shreds. Where angels might have sat
enthroned, devils lurked, and glared out menacing. No
change, no degradation, no perversion of humanity, in any
grade, through all the mysteries of wonderful creation, has
monsters half so horrible and dread.
Scrooge started back, appalled. Having them shown to
him in this way, he tried to say they were fine children, but
the words choked themselves, rather than be parties to a lie
of such enormous magnitude.
80 
‘Spirit. are they yours.’ Scrooge could say no more.
‘They are Man’s,’ said the Spirit, looking down upon
them. ‘And they cling to me, appealing from their fathers.
This boy is Ignorance. This girl is Want. Beware them both,
and all of their degree, but most of all beware this boy, for
on his brow I see that written which is Doom, unless the
writing be erased. Deny it.’ cried the Spirit, stretching out
its hand towards the city. ‘Slander those who tell it ye. Admit
it for your factious purposes, and make it worse. And
abide the end.’
‘Have they no refuge or resource.’ cried Scrooge.
‘Are there no prisons.’ said the Spirit, turning on him for
the last time with his own words. ‘Are there no workhouses.’
The bell struck twelve.
Scrooge looked about him for the Ghost, and saw it not.
As the last stroke ceased to vibrate, he remembered the prediction
of old Jacob Marley, and lifting up his eyes, beheld a
solemn Phantom, draped and hooded, coming, like a mist
along the ground, towards him.
  81
Stave 4: The Last
of the Spirits
The Phantom slowly, gravely, silently approached. When
it came, Scrooge bent down upon his knee; for in the
very air through which this Spirit moved it seemed to scatter
gloom and mystery.
It was shrouded in a deep black garment, which concealed
its head, its face, its form, and left nothing of it visible
save one outstretched hand. But for this it would have been
difficult to detach its figure from the night, and separate it
from the darkness by which it was surrounded.
He felt that it was tall and stately when it came beside
him, and that its mysterious presence filled him with a solemn
dread. He knew no more, for the Spirit neither spoke
nor moved.
‘I am in the presence of the Ghost of Christmas Yet To
Come.’ said Scrooge.
The Spirit answered not, but pointed onward with its
hand.
‘You are about to show me shadows of the things that
have not happened, but will happen in the time before us,’
Scrooge pursued. ‘Is that so, Spirit.’
The upper portion of the garment was contracted for an
instant in its folds, as if the Spirit had inclined its head. That
82 
was the only answer he received.
Although well used to ghostly company by this time,
Scrooge feared the silent shape so much that his legs trembled
beneath him, and he found that he could hardly stand
when he prepared to follow it. The Spirit pauses a moment,
as observing his condition, and giving him time to recover.
But Scrooge was all the worse for this. It thrilled him
with a vague uncertain horror, to know that behind the
dusky shroud, there were ghostly eyes intently fixed upon
him, while he, though he stretched his own to the utmost,
could see nothing but a spectral hand and one great heap
of black.
‘Ghost of the Future.’ he exclaimed,’ I fear you more than
any spectre I have seen. But as I know your purpose is to do
me good, and as I hope to live to be another man from what
I was, I am prepared to bear you company, and do it with a
thankful heart. Will you not speak to me.’
It gave him no reply. The hand was pointed straight before
them.
‘Lead on.’ said Scrooge. ‘Lead on. The night is waning
fast, and it is precious time to me, I know. Lead on, Spirit.’
The Phantom moved away as it had come towards him.
Scrooge followed in the shadow of its dress, which bore him
up, he thought, and carried him along.
They scarcely seemed to enter the city; for the city rather
seemed to spring up about them, and encompass them
of its own act. But there they were, in the heart of it; on
Change, amongst the merchants; who hurried up and down,
and chinked the money in their pockets, and conversed in
  83
groups, and looked at their watches, and trifled thoughtfully
with their great gold seals; and so forth, as Scrooge had
seen them often.
The Spirit stopped beside one little knot of business men.
Observing that the hand was pointed to them, Scrooge advanced
to listen to their talk.
‘No,’ said a great fat man with a monstrous chin,’ I don’t
know much about it, either way. I only know he’s dead.’
‘When did he die.’ inquired another.
‘Last night, I believe.’
‘Why, what was the matter with him.’ asked a third, taking
a vast quantity of snuff out of a very large snuff-box. ‘I
thought he’d never die.’
‘God knows,’ said the first, with a yawn.
‘What has he done with his money.’ asked a red-faced
gentleman with a pendulous excrescence on the end of his
nose, that shook like the gills of a turkey-cock.
‘I haven’t heard,’ said the man with the large chin, yawning
again. ‘Left it to his company, perhaps. He hasn’t left it
to me. That’s all I know.’
This pleasantry was received with a general laugh.
‘It’s likely to be a very cheap funeral,’ said the same
speaker;’ for upon my life I don’t know of anybody to go to
it. Suppose we make up a party and volunteer.’
‘I don’t mind going if a lunch is provided,’ observed the
gentleman with the excrescence on his nose. ‘But I must be
fed, if I make one.’
Another laugh.
‘Well, I am the most disinterested among you, after all,’
84 
said the first speaker,’ for I never wear black gloves, and
I never eat lunch. But I’ll offer to go, if anybody else will.
When I come to think of it, I’m not at all sure that I wasn’t
his most particular friend; for we used to stop and speak
whenever we met. Bye, bye.’
Speakers and listeners strolled away, and mixed with
other groups. Scrooge knew the men, and looked towards
the Spirit for an explanation.
The Phantom glided on into a street. Its finger pointed to
two persons meeting. Scrooge listened again, thinking that
the explanation might lie here.
He knew these men, also, perfectly. They were men of
aye business: very wealthy, and of great importance. He had
made a point always of standing well in their esteem: in a
business point of view, that is; strictly in a business point
of view.
‘How are you.’ said one.
‘How are you.’ returned the other.
‘Well.’ said the first. ‘Old Scratch has got his own at last,
hey.’
‘So I am told,’ returned the second. ‘Cold, isn’t it.’
‘Seasonable for Christmas time. You’re not a skater, I suppose.’
‘No. No. Something else to think of. Good morning.’
Not another word. That was their meeting, their conversation,
and their parting.
Scrooge was at first inclined to be surprised that the Spirit
should attach importance to conversations apparently so
trivial; but feeling assured that they must have some hidden
  85
purpose, he set himself to consider what it was likely to be.
They could scarcely be supposed to have any bearing on the
death of Jacob, his old partner, for that was Past, and this
Ghost’s province was the Future. Nor could he think of any
one immediately connected with himself, to whom he could
apply them. But nothing doubting that to whomsoever they
applied they had some latent moral for his own improvement,
he resolved to treasure up every word he heard, and
everything he saw; and especially to observe the shadow of
himself when it appeared. For he had an expectation that
the conduct of his future self would give him the clue he
missed, and would render the solution of these riddles easy.
He looked about in that very place for his own image; but
another man stood in his accustomed corner, and though
the clock pointed to his usual time of day for being there,
he saw no likeness of himself among the multitudes that
poured in through the Porch. It gave him little surprise,
however; for he had been revolving in his mind a change
of life, and thought and hoped he saw his new-born resolutions
carried out in this.
Quiet and dark, beside him stood the Phantom, with
its outstretched hand. When he roused himself from his
thoughtful quest, he fancied from the turn of the hand, and
its situation in reference to himself, that the Unseen Eyes
were looking at him keenly. It made him shudder, and feel
very cold.
They left the busy scene, and went into an obscure part
of the town, where Scrooge had never penetrated before, although
he recognised its situation, and its bad repute. The
86 
ways were foul and narrow; the shops and houses wretched;
the people half-naked, drunken, slipshod, ugly. Alleys and
archways, like so many cesspools, disgorged their offences
of smell, and dirt, and life, upon the straggling streets; and
the whole quarter reeked with crime, with filth, and misery.
Far in this den of infamous resort, there was a lowbrowed,
beetling shop, below a pent-house roof, where
iron, old rags, bottles, bones, and greasy offal, were bought.
Upon the floor within, were piled up heaps of rusty keys,
nails, chains, hinges, files, scales, weights, and refuse iron
of all kinds. Secrets that few would like to scrutinise were
bred and hidden in mountains of unseemly rags, masses of
corrupted fat, and sepulchres of bones. Sitting in among the
wares he dealt in, by a charcoal stove, made of old bricks,
was a grey-haired rascal, nearly seventy years of age; who
had screened himself from the cold air without, by a frousy
curtaining of miscellaneous tatters, hung upon a line; and
smoked his pipe in all the luxury of calm retirement.
Scrooge and the Phantom came into the presence of this
man, just as a woman with a heavy bundle slunk into the
shop. But she had scarcely entered, when another woman,
similarly laden, came in too; and she was closely followed
by a man in faded black, who was no less startled by the
sight of them, than they had been upon the recognition of
each other. After a short period of blank astonishment, in
which the old man with the pipe had joined them, they all
three burst into a laugh.
‘Let the charwoman alone to be the first.’ cried she who
  87
had entered first. ‘Let the laundress alone to be the second;
and let the undertaker’s man alone to be the third. Look
here, old Joe, here’s a chance. If we haven’t all three met here
without meaning it.’
‘You couldn’t have met in a better place,’ said old Joe, removing
his pipe from his mouth. ‘Come into the parlour.
You were made  of it long ago, you know; and the other
two an’t strangers. Stop till I shut the door of the shop.
Ah. How it skreeks. There an’t such a rusty bit of metal in
the place as its own hinges, I believe; and I’m sure there’s
no such old bones here, as mine. Ha, ha. We’re all suitable
to our calling, we’re well matched. Come into the parlour.
Come into the parlour.’
The parlour was the space behind the screen of rags. The
old man raked the fire together with an old stair-rod, and
having trimmed his smoky lamp (for it was night), with the
stem of his pipe, put it in his mouth again.
While he did this, the woman who had already spoken
threw her bundle on the floor, and sat down in a flaunting
manner on a stool; crossing her elbows on her knees, and
looking with a bold defiance at the other two.
‘What odds then. What odds, Mrs Dilber.’ said the woman.
‘Every person has a right to take care of themselves. He
always did.’
‘That’s true, indeed.’ said the laundress. ‘No man more
so.’
‘Why then, don’t stand staring as if you was afraid, woman;
who’s the wiser. We’re not going to pick holes in each
other’s coats, I suppose.’
88 
‘No, indeed.’ said Mrs Dilber and the man together. ‘We
should hope not.’
‘Very well, then.’ cried the woman. ‘That’s enough. Who’s
the worse for the loss of a few things like these. Not a dead
man, I suppose.’
‘No, indeed,’ said Mrs Dilber, laughing.
‘If he wanted to keep them after he was dead, a wicked
old screw,’ pursued the woman,’ why wasn’t he natural in
his lifetime. If he had been, he’d have had somebody to look
after him when he was struck with Death, instead of lying
gasping out his last there, alone by himself.’
‘It’s the truest word that ever was spoke,’ said Mrs Dilber.
‘It’s a judgment on him.’
‘I wish it was a little heavier judgment,’ replied the woman;’
and it should have been, you may depend upon it, if I
could have laid my hands on anything else. Open that bundle,
old Joe, and let me know the value of it. Speak out plain.
I’m not afraid to be the first, nor afraid for them to see it.
We know pretty well that we were helping ourselves, before
we met here, I believe. It’s no sin. Open the bundle, Joe.’
But the gallantry of her friends would not allow of this;
and the man in faded black, mounting the breach first,
produced his plunder. It was not extensive. A seal or two,
a pencil-case, a pair of sleeve-buttons, and a brooch of no
great value, were all. They were severally examined and appraised
by old Joe, who chalked the sums he was disposed
to give for each, upon the wall, and added them up into a
total when he found there was nothing more to come.
‘That’s your account,’ said Joe,’ and I wouldn’t give an
 89
other sixpence, if I was to be boiled for not doing it. Who’s
next.’
Mrs Dilber was next. Sheets and towels, a little wearing
apparel, two old-fashioned silver teaspoons, a pair of sugartongs,
and a few boots. Her account was stated on the wall
in the same manner.
‘I always give too much to ladies. It’s a weakness of mine,
and that’s the way I ruin myself,’ said old Joe. ‘That’s your
account. If you asked me for another penny, and made it an
open question, I’d repent of being so liberal and knock off
half-a-crown.’
‘And now undo my bundle, Joe,’ said the first woman.
Joe went down on his knees for the greater convenience
of opening it, and having unfastened a great many knots,
dragged out a large and heavy roll of some dark stuff.
‘What do you call this.’ said Joe. ‘Bed-curtains.’
‘Ah.’ returned the woman, laughing and leaning forward
on her crossed arms. ‘Bed-curtains.’
‘You don’t mean to say you took them down, rings and all,
with him lying there.’ said Joe.
‘Yes I do,’ replied the woman. ‘Why not.’
‘You were born to make your fortune,’ said Joe,’ and
you’ll certainly do it.’
‘I certainly shan’t hold my hand, when I can get anything
in it by reaching it out, for the sake of such a man as he was,
I promise you, Joe,’ returned the woman coolly. ‘Don’t drop
that oil upon the blankets, now.’
‘His blankets.’ asked Joe.
‘Whose else’s do you think.’ replied the woman. ‘He isn’t
90 
likely to take cold without them, I dare say.’
‘I hope he didn’t die of any thing catching. Eh.’ said old
Joe, stopping in his work, and looking up.
‘Don’t you be afraid of that,’ returned the woman. ‘I an’t
so fond of his company that I’d loiter about him for such
things, if he did. Ah. you may look through that shirt till
your eyes ache; but you won’t find a hole in it, nor a threadbare
place. It’s the best he had, and a fine one too. They’d
have wasted it, if it hadn’t been for me.’
‘What do you call wasting of it.’ asked old Joe.
‘Putting it on him to be buried in, to be sure,’ replied the
woman with a laugh. ‘Somebody was fool enough to do it,
but I took it off again. If calico an’t good enough for such
a purpose, it isn’t good enough for anything. It’s quite as
becoming to the body. He can’t look uglier than he did in
that one.’
Scrooge listened to this dialogue in horror. As they sat
grouped about their spoil, in the scanty light afforded by
the old man’s lamp, he viewed them with a detestation and
disgust, which could hardly have been greater, though the
demons, marketing the corpse itself.
‘Ha, ha.’ laughed the same woman, when old Joe, producing
a flannel bag with money in it, told out their several
gains upon the ground. ‘This is the end of it, you see. He
frightened every one away from him when he was alive, to
profit us when he was dead. Ha, ha, ha.’
‘Spirit.’ said Scrooge, shuddering from head to foot. ‘I see,
I see. The case of this unhappy man might be my own. My
life tends that way, now. Merciful Heaven, what is this.’
  91
He recoiled in terror, for the scene had changed, and now
he almost touched a bed: a bare, uncurtained bed: on which,
beneath a ragged sheet, there lay a something covered up,
which, though it was dumb, announced itself in awful language.
The room was very dark, too dark to be observed with
any accuracy, though Scrooge glanced round it in obedience
to a secret impulse, anxious to know what kind of
room it was. A pale light, rising in the outer air, fell straight
upon the bed; and on it, plundered and bereft, unwatched,
unwept, uncared for, was the body of this man.
Scrooge glanced towards the Phantom. Its steady hand
was pointed to the head. The cover was so carelessly adjusted
that the slightest raising of it, the motion of a finger upon
Scrooge’s part, would have disclosed the face. He thought of
it, felt how easy it would be to do, and longed to do it; but
had no more power to withdraw the veil than to dismiss the
spectre at his side.
Oh cold, cold, rigid, dreadful Death, set up thine altar
here, and dress it with such terrors as thou hast at thy command:
for this is thy dominion. But of the loved, revered,
and honoured head, thou canst not turn one hair to thy
dread purposes, or make one feature odious. It is not that
the hand is heavy and will fall down when released; it is not
that the heart and pulse are still; but that the hand was open,
generous, and true; the heart brave, warm, and tender; and
the pulse a man’s. Strike, Shadow, strike. And see his good
deeds springing from the wound, to sow the world with life
immortal.
92 
No voice pronounced these words in Scrooge’s ears,
and yet he heard them when he looked upon the bed. He
thought, if this man could be raised up now, what would be
his foremost thoughts. Avarice, hard-dealing, griping cares.
They have brought him to a rich end, truly.
He lay, in the dark empty house, with not a man, a woman,
or a child, to say that he was kind to me in this or that,
and for the memory of one kind word I will be kind to him.
A cat was tearing at the door, and there was a sound of
gnawing rats beneath the hearth-stone. What they wanted
in the room of death, and why they were so restless and disturbed,
Scrooge did not dare to think.
‘Spirit.’ he said,’ this is a fearful place. In leaving it, I shall
not leave its lesson, trust me. Let us go.’
Still the Ghost pointed with an unmoved finger to the
head.
‘I understand you,’ Scrooge returned,’ and I would do it,
if I could. But I have not the power, Spirit. I have not the
power.’
Again it seemed to look upon him.
‘If there is any person in the town, who feels emotion
caused by this man’s death,’ said Scrooge quite agonised,
‘show that person to me, Spirit, I beseech you.’
The Phantom spread its dark robe before him for a moment,
like a wing; and withdrawing it, revealed a room by
daylight, where a mother and her children were.
She was expecting some one, and with anxious eagerness;
for she walked up and down the room; started at every
sound; looked out from the window; glanced at the clock;
  93
tried, but in vain, to work with her needle; and could hardly
bear the voices of the children in their play.
At length the long-expected knock was heard. She hurried
to the door, and met her husband; a man whose face
was careworn and depressed, though he was young. There
was a remarkable expression in it now; a kind of serious delight
of which he felt ashamed, and which he struggled to
repress.
He sat down to the dinner that had been boarding for
him by the fire; and when she asked him faintly what news
(which was not until after a long silence), he appeared embarrassed
how to answer.
‘Is it good.’ she said, ‘or bad?’ — to help him.
‘Bad,’ he answered.
‘We are quite ruined.’
‘No. There is hope yet, Caroline.’
‘If he relents,’ she said, amazed, ‘there is. Nothing is past
hope, if such a miracle has happened.’
‘He is past relenting,’ said her husband. ‘He is dead.’
She was a mild and patient creature if her face spoke
truth; but she was thankful in her soul to hear it, and she
said so, with clasped hands. She prayed forgiveness the next
moment, and was sorry; but the first was the emotion of
her heart.
‘What the half-drunken woman whom I told you of
last night, said to me, when I tried to see him and obtain a
week’s delay; and what I thought was a mere excuse to avoid
me; turns out to have been quite true. He was not only very
ill, but dying, then.’
94 
‘To whom will our debt be transferred.’
‘I don’t know. But before that time we shall be ready with
the money; and even though we were not, it would be a bad
fortune indeed to find so merciless a creditor in his successor.
We may sleep to-night with light hearts, Caroline.’
Yes. Soften it as they would, their hearts were lighter. The
children’s faces, hushed and clustered round to hear what
they so little understood, were brighter; and it was a happier
house for this man’s death. The only emotion that the Ghost
could show him, caused by the event, was one of pleasure.
‘Let me see some tenderness connected with a death,’
said Scrooge;’ or that dark chamber, Spirit, which we left
just now, will be for ever present to me.’
The Ghost conducted him through several streets familiar
to his feet; and as they went along, Scrooge looked here
and there to find himself, but nowhere was he to be seen.
They entered poor Bob Cratchit’s house; the dwelling he had
visited before; and found the mother and the children seated
round the fire.
Quiet. Very quiet. The noisy little Cratchits were as still
as statues in one corner, and sat looking up at Peter, who
had a book before him. The mother and her daughters were
engaged in sewing. But surely they were very quiet.
‘And he took a child, and set him in the midst of them.’
Where had Scrooge heard those words. He had not
dreamed them. The boy must have read them out, as he and
the Spirit crossed the threshold. Why did he not go on.
The mother laid her work upon the table, and put her
hand up to her face.
  95
‘The colour hurts my eyes,’ she said.
The colour. Ah, poor Tiny Tim.
‘They’re better now again,’ said Cratchit’s wife. ‘It makes
them weak by candle-light; and I wouldn’t show weak eyes
to your father when he comes home, for the world. It must
be near his time.’
‘Past it rather,’ Peter answered, shutting up his book. ‘But
I think he has walked a little slower than he used, these few
last evenings, mother.’
They were very quiet again. At last she said, and in a
steady, cheerful voice, that only faltered once:
‘I have known him walk with — I have known him walk
with Tiny Tim upon his shoulder, very fast indeed.’
‘And so have I,’ cried Peter. ‘Often.’
‘And so have I,’ exclaimed another. So had all.
‘But he was very light to carry,’ she resumed, intent upon
her work,’ and his father loved him so, that it was no trouble:
no trouble. And there is your father at the door.’
She hurried out to meet him; and little Bob in his comforter
— he had need of it, poor fellow — came in. His tea
was ready for him on the hob, and they all tried who should
help him to it most. Then the two young Cratchits got upon
his knees and laid, each child a little cheek, against his face,
as if they said,’ Don’t mind it, father. Don’t be grieved.’
Bob was very cheerful with them, and spoke pleasantly
to all the family. He looked at the work upon the table,
and praised the industry and speed of Mrs Cratchit and the
girls. They would be done long before Sunday, he said.
‘Sunday. You went to-day, then, Robert.’ said his wife.
96 
‘Yes, my dear,’ returned Bob. ‘I wish you could have gone.
It would have done you good to see how green a place it is.
But you’ll see it often. I promised him that I would walk
there on a Sunday. My little, little child.’ cried Bob. ‘My little
child.’
He broke down all at once. He couldn’t help it. If he
could have helped it, he and his child would have been farther
apart perhaps than they were.
He left the room, and went up-stairs into the room above,
which was lighted cheerfully, and hung with Christmas.
There was a chair set close beside the child, and there were
signs of some one having been there, lately. Poor Bob sat
down in it, and when he had thought a little and composed
himself, he kissed the little face. He was reconciled to what
had happened, and went down again quite happy.
They drew about the fire, and talked; the girls and mother
working still. Bob told them of the extraordinary kindness
of Mr Scrooge’s nephew, whom he had scarcely seen
but once, and who, meeting him in the street that day, and
seeing that he looked a little -’ just a little down you know,’
said Bob, inquired what had happened to distress him. ‘On
which,’ said Bob,’ for he is the pleasantest-spoken gentleman
you ever heard, I told him. ‘I am heartily sorry for it,
Mr Cratchit,’ he said,’ and heartily sorry for your good wife.’
By the bye, how he ever knew that, I don’t know.’
‘Knew what, my dear.’
‘Why, that you were a good wife,’ replied Bob.
‘Everybody knows that.’ said Peter.
‘Very well observed, my boy.’ cried Bob. ‘I hope they do.
  97
‘Heartily sorry,’ he said,’ for your good wife. If I can be of
service to you in any way,’ he said, giving me his card,’ that’s
where I live. Pray come to me.’ Now, it wasn’t,’ cried Bob,’
for the sake of anything he might be able to do for us, so
much as for his kind way, that this was quite delightful. It
really seemed as if he had known our Tiny Tim, and felt
with us.’
‘I’m sure he’s a good soul.’ said Mrs Cratchit.
‘You would be surer of it, my dear,’ returned Bob,’ if you
saw and spoke to him. I shouldn’t be at all surprised - mark
what I say. — if he got Peter a better situation.’
‘Only hear that, Peter,’ said Mrs Cratchit.
‘And then,’ cried one of the girls,’ Peter will be keeping
company with some one, and setting up for himself.’
‘Get along with you.’ retorted Peter, grinning.
‘It’s just as likely as not,’ said Bob,’ one of these days;
though there’s plenty of time for that, my dear. But however
and when ever we part from one another, I am sure we shall
none of us forget poor Tiny Tim — shall we — or this first
parting that there was among us.’
‘Never, father.’ cried they all.
‘And I know,’ said Bob,’ I know, my dears, that when we
recollect how patient and how mild he was; although he was
a little, little child; we shall not quarrel easily among ourselves,
and forget poor Tiny Tim in doing it.’
‘No, never, father.’ they all cried again.
‘I am very happy,’ said little Bob,’ I am very happy.’
Mrs Cratchit kissed him, his daughters kissed him, the
two young Cratchits kissed him, and Peter and himself
98 
shook hands. Spirit of Tiny Tim, thy childish essence was
from God.
‘Spectre,’ said Scrooge,’ something informs me that our
parting moment is at hand. I know it, but I know not how.
Tell me what man that was whom we saw lying dead.’
The Ghost of Christmas Yet To Come conveyed him, as
before — though at a different time, he thought: indeed,
there seemed no order in these latter visions, save that they
were in the Future — into the resorts of business men, but
showed him not himself. Indeed, the Spirit did not stay for
anything, but went straight on, as to the end just now desired,
until besought by Scrooge to tarry for a moment.
‘This courts,’ said Scrooge,’ through which we hurry now,
is where my place of occupation is, and has been for a length
of time. I see the house. Let me behold what I shall be, in
days to come.’
The Spirit stopped; the hand was pointed elsewhere.
‘The house is yonder,’ Scrooge exclaimed. ‘Why do you
point away.’
The inexorable finger underwent no change.
Scrooge hastened to the window of his office, and looked
in. It was an office still, but not his. The furniture was not
the same, and the figure in the chair was not himself. The
Phantom pointed as before.
He joined it once again, and wondering why and whither
he had gone, accompanied it until they reached an iron gate.
He paused to look round before entering.
A churchyard. Here, then, the wretched man whose name
he had now to learn, lay underneath the ground. It was a
  99
worthy place. Walled in by houses; overrun by grass and
weeds, the growth of vegetation’s death, not life; choked up
with too much burying; fat with repleted appetite. A worthy
place.
The Spirit stood among the graves, and pointed down
to One. He advanced towards it trembling. The Phantom
was exactly as it had been, but he dreaded that he saw new
meaning in its solemn shape.
‘Before I draw nearer to that stone to which you point,’
said Scrooge, ‘answer me one question. Are these the shadows
of the things that Will be, or are they shadows of things
that May be, only.’
Still the Ghost pointed downward to the grave by which
it stood.
‘Men’s courses will foreshadow certain ends, to which,
if persevered in, they must lead,’ said Scrooge. ‘But if the
courses be departed from, the ends will change. Say it is
thus with what you show me.’
The Spirit was immovable as ever.
Scrooge crept towards it, trembling as he went; and following
the finger, read upon the stone of the neglected grave
his own name, Ebenezer Scrooge.
‘Am I that man who lay upon the bed.’ he cried, upon his
knees.
The finger pointed from the grave to him, and back
again.
‘No, Spirit. Oh no, no.’
The finger still was there.
‘Spirit.’ he cried, tight clutching at its robe,’ hear me. I am
100 
not the man I was. I will not be the man I must have been
but for this intercourse. Why show me this, if I am past all
hope.’
For the first time the hand appeared to shake.
‘Good Spirit,’ he pursued, as down upon the ground he
fell before it:’ Your nature intercedes for me, and pities me.
Assure me that I yet may change these shadows you have
shown me, by an altered life.’
The kind hand trembled.
‘I will honour Christmas in my heart, and try to keep it
all the year. I will live in the Past, the Present, and the Future.
The Spirits of all Three shall strive within me. I will
not shut out the lessons that they teach. Oh, tell me I may
sponge away the writing on this stone.’
In his agony, he caught the spectral hand. It sought to
 itself, but he was strong in his entreaty, and detained it.
The Spirit, stronger yet, repulsed him.
Holding up his hands in a last prayer to have his fate aye
reversed, he saw an alteration in the Phantom’s hood and
dress. It shrunk, collapsed, and dwindled down into a bedpost.
  101
Stave 5: The End of It
Yes! and the bedpost was his own. The bed was his own,
the room was his own. Best and happiest of all, the Time
before him was his own, to make amends in!
‘I will live in the Past, the Present, and the Future.’
Scrooge repeated, as he scrambled out of bed. ‘The Spirits of
all Three shall strive within me. Oh Jacob Marley. Heaven,
and the Christmas Time be praised for this. I say it on my
knees, old Jacob, on my knees.’
He was so fluttered and so glowing with his good intentions,
that his broken voice would scarcely answer to his
call. He had been sobbing violently in his conflict with the
Spirit, and his face was wet with tears.
‘They are not torn down.’ cried Scrooge, folding one of
his bed-curtains in his arms,’ they are not torn down, rings
and all. They are here — I am here — the shadows of the
things that would have been, may be dispelled. They will be.
I know they will.’
His hands were busy with his garments all this time;
turning them inside out, putting them on upside down,
tearing them, mislaying them, making them parties to every
kind of extravagance.
‘I don’t know what to do.’ cried Scrooge, laughing and
crying in the same breath; and making a perfect Laocoon of
himself with his stockings. ‘I am as light as a feather, I am
102 
as happy as an angel, I am as merry as a schoolboy. I am as
giddy as a drunken man. A merry Christmas to everybody.
A happy New Year to all the world. Hallo here. Whoop. Hallo.’
He had frisked into the sitting-room, and was now standing
there: perfectly winded.
‘There’s the saucepan that the gruel was in.’ cried Scrooge,
starting off again, and going round the fireplace. ‘There’s
the door, by which the Ghost of Jacob Marley entered.
There’s the corner where the Ghost of Christmas Present,
sat. There’s the window where I saw the wandering Spirits.
It’s all right, it’s all true, it all happened. Ha ha ha.’
Really, for a man who had been out of practice for so
many years, it was a splendid laugh, a most illustrious laugh.
The father of a long, long line of brilliant laughs.
‘I don’t know what day of the month it is.’ said Scrooge.
‘I don’t know how long I’ve been among the Spirits. I don’t
know anything. I’m quite a baby. Never mind. I don’t care.
I’d rather be a baby. Hallo. Whoop. Hallo here.’
He was checked in his transports by the churches ringing
out the lustiest peals he had ever heard. Clash, clang,
hammer; ding, dong, bell. Bell, dong, ding; hammer, clang,
clash. Oh, glorious, glorious.
Running to the window, he opened it, and put out his
head. No fog, no mist; clear, bright, jovial, stirring, cold;
cold, piping for the blood to dance to; Golden sunlight;
Heavenly sky; sweet fresh air; merry bells. Oh, glorious.
Glorious.
‘What’s to-day.’ cried Scrooge, calling downward to a
  103
boy in Sunday clothes, who perhaps had loitered in to look
about him.
‘Eh.’ returned the boy, with all his might of wonder.
‘What’s to-day, my fine fellow.’ said Scrooge.
‘To-day.’ replied the boy. ‘Why, Christmas Day.’
‘It’s Christmas Day.’ said Scrooge to himself. ‘I haven’t
missed it. The Spirits have done it all in one night. They can
do anything they like. Of course they can. Of course they
can. Hallo, my fine fellow.’
‘Hallo.’ returned the boy.
‘Do you know the Poulterer’s, in the next street but one,
at the corner.’ Scrooge inquired.
‘I should hope I did,’ replied the lad.
‘An intelligent boy.’ said Scrooge. ‘A remarkable boy. Do
you know whether they’ve sold the prize Turkey that was
hanging up there — Not the little prize Turkey: the big
one.’
‘What, the one as big as me.’ returned the boy.
‘What a delightful boy.’ said Scrooge. ‘It’s a pleasure to
talk to him. Yes, my buck.’
‘It’s hanging there now,’ replied the boy.
‘Is it.’ said Scrooge. ‘Go and buy it.’
‘Walk-er.’ exclaimed the boy.
‘No, no,’ said Scrooge, ‘I am in earnest. Go and buy it,
and tell them to bring it here, that I may give them the direction
where to take it. Come back with the man, and I’ll
give you a shilling. Come back with him in less than five
minutes and I’ll give you half-a-crown.’
The boy was off like a shot. He must have had a steady
104 
hand at a trigger who could have got a shot off half so fast.
‘I’ll send it to Bon Cratchit’s.’ whispered Scrooge, rubbing
his hands, and splitting with a laugh. ‘He shan’t know
who sends it. It’s twice the size of Tiny Tim. Joe Miller never
made such a joke as sending it to Bob’s will be.’
The hand in which he wrote the address was not a steady
one, but write it he did, somehow, and went down-stairs to
open the street door, ready for the coming of the poulterer’s
man. As he stood there, waiting his arrival, the knocker
caught his eye.
‘I shall love it, as long as I live.’ cried Scrooge, patting it
with his hand. ‘I scarcely ever looked at it before. What an
honest expression it has in its face. It’s a wonderful knocker.
— Here’s the Turkey. Hallo. Whoop. How are you. Merry
Christmas.’
It was a Turkey. He never could have stood upon his legs,
that bird. He would have snapped them short off in a minute,
like sticks of sealing-wax.
‘Why, it’s impossible to carry that to Camden Town,’ said
Scrooge. ‘You must have a cab.’
The chuckle with which he said this, and the chuckle with
which he paid for the Turkey, and the chuckle with which
he paid for the cab, and the chuckle with which he recompensed
the boy, were only to be exceeded by the chuckle
with which he sat down breathless in his chair again, and
chuckled till he cried.
Shaving was not an easy task, for his hand continued
to shake very much; and shaving requires attention, even
when you don’t dance while you are at it. But if he had cut
  105
the end of his nose off, he would have put a piece of stickingplaster
over it, and been quite satisfied.
He dressed himself all in his best, and at last got out into
the streets. The people were by this time pouring forth, as
he had seen them with the Ghost of Christmas Present; and
walking with his hands behind him, Scrooge regarded every
one with a delighted smile. He looked so irresistibly pleasant,
in a word, that three or four good-humoured fellows
said,’ Good morning, sir. A merry Christmas to you.’ And
Scrooge said often afterwards, that of all the blithe sounds
he had ever heard, those were the blithest in his ears.
He had not gone far, when coming on towards him he
beheld the portly gentleman, who had walked into his
counting-house the day before, and said,’ Scrooge and Marley’s,
I believe.’ It sent a pang across his heart to think how
this old gentleman would look upon him when they met;
but he knew what path lay straight before him, and he took
it.
‘My dear sir,’ said Scrooge, quickening his pace, and taking
the old gentleman by both his hands. ‘How do you do.
I hope you succeeded yesterday. It was very kind of you. A
merry Christmas to you, sir.’
‘Mr Scrooge.’
‘Yes,’ said Scrooge. ‘That is my name, and I fear it may
not be pleasant to you. Allow me to ask your pardon. And
will you have the goodness’ — here Scrooge whispered in
his ear.
‘Lord bless me.’ cried the gentleman, as if his breath were
taken away. ‘My dear Mr Scrooge, are you serious.’
106 
‘If you please,’ said Scrooge. ‘Not a farthing less. A great
many back-payments are included in it, I assure you. Will
you do me that favour.’
‘My dear sir,’ said the other, shaking hands with him. ‘I
don’t know what to say to such munificence.’
‘Don’t say anything please,’ retorted Scrooge. ‘Come and
see me. Will you come and see me.’
‘I will.’ cried the old gentleman. And it was clear he
meant to do it.
‘Thank you,’ said Scrooge. ‘I am much obliged to you. I
thank you fifty times. Bless you.’
He went to church, and walked about the streets, and
watched the people hurrying to and fro, and patted children
on the head, and questioned beggars, and looked down into
the kitchens of houses, and up to the windows, and found
that everything could yield him pleasure. He had never
dreamed that any walk — that anything — could give him
so much happiness. In the afternoon he turned his steps towards
his nephew’s house.
He passed the door a dozen times, before he had the courage
to go up and knock. But he made a dash, and did it:
‘Is your master at home, my dear.’ said Scrooge to the girl.
Nice girl. Very.
‘Yes, sir.’
‘Where is he, my love.’ said Scrooge.
‘He’s in the dining-room, sir, along with mistress. I’ll
show you up-stairs, if you please.’
‘Thank you. He knows me,’ said Scrooge, with his hand
already on the dining-room lock. ‘I’ll go in here, my dear.’

 

Strofa Prima: Lo spettro di Marley

Marley, prima di tutto, era morto. Niente dubbio su questo.
Il registro mortuario portava le firme del prete, del chierico, dell'appaltatore delle pompe funebri e della persona che aveva guidato il mortoro. Scrooge vi aveva apposto la sua: e il nome di Scrooge, su qualunque fogliaccio fosse scritto, valeva tant'oro. Il vecchio Marley era proprio morto per quanto è morto, come diciamo noi, un chiodo di porta. Badiamo! non voglio mica dare ad intendere che io sappia molto bene che cosa ci sia di morto in un chiodo di porta. Per conto mio, sarei stato disposto a pensare che il pezzo più morto di tutta la ferrareccia fosse un chiodo di cataletto. Ma poiché la saggezza dei nostri nonni sfolgora nelle similitudini, non io vi toccherò con sacrilega mano; se no, il paese è bell'e ito. Lasciatemi dunque ripetere, solennemente, che Marley era morto com'è morto un chiodo di porta. Sapeva Scrooge di questa morte? Beninteso. Come avrebbe fatto a non saperlo? Scrooge e il morto erano stati soci per non so quanti anni. Scrooge era il suo unico esecutore testamentario, unico amministratore, unico procuratore, unico legatario universale, unico amico, unico guidatore del mortoro. Anzi il nostro Scrooge, che per verità il triste evento non aveva fatto terribilmente
spasimare, si mostrò sottile uomo d'affari il giorno stesso dei funerali e lo solennizzò con un negozio co' fiocchi. Il ricordo dei funerali mi fa tornare al punto di partenza. Non c'è dunque dubbio che Marley era morto. Questo mettiamolo bene in sodo, se no niente di maraviglioso potrà scaturire dalla storia che
son per narrarvi. Se non fossimo perfettamente convinti che il padre d'Amleto è morto prima che s'alzi il sipario, la sua passeggiatina notturna su pei bastioni al vento di levante non ci farebbe maggiore effetto della bisbetica passeggiata di un qualunque attempato galantuomo il quale se
n'andasse di notte in un posto ventoso - il cimitero di San Paolo, poniamo - pel solo gusto di sbalordire la melansaggine del proprio figliuolo. Scrooge non cancellò dall'insegna il nome del vecchio Marley. Parecchi anni dopo, leggevasi sempre sulla porta del magazzino: "Scrooge e Marley". La ditta era nota per Scrooge e Marley. Seguiva a volte che qualche novizio agli affari desse a Scrooge ora il nome di Scrooge e ora quello
di Marley; ma egli rispondeva a tutti e due. Per lui era tutt'una cosa. Oh! ma che stretta sapevano avere le benedette mani di cotesto Scrooge! come adunghiavano, spremevano, torcevano, scuoiavano, artigliavano le mani del vecchio lesina peccatore! Aspro e tagliente come una pietra focaia, dalla quale nessun acciaio al mondo aveva mai fatto schizzare una generosa scintilla; chiuso, sigillato, solitario come un'ostrica. Il freddo che aveva di dentro gli gelava il viso decrepito, gli cincischiava il naso puntuto, gli accrespava le guance, gli stecchiva il
portamento, gli facea rossi gli occhi e turchinucce le labbra sottili, si mostrava fuori in una voce acre che pareva di raspa. Sul capo, nelle sopracciglie, sul mento asciutto gli biancheggiava la brina. La sua bassa temperatura se la portava sempre addosso; gelava il suo studio né giorni canicolari; non lo scaldava di un grado a Natale. Caldo e freddo non facevano effetto sulla persona di Scrooge. L'estate non gli dava calore, il rigido
inverno non lo assiderava. Non c'era vento più aspro di lui, non c'era neve che cadesse più fitta, non c'era pioggia più inesorabile. Il cattivo tempo non sapeva da che parte pigliarlo. L'acquazzone, la neve, la grandine, il nevischio, per un sol verso si potevano vantare di essere da più di lui: più di una
volta si spargevano con larghezza: Scrooge no, mai.
Nessuno lo fermava mai per via per dirgli con cera allegra: "Come si va, caro il mio Scrooge? a quando una vostra visita?" Né un poverello gli chiedeva la più piccola carità, né un bambino gli domandava che ore fossero, né uomo o donna, una volta sola in tutta la vita loro, si erano rivolti a lui per informarsi della tale o tal'altra strada. Perfino i cani dei ciechi davano a vedere di conoscerlo; scorgendolo di lontano subito si tiravano dietro il padrone in una corte o in un chiassuolo. Poi scodinzolavano un poco, come per dire: "Povero padrone mio, val meglio non aver occhi che avere un mal occhio!" Ma che gliene premeva a Scrooge! Meglio anzi, ci provava gusto. Sgusciare lungo i sentieri affollati della vita, ammonendo la buona gente di tirarsi in là, era per Scrooge come per un goloso sgranocchiar pasticcini.
Una volta - il più bel giorno dell'anno, la vigilia di Natale - il vecchio Scrooge se ne stava a sedere tutto affaccendato nel suo banco. Il tempo era freddo, uggioso, tutto nebbia; e si sentiva la gente di fuori andar su e giù, traendo il fiato grosso, fregandosi forte le mani, battendo i piedi per terra per
scaldarseli. Gli orologi del vicinato avevano battuto le tre, ma era già quasi notte, se pure il giorno c'era stato. Dalle finestre dei negozi vicini rosseggiavano i lumi come tante macchie sull'aria grigia e spessa. Entrava la nebbia per ogni fessura, per ogni buco di serratura; e così densa era di fuori che,
ad onta dell'angustia del vicoletto, le case dirimpetto parevano fantasmi. Davvero, quella nuvola scura che scendeva e scendeva sopra ogni cosa faceva pensare che la Natura, stabilitasi lì accanto, avesse dato l'aire a una sua grande manifattura di birra. L'uscio del banco era aperto, per dare agio a Scrooge di tenere d'occhio il suo commesso, il quale,
inserito in una celletta più in là, una specie di cisterna, attendeva a copiar lettere. Scrooge non aveva per sé che un fuocherello; ma tanto più misero era il fuocherello del commesso, che pareva fatto di un sol pezzo di carbone. Né c'era verso di accrescerlo, perché la cesta del carbone se la teneva
Scrooge con sé; e quando per caso il commesso entrava con in mano la paletta, issofatto il
principale gli faceva capire che sarebbe stato costretto a dargli il benservito. Epperò lo scrivano si avvolgeva al collo il suo fazzoletto bianco e ingegnavasi di scaldarsi alla fiamma della candela: il che, per non essere egli un uomo di gagliarda immaginazione, non gli riusciva né punto né poco.
- Buon Natale, zio! un allegro Natale! Dio vi benedica! - gridò una voce gioconda. Era la voce del nipote di Scrooge, piombato nel banco così d'improvviso che lo zio non lo aveva sentito venire.
- Eh via! - rispose Scrooge - sciocchezze! -
S'era così ben scaldato, a furia di correre nella nebbia e nel gelo, cotesto nipote di Scrooge, che pareva come affocato: aveva la faccia rubiconda e simpatica; gli lucevano gli occhi e fumava ancora il fiato. - Come, zio, Natale una sciocchezza! - esclamò il nipote di Scrooge. - Voi non lo pensate di certo.
- Altro se lo penso! - ribatté Scrooge. - Un Natale allegro! o che motivo hai tu di stare allegro? che diritto? Sei povero abbastanza, mi pare. - Via, via - riprese il nipote ridendo. - Che diritto avete voi di essere triste? che ragione avete di essere uggioso? Siete ricco abbastanza, mi pare. - Scrooge, che non avea pel momento una risposta migliore, tornò al suo "Eh via! sciocchezze." - Non siate così di malumore, zio - disse il nipote.
- Sfido io a non esserlo - ribatté lo zio - quando s'ha da vivere in un mondaccio di matti com'è questo. Un Natale allegro! Al diavolo il Natale con tutta l'allegria! O che altro è il Natale se non un giorno di scadenze quando non s'hanno danari; un giorno in cui ci si trova più vecchi di un anno e
nemmeno di un'ora più ricchi; un giorno di chiusura di bilancio che ci dà, dopo dodici mesi, la bella soddisfazione di non trovare una sola partita all'attivo? Se potessi fare a modo mio, ogni idiota che se ne va attorno con cotesto "allegro Natale" in bocca, avrebbe a esser bollito nella propria pentola e
sotterrato con uno stecco di agrifoglio nel cuore. Sì, proprio!
- Zio! - pregò il nipote. - Nipote! - rimbeccò accigliato lo zio, - tieniti il tuo Natale tu, e lasciami il mio.  Il vostro Natale! ma che Natale è il vostro, se voi non ne fate? - Vuol dire che così mi piace, e tu non mi rompere il capo. Buon pro ti faccia il tuo Natale! E davvero che te n'ha fatto del bene fino adesso!
- Di molte cose buone sono stato io a non voler profittare, quest'è certo - rispose il nipote; - e il
Natale fra l'altre. - Ma il fatto è che io ho tenuto sempre il giorno di Natale, quando è tornato - lasciando stare il rispetto dovuto al suo sacro nome, se si può lasciarlo stare - come un bel giorno,
un giorno in cui ci si vuol bene, si fa la carità, si perdona e ci si spassa: il solo giorno del calendario, in cui uomini e donne per mutuo accordo pare che aprano il cuore e pensino alla povera gente come a compagni di viaggio verso la tomba e non già come ad un'altra razza di creature avviata per altri
sentieri. Epperò, zio, benché non mi abbia mai cacciato in tasca la croce di un soldo, io credo che il Natale m'abbia fatto del bene e me ne farà. Evviva dunque il Natale! -
Il commesso non si seppe tenere dall'applaudire dal fondo della sua cisterna; ma, subito accortosi
del marrone, si diè ad attizzare il fuoco e riuscì ad estinguere l'ultima scintilla. - Un altro di cotesti rumori dalla vostra parte - disse Scrooge - e ve lo darò io il Natale con un bravo
benservito. Sei davvero un parlatore coi fiocchi - sopraggiunse volgendosi al nipote. - Mi sorprende
che non ti ficchino in Parlamento.
- Non andate in collera, zio. Orsù, vi aspettiamo domani sera a pranzo. - Scrooge rispose che piuttosto lo volea vedere all'inf... Sì davvero, la disse tutta la parola. Allora,
forse, avrebbe accettato l'invito.
- Ma perché? - esclamò il nipote. - Perché?
- Perché diamine ti sei accasato? - domandò Scrooge.
- Perché ero innamorato.
- Perché eri innamorato! - grugnì Scrooge, come se cotesta fosse l'unica cosa al mondo più ridicola
di un allegro Natale. - Buona sera!
- Ma voi, zio, non siete mai venuto a trovarmi prima. Perché mo' vi appigliate a cotesto pretesto?
- Buona sera, - disse Scrooge.
- Niente voglio da voi; niente vi chiedo: perché non dobbiamo essere amici? - Buona sera, - disse Scrooge.
- Mi fa pena, proprio, di trovarvi così ostinato. Tra noi non ci sono mai stati dissapori, ch'io ci abbia
avuto colpa. Ho voluto fare questa prova in onore di Natale, e il mio buonumore di Natale lo serberò
fino in fondo. Buon Natale dunque zio mio!
- Buona sera, - disse Scrooge. - E buon principio d'anno per giunta! - Buona sera, - disse Scrooge.
Il nipote se n'andò. Né il nipote si lasciò sfuggire di bocca una sola parola dispettosa. Andò via tranquillo e si fermò un
momento alla porta esterna per fare i suoi auguri al commesso, il quale, gelato com'era, aveva però
addosso più calore di Scrooge, perché cordialmente li ricambiò.
- Eccone un altro - borbottò Scrooge che l'aveva udito: - il mio commesso, con quindici scellini la settimana, moglie e figliuoli, che parla di buon Natale. Mi chiuderò nel manicomio. -
Cotesto lunatico intanto, facendo uscire il nipote di Scrooge, aveva introdotto due altre persone.
All'aspetto ed ai modi erano gentiluomini: si cavarono il cappello e s'inchinarono a Scrooge. Avevano in mano fogli e quaderni.
- Scrooge e Marley, credo? - disse uno de' due guardando a una sua lista. - Ho io l'onore di parlare al signor Scrooge o al signor Marley? - Il signor Marley - rispose Scrooge - è morto da sette anni. Morì sette anni fa, proprio questa notte.
- Non dubitiamo punto - riprese a dire quel signore, presentando le sue credenziali - che la sua liberalità abbia nel socio sopravvivente un degno rappresentante. -
Così senz'altro doveva essere; perché i due soci erano stati come due anime in un nocciolo. Alla malaugurosa parola "liberalità" Scrooge aggrottò le ciglia, crollò il capo e restituì le credenziali. - In questa gioconda ricorrenza, signor Scrooge - disse quel signore, prendendo una penna, - è più
che mai desiderabile il raccogliere qualche tenue soccorso per la povera gente sulla quale ricade
tutto il rigore della stagione. Ce n'ha migliaia che mancano dello stretto necessario; centinaia di migliaia cui fa difetto il menomo benessere. - Non ci sono prigioni? - domandò Scrooge.
- Molte anzi - rispose l'altro posando la penna.
- E gli Ospizi? gli hanno chiusi forse?
- No davvero; così si potesse!
- Sicché il mulino de' forzati e la legge su' poveri son sempre in vigore? - Sempre, ed hanno anche un gran da fare.
- Oh! io avevo temuto alle vostre prime parole, che qualche malanno avesse rovinato coteste utili
istituzioni, - disse Scrooge. - Mi fa piacere di sentire il contrario.
- Mossi dal pensiero che esse non procacciano alla moltitudine un qualunque benessere cristiano di anima o di corpo - rispose quel signore - alcuni di noi si danno attorno per raccogliere un tanto da comprare ai poveri un po' di cibo e un po' di carbone. Scegliamo quest'epoca, come quella in cui il
bisogno è più acuto e l'abbondanza rallegra. Per che somma volete che vi segni? - Per niente! - rispose Scrooge.
- Vi piace serbar l'anonimo?
- Mi piace non essere disturbato. Poiché lo volete sapere, signori miei, ecco quel che mi piace. Per
conto mio, non mi do bel tempo a Natale, né voglio fornire ai fannulloni i mezzi di darsi bel tempo.
Pago la mia brava quota per gli stabilimenti che sapete: costano di molto: chi non sta bene fuori, ci vada.
- Molti non possono, e molti altri preferirebbero la morte.
- Se così è, si servano pure - disse Scrooge; - scemerebbe di tanto il soverchio della popolazione. In
fondo poi, scusatemi, io non ne so niente.
- Non vi riuscirebbe difficile di saperlo - osservò l'altro.
- Non è affar mio - ribatté Scrooge. - È già molto che ci si raccapezzi negli affari nostri, senza
immischiarci in quelli degli altri. I miei mi pigliano tutta la giornata. Buona sera, signori! -
Vista l'inutilità di ogni altra insistenza, i due gentiluomini si accomiatarono. Scrooge si rimise al lavoro, molto contento del fatto suo e di più lieto umore che mai non fosse stato.
Intanto la nebbia e le tenebre si facevano così fitte che degli uomini armati di torce correvano per le
vie, profferendosi a far da guide alle carrozze. La vecchia torre di una chiesa, la cui campana arcigna
pareva guardare a Scrooge dall'alto della sua finestra gotica, divenne invisibile e prese a suonare le
ore e i quarti nelle nuvole con un certo prolungato tremolio come se i denti le battessero. Il freddo
infierì. Alla cantonata alcuni operai, intenti a restaurare i tubi del gas, avevano acceso un gran fuoco
in un braciere, e intorno a questo una mano di uomini e di ragazzi cenciosi s'era raccolta: si
scaldavano le mani e battevano le palpebre alla fiamma, beati. La fontanina, abbandonata a sé
stessa, s'incoronava malinconicamente di ghiacci. I lumi delle botteghe, dove i ramoscelli di
agrifoglio crepitavano al calore delle fiamme, facevano rosseggiare le facce pallide dei passanti. Le
mostre dei pollaioli e dei salumai erano mostre davvero; e così splendide, da parere quasi
impossibile che la volgarità del comprare e del vendere ci avesse niente che vedere. Il lord Mayor,
nella sontuosità fortificata del suo palazzo, impartiva ordini ai suoi cinquanta cuochi e canovai perché si festeggiasse il Natale come s'addice alla casa di un lord Mayor. E perfino il sartuccio, da lui multato di cinque scellini il lunedì avanti per essere andato attorno ubriaco e assetato di sangue,
si dava da fare nella sua soffitta per preparare il pranzetto del giorno appresso, mentre la moglie
magrina con in collo la bimba andavano fuori a comprare il pezzo di carne che ci voleva. E cresceano la nebbia ed il freddo! Un freddo pungente, tagliente, mordente. Se il buon San
Dustano, lasciando le solite sue armi, avesse un po' carezzato il naso dello Spirito maligno con un
tempo di quella fatta, è certo che lo avrebbe fatto strillare come un'aquila. Il proprietario di un
 miserabile nasetto, rosicchiato dal freddo famelico come un osso dai cani, si fermò davanti allo
studio di Scrooge per allietarne l'inquilino con una canzonetta natalizia; ma alle prime parole:
Dio vi tenga, o buon signore,
Sano il corpo e allegro il core...
Scrooge die' di piglio alla riga con tanta furia che il cantore scappò atterrito, lasciando libera la porta
alla nebbia e alla gelata, meglio adatte al luogo che il canto non fosse. Arrivò l'ora finalmente di chiudere il banco. A malincuore Scrooge smontò dal suo sgabello, dando
così un tacito segno al commesso, il quale soffiò subito sulla candela e si pose il cappello.
- Mi figuro - disse Scrooge - che la giornata di domani la vorrete tutta, eh? - Se vi piace, signore.
- Non mi piace punto e non è giusto. Se vi risecassi per questo una mezza corona, scommetto che vi
riterreste trattato male, non è così? -
Il commesso sbozzò un debole sorriso.
- Eppure - proseguì Scrooge - a voi non vi pare che io sia trattato male, quando sborso il salario di
una giornata per niente. - Il commesso notò che si trattava di una volta all'anno. - Bella scusa per cacciar le mani nelle tasche d'un galantuomo ogni 25 di dicembre! - esclamò
Scrooge abbottonandosi il pastrano fin sotto il mento. - Vada per tutta la giornata, poiché così ha da
essere. E badate almeno a trovarvi qui più presto del solito doman l'altro! - Il commesso promise, e Scrooge se n'uscì grugnendo. Detto fatto, il banco fu chiuso, e il commesso,
co' capi del fazzoletto bianco che gli pendevano fin sotto al farsettino (pastrano non ne sfoggiava) se
n'andò a fare una sdrucciolata sul ghiaccio dietro una brigata di monelli, in onore della vigilia di
Natale, e poi diritto a casa a Camden Town per giuocare a mosca cieca. Scrooge fece il suo malinconico desinare nell'usata malinconica osteria. Dié una scorsa a tutti i
giornali e si sprofondò nel suo squarcetto, ammazzò la serata e si avviò a casa per mettersi a letto.
Abitava un quartiere, o meglio una sfilata di stanze, già un tempo proprietà del socio defunto, in un
vecchio e bieco caseggiato che si nascondeva in fondo ad un chiassuolo. Davvero, quel caseggiato
in quel posto non si sapeva che vi stesse a fare: si pensava, mal proprio grado, che da bambino,
facendo a rimpietterelli con altre case, si fosse rincattucciato lì e non avesse più saputo venirne
fuori. Oramai s'era fatto vecchio ed arcigno. Non ci abitava che Scrooge: tutte le altre stanze erano
date via in fitto per studi di commercio. Era così buio il chiassuolo, che lo stesso Scrooge, pur
conoscendolo pietra per pietra, vi brancolava.. La nebbia incombeva così spessa davanti alla porta
scura della casa, da far credere che il Genio dell'inverno stesse lì a sedere sulla soglia, assorto in una
lugubre meditazione. Ora, certo è che il picchiotto della porta, oltre ad essere massiccio, non aveva in sé niente di
speciale. È anche certo che Scrooge, da che abitava lì, l'aveva visto mattina e sera; E lo stesso
Scrooge, inoltre, era dotato di così temperata fantasia quanto alcun'altra persona nella City di
Londra, compresi, con rispetto parlando, tutti i membri del corpo municipale. Si badi altresì a
questo che Scrooge non aveva pensato un sol momento a Marley, dopo averne ricordato la morte,
quel giorno stesso avvenuta sette anni addietro. E dopo di ciò, mi spieghi chi vuole come seguisse
che Scrooge, ficcata che ebbe la chiave nella toppa, vide nel picchiotto, da un momento all'altro,
non più un picchiotto, ma il viso di Marley.
Il viso di Marley. Non avvolgevasi già, come ogni altra cosa intorno, nell'ombra fitta; anzi raggiava
un certo bagliore livido come un gambero andato a male in un oscuro ripostiglio. Non era crucciato
o feroce; fissava Scrooge come Marley soleva fare, e lo fissava con occhiali da spettro alzati sopra
una fronte da spettro. I capelli sollevavansi stranamente quasi mossi da un soffio o da un'aria calda;
gli occhi, benché sbarrati, erano immobili; la faccia livida. Una cosa orrenda: se non che l'orrore era
estraneo all'espressione di quel viso e in certo modo gli era imposto. Scrooge si fermò e stette a guardare il fenomeno. Il picchiotto tornò ad esser picchiotto.
Non si può dire ch'egli non trasalisse e che il sangue non gli desse un tuffo, come non gli era mai
avvenuto. Nondimeno riafferrò la chiave, che aveva lasciato un momento, la girò con forza, entrò e accese la candela.
Sì; prima di chiudere la porta, stette un po' irresoluto, ed anzi si piegò cautamente a guardare
dall'altra parte, quasi temesse di veder scodinzolare fino nella corte il codino di Marley. Ma niente
c'era, altro che le capocchie delle viti che reggevano il picchiotto. "Via, via!" disse Scrooge, e sbatacchiò la porta.
Rimbombò il rumore per tutta la casa come un tuono. Ogni stanza di sopra, ogni botte nella cantina del vinaio di sotto, echeggiò per suo conto. Scrooge non era uomo da aver paura degli echi. Menò il paletto alla porta, traversò la corte, prese a salir le scale a tutto suo comodo e smoccolando la candela.
Voi mi parlerete di quelle brave gradinate d'una volta su per le quali ci si poteva andare con un tiro a sei; ma io vi so dire che per questa scalinata di Scrooge ci poteva anche salire un carro mortuario, portato di traverso, col timone verso il muro e lo sportello verso la ringhiera; e senza fatica, anche.
Del posto ce n'era più del bisogno. E dovette essere per questo che Scrooge si figurò di vedersi davanti uno di cotesti carri che lo precedeva nel buio. Una mezza dozzina di fiammelle di gas non
avrebbero bastato a far lume in quel forno; pensate dunque che bel chiarore notturno spandesse intorno la misera candela di Scrooge. Scrooge andava su, senza curarsene un fico secco: l'oscurità costa poco, e a Scrooge gli piaceva. Se
non che, prima di tirarsi dietro la porta massiccia, visitò una per una tutte le stanze per vedere se
ogni cosa era in regola. Può darsi che un certo ricordo confuso della faccia con gli occhiali lo spingesse a far questo.
Salotto, camera, stanzone, tutto in ordine. Nessuno sotto la tavola, nessuno sotto il canapè; un fuocherello nel caminetto; pronti il cucchiaio e la tazza; il ramino con l'orzo sulla fornacetta
(Scrooge aveva una infreddatura di testa). Nessuno sotto il letto; nessuno nel gabinetto; nessuno
nella veste da camera, pendente dalla parete in attitudine sospetta. Lo stanzone come al solito: un
vecchio parafuoco, un vecchio par di scarpe, due ceste da pesce, un lavamani a tre gambe e un par di molle.
Rassicurato, tirò a sé la porta e si chiuse, contro il solito, a doppia mandata. Si tolse la cravatta, si cacciò nella veste da camera, nelle pantofole e nel berretto da notte; sedette davanti al fuoco per prendere il suo decotto.
Era un fuoco meschino; meno di niente in una notte come quella. Dovette accostarvisi dappresso e
quasi covarlo, prima di spremerne il menomo calore. Il caminetto decrepito era stato costruito tanti
anni fa da qualche mercante olandese con intorno un ammattonato fiammingo tutto pieno de' fatti
della Storia Sacra. Ci erano de' Caini e degli Abeli; figlie de' Faraoni, regine di Saba, messi celesti
calanti per l'aria sopra nuvole a foggia di piumini, Abrami, Baldassarri, Apostoli che salpavano in
tante salsiere, centinaia di figure da attrarre i suoi pensieri. Eppure, quel cosiffatto viso di Marley, morto da sette anni, veniva come la verga dell'antico profeta ad ingoiare ogni cosa. Se ciascuno di quei mattoni vetriati fosse stato bianco e capace di riprodurre una figura fatta dai minuzzoli de'
pensieri di lui, si sarebbero viste senza meno altrettante facce del vecchio Marley. - Sciocchezze! - disse Scrooge; e si diede a passeggiare su e giù per la camera.
Dopo un poco tornò a sedere. Arrovesciando il capo sulla spalliera del seggiolone, gli venne fatto di
fermar gli occhi sopra un campanello disusato, che per una ragione o per l'altra comunicava con una
camera posta in cima al caseggiato. Con uno stupore grande, con un terrore nuovo, inesplicabile,
egli vide quel campanello dondolare un poco. E così dolce era quel dondolio in principio che appena dava un filo di suono; ma di lì a poco squillò con violenza e tutti i campanelli della casa
risposero allo squillo stridente. Durò la cosa forse un minuto, forse mezzo: ma sembrò che durasse un'ora. Tutti i campanelli
smessero insieme, di botto, come avevano cominciato. Successe a quel suono un rumore di ferramenta, uscente dalle viscere della terra, come se qualcuno strascinasse una sua catena fra le botti della cantina del vinaio. Scrooge si sovvenne allora di aver sentito dire che gli spiriti, nelle case dove ci si sente, strascinano catene. L'uscio della canova si spalancò con fracasso; il rumore si fece più forte a terreno; poi si udì suonare
su per le scale; poi venne difilato verso la camera.
- Eh via, sciocchezze! - disse Scrooge. - Non ci credo mica, io. -
Si fece bianco però, quando subito dopo lo spettro traforò la porta massiccia e gli entrò in camera,
davanti agli occhi. Nel punto stesso la fiamma morente die' un guizzo come se volesse dire: "Lo conosco! È lo spirito di Marley!" e subito ricadde. Lo stesso viso, proprio lo stesso. Marley col suo codino, col solito panciotto, le brache attillate, gli
stivaloni, le cui nappine di seta tentennavano insieme col codino, con le falde del soprabito e capelli ritti sul capo. La catena strascinata lo stringeva alla cintola. Era lunga e gli s'avvinghiava
attorno come una coda, ed era fatta, come Scrooge ebbe a notare, di scrigni, chiavi, lucchetti, libri
mastri, fogliacci e pesanti borse di acciaio. Aveva il corpo trasparente; sicché Scrooge, osservandolo e guardandolo attraverso il panciotto, vedeva i due bottoni di dietro del vestito.
Scrooge avea spesso sentito dire che Marley era un uomo senza visceri, ma soltanto adesso ci credeva.
No davvero, non ci credeva nemmeno. Benché se lo vedesse davanti quello spettro e lo passasse con
l'occhio da parte a parte, benché da quegli sguardi impietriti nella morte si sentisse accapponar la
pelle, benché notasse perfino l'ordito del fazzoletto che gli copriva il capo e gli s'annodava sotto il
mento, al che sulle prime non avea badato, era nondimeno incredulo sempre e lottava contro i propri sensi.
- Che vuol dire ciò? - interrogò Scrooge, freddo e mordace come sempre. - Che volete da me?
- Molto! -
Era la voce di Marley, precisa.
- Chi siete voi?
- Domandami chi fui.
- Bene, chi foste? - disse Scrooge alzando la voce. - Siete un tantino pedante, mi pare, per essere un'ombra.
- In vita, fui il tuo socio, Giacobbe Marley.
- Potreste... sedere? - domandò Scrooge guardandolo dubbioso.
- Posso.
- Sedete, dunque. -
Scrooge domandò la cosa, per vedere se uno spettro così diafano fosse in grado di pigliare una seggiola; nel caso che no, lo avrebbe costretto ad una spiegazione imbarazzante. Ma lo spettro gli sedette in faccia, dall'altra parte del caminetto, 
come se non avesse mai fatto altro.
- Tu non credi in me - disse poi.
- No - rispose Scrooge.
- Che altra prova vorresti oltre quella dei sensi?
- Non lo so.
- Perché dubiti dei tuoi sensi?
- Perché un nonnulla basta a turbarli. Un lieve disturbo di stomaco ci muta il bianco in nero. Voi
potreste essere un pezzetto di carne mal digerito, uno schizzo di senapa, una briciola di formaggio,
un frammento di patata mal cotta. Chiunque siate, c'è in voi più della marmitta che della marmotta!
Scrooge non si dilettava molto di questi giochetti di parole, né in cuor suo si sentiva adesso corrivo alla celia. Fatto sta che ch'ei si studiava di esser faceto come per distrarsi e per domare il terrore; perché veramente la voce dello Spettro lo faceva rabbrividire fino al midollo delle ossa. Star lì a sedere, fissando quelle pupille vitree, e non aprir bocca fosse pure per un momento, sarebbe stato lo stesso che spiritare. Scrooge lo capiva molto bene. C'era anche questo terribile, che lo
Spettro si avvolgeva quasi in una propria atmosfera infernale. Non già che Scrooge la sentisse; ma è certo che, ad onta della perfetta immobilità dello Spettro, i capelli ritti, le falde del soprabito, le nappine degli stivaloni, tremavano sempre come se mossi dal fiato caldo di un forno. Vedete questo steccadenti? - disse Scrooge tornando subito alla carica pel motivo ora detto, e
volendo, fosse pure per un istante, sottrarsi allo sguardo impietrito del fantasma. - Lo vedo - rispose lo Spettro.
- Ma voi non lo guardate nemmeno - disse Scrooge.
- Lo vedo nondimeno - disse ancora lo Spettro.
- Bene! - ribatté Scrooge. - Non ho che ad ingozzarlo, e tutto il resto dei miei giorni avrà alle calcagna una frotta di spiriti folletti, tutti di mia propria creazione. Sciocchezze, vi dico; sciocchezze! 
A questo lo Spettro diè uno strido orrendo, e scosse la catena con così tetro e rovinoso fracasso, che Scrooge si tenne forte alla seggiola per non cadere svenuto. Ma come crebbe il suo terrore, quando, togliendosi lo Spettro la benda che gli fasciava il capo, quasi sentisse troppo caldo, la mascella
inferiore gli ricascò sul petto! Scrooge cadde ginocchioni e si strinse la faccia nelle mani. - Grazia! - esclamò. - Terribile apparizione, perché mi fate paura? - Uomo dall'anima mondana! - rispose lo Spettro, - credi adesso o non credi?
- Credo - balbettò Scrooge, - debbo credere. Ma perché mai gli spiriti vanno attorno e perché vengono da me?
- Deve ogni uomo - rispose lo Spettro - con l'anima che ha dentro girare in mezzo ai suoi simili,
viaggiare il più che può; se non lo fa in vita, è condannato a farlo in morte. È dannato ad errare pel
mondo, oh me infelice! a vedere il bene senza poterlo godere, quel bene che avrebbe potuto dividere con gli altri sulla terra e che avrebbe fatto la sua felicità! - Qui lo Spettro mise un altro strido, squassò la catena, si torse le mani diafane.
- Siete incatenato - osservò Scrooge, tremando. - Perché?
- Porto la catena che mi son fabbricato in vita - rispose lo Spettro. - L'ho fatta io stesso anello per
anello, pezzo a pezzo; io stesso me la cinsi per volontà mia, e di volontà mia la portai. Ti par nuova forse a te? -
Scrooge tremava sempre più forte.
- O vorresti sapere - proseguì lo Spettro - il peso e la lunghezza della gomena che porti tu stesso?
Era per l'appunto lunga e grave come questa mia, sette anni fa. Ci hai lavorato poi. Una catena di gran valore, adesso! -
Scrooge si guardò intorno per terra, figurandosi di vedersi avviluppato in cinquanta o sessanta metri
di gomena ferrata: ma niente vide.
- Giacobbe - disse supplichevole. - Mio vecchio Giacobbe Marley, ditemi qualche altra cosa. Datemi un po' di consolazione, Giacobbe mio! Nessuna consolazione da me - rispose lo Spettro. - Altre regioni le mandano, o Ebenezer Scrooge,
altri ministri le portano, altri uomini le ricevono. Né ti posso dire tutto quel che vorrei: poche altre parole, e basta. A me non è concesso un momento di riposo o d'indugio. Il mio spirito non varcò mai la soglia del nostro banco, bada bene!; da vivo, il mio spirito non uscì mai dai limiti angusti del nostro stambugio. Lunghi e faticosi viaggi mi aspettano oramai! -
Soleva Scrooge, quante volte prendesse a meditare, cacciarsi le mani nelle tasche delle brache. Così
fece adesso, ruminando le cose dette dallo Spettro; ma non alzò gli occhi e stette sempre ginocchioni.
- Bisogna dire che siete andato un po' lento, Giacobbe mio - notò Scrooge, da uomo d'affari, ma con deferente umiltà.
- Lento! - ripeté lo Spettro.
- Morto da sette anni e sempre in viaggio?
- Sempre. Né riposo, né pace: Tortura assidua del rimorso.
- Viaggiate presto? - Sulle ali del vento.
- Ne avrete visto dei paesi in sette anni! - mormorò Scrooge.
Udendo queste parole, lo Spettro mise un altro strido e così terribilmente fece suonar la catena nel
silenzio della notte, che la guardia avrebbe avuto ragione di multarlo come disturbatore notturno.
- Oh! schiavo, incatenato, oppresso di ceppi! - urlò - a non sapere che secoli e secoli di assiduo lavoro compiuto da creature immortali a pro di questa terra passeranno nell'eternità prima che tutto sia sviluppato il bene ond'essa è capace; a non sapere che ogni spirito cristiano, pur lavorando nella piccola sfera assegnatagli, qualunque essa sia, troverà troppo breve la vita mortale ad esercitare tutti i mezzi innumerevoli del rendersi utile; a non sapere che non c'è durata di rammarico la quale ci assolva dalle occasioni perdute nella vita! E questo io ho fatto! e tale ero io! Ma voi, Giacobbe, foste sempre un eccellente uomo d'affari, - mormorò Scrooge, che incominciava a fare un'applicazione personale di tutto questo. - Affari! - esclamò lo Spettro, tornando a torcersi le mani. - I miei simili erano i miei affari. Il benessere comune, la carità, la misericordia, la sopportazione, la benevolenza, questi erano i miei affari. Nell'oceano immenso dei miei affari le operazioni del mio commercio non erano che una gocciola d'acqua! - Sollevò la catena per quanto il braccio era lungo, come se in quella fosse la causa della sterile angoscia, e tornò a sbatterla in terra con fracasso. In questa stagione dell'anno cadente - proseguì lo Spettro - io soffro di più. Perché mai, in mezzo alla folla dei miei simili, passavo io con gli occhi abbassati alla terra, perché una volta non gli alzai verso quella stella benedetta che guidò un giorno i sapienti ad un povero abituro? Non potevo io
forse, io, esser guidato da quella luce ad altri poveri abituri? -
Scrooge, più che mai atterrito alle parole incalzanti dello Spettro, incominciò a tremare come una canna.
- Ascoltami! - comandò lo Spettro. - L'ora mia è vicina.
- Ascolto - rispose Scrooge. - Ma non calcate la mano, ve ne prego! non mi schiacciate di eloquenza, Giacobbe!
- Come io mi ti mostri in forma visibile, non so. Molti e molti giorni di fila ti sono stato ai fianchi invisibile. - L'idea non era piacevole. Scrooge rabbrividì e si asciugò il sudore dalla fronte.
- Né questa è piccola parte del mio supplizio, - proseguì lo spettro. - Son qui stasera per avvertirti che ancora una via t'avanza e una speranza di sfuggire al mio fato. E sono io, Ebenezer, io che ti offro cotesta speranza e cotesta via.
- Voi siete sempre stato per me un buon amico, - disse Scrooge. - Grazie! - Avrai la visita - soggiunse lo spettro - di tre Spiriti. -
La faccia di Scrooge si fece bianca quasi come quella dello Spettro - Ed è questa la via, è questa la speranza che mi offrite, Giacobbe? - interrogò con un filo di voce.
- Questa è. - Io... io davvero ne farei di meno, - disse Scrooge.
- Senza la visita loro, - ammonì lo Spettro, - tu non eviterai il sentiero che io batto. Aspettati il primo per domani, quando la campana avrà battuto un'ora.  Non potrei - insinuò Scrooge - non potrei pigliarli tutti e tre in una volta e farla finita?  Aspetterai il secondo la notte appresso alla stessa ora. Il terzo, la terza notte, all'ultima vibrazione della dodicesima ora. Me, non mi vedrai più; ma ricordati, per amor tuo, ricordati di quanto è accaduto tra noi! - Ciò detto, lo spettro tolse il fazzoletto dalla tavola e se lo avvolse come prima, intorno al capo. Scrooge se n'accorse dallo scricchiolio dei denti quando le mascelle si urtarono, strette dalla benda. Alzò gli occhi dubbiosi e si ritrovò ritto davanti il suo visitatore soprannaturale, con la catena avvolta al braccio. L'apparizione si scostò rinculando; ad ogni suo passo, la finestra si apriva un poco, sicché, quando lo Spettro vi giunse, era spalancata. Lo Spettro fece un cenno, Scrooge si accostò. Quando furono due passi distanti, lo Spettro alzò la mano perché si fermasse. Scrooge si fermò. Più dell'obbedienza potevano in lui la stupefazione ed il terrore; perché, all'alzarsi di quella mano, egli udì dei rumori confusi nell'aria; suoni incoerenti di dolore e di disperazione; sospiri e guai di profonda angoscia e di rimorso. Lo Spettro, stato un po' in ascolto, si unì al funebre coro e si dileguò nella oscurità della notte. Scrooge, nell'agonia della curiosità, corse alla finestra e guardò di fuori. L'aria era piena di fantasmi, che erravano di qua e di là senza posa, traendo guai. Ciascuno, come lo spettro di Marley, trascinava una catena; ce n'erano di quelli incatenati insieme, ed erano forse membri di governi malvagi; nessuno era libero. Molti, da vivi, erano stati conoscenze personali di Scrooge. Era stato intrinseco con un vecchio spettro in panciotto bianco, con un enorme scrigno
ferrato attaccato alla caviglia, il quale disperatamente piangeva per non poter soccorrere una povera donna con in collo un bambino, ch'ei vedeva giù, sulla soglia d'una porta. Il supplizio di tutti loro era questo, senz'altro, di voler entrare nelle faccende umane per fare un po' di bene e di averne per sempre perduto il potere. Se coteste creature si fossero risolute in nebbia o se la nebbia le avesse avvolte, Scrooge non potea dire. In un sol punto, sparvero gli spettri e tacquero le voci. Tornò la notte profonda. Scrooge chiuse la finestra ed esaminò la porta di dove lo Spettro era entrato. Era chiusa a doppia mandata, com'egli stesso con le proprie mani avea fatto. I chiavistelli erano al posto. Gli corse alla bocca: "Sciocchezze!" ma alla prima sillaba si fermò in tronco. Si sentiva stracco, sia dalle fatiche del giorno o dall'ora tarda, sia piuttosto dalla commozione sofferta, dal balenio del mondo invisibile, dalle tristi parole dello Spettro. Tutto vestito com'era se n'andò a letto e si addormentò.

Strofa Seconda - Il primo dei tre spiriti
Quando Scrooge si destò, era così fitto il buio, che guardando dal letto, ei distingueva appena la
finestra trasparente dalle pareti opache della camera. Ficcava nelle tenebre i suoi occhi da furetto,
quando all'orologio di una chiesa vicina suonarono i quattro quarti. Scrooge stette in ascolto per sentir l'ora.
Con suo grande stupore, la grave campana passò dai sei colpi ai sette agli otto, e così fino a dodici.
Allora tacque. Mezzanotte! erano le due passate quando s'era messo a letto. L'orologio andava male.
Qualche ghiacciuolo s'era insinuato nelle ruote. Mezzanotte!
Premette la molla del suo orologio a ripetizione per correggere lo sproposito di quell'altro. Il rapido
polso della macchinetta batté dodici colpi e s'arrestò.
- Eh via, non può essere - disse Scrooge - ch'io abbia dormito tutta una giornata e una seconda notte.
Non può essere che gli abbia pigliato qualche malanno al sole e che sia mezzanotte quando è mezzogiorno! -
L'idea era allarmante, sicché egli tiratosi fuori del letto andò brancolando verso la finestra. Fregò
con la manica della veste da camera sui vetri per veder qualche cosa; ma un gran che non arrivò a
vedere. Vide che la nebbia era fitta e sentì un freddo indiavolato; nessun rumore per la via, nessuno
strepito di gente che corresse su e giù, come senz'altro doveva essere se mai la notte avesse
ammazzato il giorno e preso possesso del mondo. Questo fu un gran sollievo, perché, con la
soppressione dei giorni, se n'andava in fumo l'eloquenza di certi suoi fogli: "A tre giorni data
pagherete per questa mia prima di cambio all'ordine del signor Ebenezer Scrooge..."
Scrooge se ne tornò a letto, e messosi a pensare, a ruminare, a mulinare, a stillarsi il cervello sulla
stranezza del caso, non ne cavò niente di niente. Più ci pensava, più s'imbrogliava; e più si sforzava
di non pensare, più forte ci pensava. Lo spettro di Marley lo turbava assai. Quante volte, dopo
maturo esame, risolveva in mente sua che tutto era stato un sogno, subito, come una molla che
scattasse, il pensiero tornava indietro e gli ripresentava lo stesso problema da sciogliere: "Era stato o
non era stato un sogno?"
Stette così fino a che l'orologio ebbe battuto altri tre quarti, e gli sovvenne allora, di colpo, che lo
Spettro gli aveva annunziata una certa visita allo scocco dell'una. Risolvette di star desto fino a che
l'ora fosse passata; e, considerando che oramai gli era così facile addormentarsi come volare nella
luna, era quello il più saggio partito cui si potesse appigliare.
Quest'ultimo quarto gli sembrò così lungo, che più di una volta sospettò di essersi appisolato e di
non aver sentito suonar l'ora. Alla fine uno squillo gli percosse l'orecchio.
- Din, don!
- Un quarto - disse Scrooge contando.
- Din, don!
- Mezz'ora - disse Scrooge.
- Din, don!
- Tre quarti - disse Scrooge.
- Din, don!
- Il tocco - esclamò Scrooge trionfante - e nient'altro! -
Avea parlato prima che il colpo battesse, il quale seguì subito con un suono profondo, cupo, dolente.
Una luce improvvisa balenò nella camera e le cortine del letto furono tirate.
Dico che le cortine furono tirate da una mano: non già a capo od a piedi, ma proprio in quel punto
dove egli avea volta la faccia. Le cortine furono tirate da parte; e Scrooge, balzando a sedere, si
trovò faccia a faccia con l'essere soprannaturale che le avea tirate, così vicino come io a voi, io che
sto in ispirito al vostro fianco.
Era una strana figura, un che tra il bambino ed il vecchio. Per un'arcana lontananza pareva ridotto
alle proporzioni infantili. Aveva canuti i capelli, fluenti sul collo e giù per le spalle; ma non una
ruga sul viso anzi il rigoglio più fresco. Lunghe le braccia e muscolose; e così pure le mani, come se
dotate di una forza non comune. Di forme delicatissime le gambe e i piedi, nudi a pari delle braccia.
Portava una tunica candidissima stretta alla vita da una cintura lucente. In mano teneva un
ramoscello di verde agrifoglio; e, per uno strano contrasto a cotesto emblema invernale, avea la
tunica tutta adorna di fiori d'estate. Ma la cosa più singolare era questa, che dal capo gli sprizzava
un getto di luce viva pel quale tutte quelle cose si vedevano; ed era per questo senz'altro ch'egli si
dovea servire, nei suoi momenti cattivi, di un cappellone a foggia di spegnitoio che ora si teneva
sotto il braccio.
Ma nemmeno questa, quando Scrooge l'ebbe guardato meglio, era la stranezza maggiore. Perché,
scintillando quella sua cintura in qua e in là con un subito scambio di luce e di ombra, la stessa
persona pareva fluttuante e mutevole: ed ora si mostrava con un braccio solo, ora con una gamba,
ora con venti gambe o con un par di gambe senza capo o con un capo senza corpo; né delle parti
dissolventesi un qualunque tratto si potea scorgere nel buio fitto che le ingoiava. Di botto, tornava a
essere come prima, chiaro e ben distinto.
- Siete voi lo Spirito - domandò Scrooge - la cui visita m'era stata predetta? - Sono! -
Soave era la voce, ma così piana che pareva venir da lontano.
- Chi siete e che cosa siete? - domandò Scrooge.
- Sono lo Spirito di Natale passato.
- Passato da molto tempo? - chiese Scrooge, badando alla piccolezza del suo interlocutore.
- No. L'ultimo Natale vostro. -
Forse, se qualcuno gliene avesse chiesto, Scrooge non ne avrebbe saputo dire il perché; ma una gran
voglia lo pungeva di veder lo Spirito con lo spegnitoio in capo. Epperò lo pregò che si covrisse.
- E che! - esclamò lo Spirito - vuoi tu spegnere così presto con mani profane la luce ch'io mando?
Non ti basta di essere stato fra coloro le cui passioni fabbricarono questo cappello e mi hanno
dannato a portarlo per anni e secoli calcato sulla fronte! -
Scrooge umilmente dichiarò di non avere avuto alcuna intenzione di offenderlo né aver mai fatto
cosa per cui lo Spirito dovesse "prender cappello". Osò poi domandare che motivo lo aveva fatto venire.
- La tua salute! - rispose lo Spirito.
Scrooge se ne professò obbligatissimo, pensando nondimeno che una notte di riposo non disturbato
avrebbe meglio giovato a quello scopo. Lo Spirito, si vede, lo udì pensare, perché subito disse:
- Il tuo riscatto, allora. Bada! -
Così dicendo, stese la mano e dolcemente lo prese pel braccio.
- Sorgi e seguimi! -
Invano avrebbe Scrooge allegato che il tempo e l'ora non si addicevano a una passeggiata a piedi;
che il letto era caldo e il termometro sotto zero; che tutto il suo vestito si riduceva alla veste da
camera, alle pantoffole e al berretto da notte; e che una infreddatura lo tormentava. Non c'era verso
di resistere a quella stretta, benché soave come quella di una mano di donna. Si alzò; ma vedendo
che lo spirito si avviava alla finestra, gli s'attaccò alla tunica in atto supplichevole.
- Sono un mortale - protestò - e potrei anche cadere.
- Che la mia mano ti tocchi qui! - disse lo Spirito ponendogliela sul cuore - e ben alto sarai
sostenuto! -
A questo, passarono insieme attraverso il muro, ed ecco si trovarono in aperta campagna, sopra una
strada che i campi fiancheggiavano. La città era scomparsa; non ne avanzava vestigio. Il buio e la
nebbia eransi dileguati con essa, ed era una limpida giornata d'inverno, e la neve biancheggiava al sole.
- Dio di misericordia! - esclamò Scrooge stringendo le mani e volgendosi intorno. - Qui son venuto
su io; qui ho passato la mia fanciullezza! -
Lo Spirito lo guardò con dolcezza. Quella sua stretta gentile, benché lieve e istantanea, era sempre
sentita dal vecchio. Il quale anche aspirava migliaia di profumi vaganti per l'aria, connessi ciascuno
con migliaia di pensieri, e speranze, e gioie, e dolori da gran tempo caduti in oblio. Il tuo labbro trema - disse lo Spirito. - È che hai costì sulla guancia? -
Scrooge balbettò, con un insolito balbettio della voce, che quella era una pustoletta, nient'altro. Era
pronto a seguire lo Spirito dove meglio gli piacesse.
- Ti ricordi la via? - domandò lo Spirito. Se me ne ricordo! - esclamò Scrooge. - Ci andrei ad occhi chiusi.
- Strano però che per tanti anni te ne sia scordato! - osservò lo Spirito. - Andiamo. -
E andarono per quella via. Scrooge riconosceva ogni cancello, ogni albero, ogni piolo; quand'ecco
apparve in distanza un villaggetto, col suo bravo ponte, la sua chiesa, il suo fiume tortuoso. Videro
venire al trotto certi cavallini, montati da ragazzi, i quali chiamavano altri ragazzi in biroccino o su
qualche carretta, guidati da un fattore. Tutti cotesti ragazzi erano in grande allegria e tante grida si
scambiavano che la vasta campagna suonava di una musica gioconda e l'aria stessa rideva in udirla.
- Queste - disse lo Spirito - sono ombre di cose che furono. Non hanno coscienza di noi. -
I lieti viaggiatori si avvicinavano; e via via, Scrooge li riconosceva e diceva il nome di ciascuno.
Perché si rallegrava oltre ogni dire in vederli? perché gli brillava la fredda pupilla e il cuore gli diè
un balzo? perché sentì un'insolita dolcezza, udendoli augurarsi un allegro Natale, nel punto di
separarsi nei crocicchi o nei sentieri traversi per andarsene alle case loro? Che gli premeva a
Scrooge di un allegro Natale? Al diavolo il Natale con tutta l'allegria! Che bene gli aveva mai fatto il Natale?
- La scuola non è ancora deserta - disse lo Spirito. - C'è un ragazzo lì, vedilo, che i compagni hanno
lasciato da solo. - Scrooge disse di riconoscerlo, e un impeto di singhiozzo lo prese alla gola.
Uscirono dalla via maestra per un ben noto sentiero, e presto si avvicinarono ad un fabbricato
rossastro, col suo capannuccio in alto e la sua banderuola e in quello una campana sospesa. Era una
gran casa, ma caduta in bassa fortuna; deserti gli stanzoni, umide e muffite le pareti, rotte le finestre
e sdrucite le porte. I polli chiocciavano e si pavoneggiavano nelle stalle; le rimesse e le tettoie erano
preda dell'erba. Né la parte interna serbava traccia dell'antico stato; perché, entrando nella corte
malinconica e guardando per le porte spalancate di molte sale, videro queste miseramente fornite,
fredde, ampie. C'era nell'aria un sentore terrigno, una nudità freddolosa in tutto, che in certo qual
modo si associava all'idea dell'alzarsi troppo presto a lume di candela e del non aver molto da mangiare.
Andarono, lo Spirito e Scrooge, di là della corte verso una porta alle spalle della casa. Si aprì loro
davanti, mostrando un camerone nudo e malinconico, che pareva anche più vuoto di quel che era
per certe file di banchi e di leggii. Ad uno di questi, presso un misero fuocherello, leggeva tutto solo
un ragazzo; e Scrooge cadde a sedere sopra uno di questi banchi e pianse a riveder sé stesso, misero,
dimenticato, come allora soleva essere.
Non un'eco latente nella casa, non un rosicchio di topo, non una gocciola cadente nella corte della
fontanina gelata a mezzo, non un sospiro fra i rami spogliati di un misero pioppo, non lo
sbattimento monotono della porta di un magazzino vuoto, no, non un crepitio del fuoco che non
cadesse soave sul cuore di Scrooge, che non gli spremesse più dolci le lagrime.
Lo Spirito gli sfiorò il braccio ed accennò al ragazzo leggente. Di botto, un uomo, straniero al
vestito, si mostrò vivo e vero di là della finestra: portava un'accetta nella cintola e menava per la
cavezza un somaro carico di legna.
- Vedi, vedi! - esclamò Scrooge in estasi. - È Alì Babà! quel caro vecchio di Alì Babà! Eh, altro se
lo riconosco! Un giorno di Natale, quando quel ragazzo lì avevano lasciato solo qui dentro, egli
venne il buon Alì, venne per la prima volta, proprio come adesso. Povero ragazzo! E Valentino,
quel birbone di suo fratello; eccoli tutti e due! E quell'altro, come si chiama, che fu deposto mezzo
svestito e dormendo alle porte di Damasco: non lo vedete lì anche lui? E il valletto del Sultano
voltato sottosopra dai Genii: eccolo lì col capo di sotto! Gli sta il dovere! bravo dieci volte! o che
c'entrava lui a sposar la Principessa! -
Avrebbero avuto di che stupire i colleghi di Scrooge, se lo avessero udito effondersi in tanta
tenerezza con una strana voce tra il pianto e il riso, se avessero veduto quella sua faccia rossa come
di fuoco!
- Ecco il pappagallo! - esclamò Scrooge. - L'ali verdi e la coda gialla con in capo quel ciuffetto che
pare una lattuga; eccolo davvero! "Povero Robinson Crusoe" così gli disse, quando tornò a casa
dall'aver fatto il giro dell'isola. "Povero Robin, dove sei stato, Robin?" Lui si credeva di sognare, ma
niente affatto. Era il pappagallo che parlava, capite. Ed ecco Venerdì che corre alla piccola baia per
mettersi in salvo. Ohe! animo! avanti! -
Poi, con un'insolita rapidità di transizione, esclamò compiangendo l'altro sé stesso: "Povero
ragazzo!" e di nuovo ruppe in lagrime.
- Vorrei - sussurrò, cacciandosi la mano in tasca e guardandosi attorno, dopo essersi asciugato gli
occhi con la manica, vorrei.... ma è troppo tardi ormai.
- Che c'è? - domandò lo Spirito.
- Niente - rispose Scrooge. - Niente. C'è stato un ragazzo iersera che cantava alla mia porta una
canzonetta di Natale. Vorrei avergli dato qualche cosa, ecco. -
Lo Spirito sorrise meditando e con la mano accennò di tacere. Poi disse: "Vediamo un altro Natale."
Subito il primo Scrooge si fece più grande e il camerone divenne più buio e più sudicio.
Screpolavansi usci e finestre; piovevano pezzi d'intonaco e scoprivansi gli assicelli del soffitto.
Come ciò accadesse, Scrooge lo sapeva quanto voi. Questo sapeva che le cose erano andate così per

18
l'appunto; e che egli stava lì, solo come prima, sempre solo, quando tutti gli altri ragazzi erano
scapolati a casa a godersi le buone feste.
Non leggeva ora; andava su e giù, disperato. Scrooge si volse allo Spirito, e tristemente crollando il
capo guardò con ansia verso la porta.
Questa si aprì. Una ragazzina, molto più piccola del ragazzo, balzò dentro, gli gettò le braccia al
collo, a più riprese lo baciò, chiamandolo: "Caro, caro fratello mio."
- Son venuto a prenderti, caro fratello! - disse la ragazzina, battendo palma a palma e chinandosi dal
gran ridere. - Andiamo a casa, a casa, a casa!
- A casa, Fanny? - domandò il ragazzo.
- Sicuro! - ribatté la bambina tutta gioconda. - A casa per davvero, a casa oggi e sempre. Papà è
tanto più buono di prima che adesso si sta a casa come in paradiso. Mi parlò con tanta dolcezza una
certa sera, mentre me n'andavo a letto, che mi feci coraggio e tornai a domandargli se tu potevi
venire a casa. Sì che potevi, mi rispose; e mi ha mandato adesso con una carrozza per prenderti.
Diventi un uomo, sai! - soggiunse la bambina, aprendo tanto d'occhi; - e qui dentro non ci tornerai
più; e staremo insieme tutti i Natali, capisci, una vera allegria!
- Sei proprio una donna adesso, Fanny! - esclamò il ragazzo.
Ella batté le mani, diè in una risata e fece per toccargli il capo. Ma era troppo piccina, sicché,
ridendo sempre, si alzò in punta di piedi per abbracciarlo. Poi, nella sua foga infantile, prese a
trascinarlo verso la porta; né egli nicchiava, ché anzi la seguiva di gran buona voglia.
Una voce terribile gridò nella corte: "Portate giù il baule di Scrooge!" E nel punto stesso apparve il
maestro di scuola in persona, che squadrò il piccolo Scrooge con feroce condiscendenza e lo
spaventò a dirittura con una stretta di mano. Li menò poi, lui e la sorella, nella sala a terreno,
vecchia e umida quant'altra mai, dove parevano lividi dal freddo i globi celesti e i mappamondi. Qui
cavò da uno stipetto una boccia di vino annacquato e un pezzo di mattone in forma di focaccia, offrì
di queste squisitezze ai due giovinetti, e mandò fuori un magro servitorello per offrire "qualche
cosa" al postiglione, il quale ringraziò tanto tanto il signore, con questo però che se il vino era della
stessa vigna che aveva assaggiato prima, se ne stava piuttosto a bocca asciutta. Intanto, il baule di
Scrooge era stato legato sull'imperiale, i ragazzi allegramente dissero addio al maestro, balzarono in
carrozza, e questa se n'andò di trotto giù pel viale del giardino, facendo schizzare come spruzzi di
spuma dalle brune foglie delle semprevive la neve e la brina.
- Sempre delicata quella creaturina - disse lo Spirito; - un soffio l'avrebbe fatta appassire. Ma che
cuore che aveva!
- Che cuore! - ripetette Scrooge. - Avete ragione, Spirito; né io vi contraddico, che Dio non voglia!
- È morta maritata - disse lo Spirito - e mi pare che avesse dei bambini.
- Uno ne aveva - rispose Scrooge.
- È vero, - disse lo Spirito. - Tuo nipote! -
Scrooge pareva turbato assai e rispose breve: "Sì."
Benché proprio in quel punto si lasciassero dietro la scuola, già si trovavano per le vie affaccendate
di una città, dove passavano e ripassavano ombre di uomini, dove si contendevano il passo ombre di
carri e carrozze, con tutto il tramestio e il tumulto di una città viva e vera. Dalle mostre delle
botteghe si vedeva chiaro che anche qui si festeggiava Natale; ma era sera e le vie erano illuminate.
Lo Spirito si fermò davanti a un certo magazzino e domandò a Scrooge se lo conosceva.
- Se lo conosco! - esclamò Scrooge. - Ma non sono stato commesso qui? -
Entrarono. Un vecchio signore in parrucca se ne stava a sedere dietro un banco; e questo era così
alto, che se il signore avesse avuto due pollici di più, avrebbe dato del capo nel soffitto. Non sì tosto
l'ebbe visto, Scrooge gridò quasi fuori di sé:
- Chi si vede? il vecchio Fezziwig! Dio lo benedica! È proprio lui in carne ed ossa! -
Il vecchio Fezziwig posò la penna e guardò all'orologio che già segnava le sette. Si fregò le mani; si
aggiustò il largo panciotto; rise tutto quanto, da capo a piedi; e chiamò forte con una voce sonora,
gioviale, abbondante:

19
- Ehi, costì! Ebenezer! Dick! -
Scrooge giovanotto entrò tutto svelto in compagnia dell'altro commesso.
- È desso, è Dick Wilkins! - disse Scrooge allo Spirito. - Sì davvero, eccolo lì. Mi voleva un gran
bene quel Dick. Povero Dick! caro Dick!
- Ehi, dico, ragazzi! - gridò Fezziwig. - Si leva mano per stasera. Non lo sapete ch'è la vigilia di
Natale? Su, chiudete le imposte! - e allegramente batteva le mani - chiudete, vi dico! uno, due, tre! -
Non si può credere come i due giovanotti si dessero attorno! Uscirono nella via con le imposte
addosso, uno, due, tre - le misero a posto, quattro, cinque, sei - le sbarrarono e chiusero i catenacci,
sette, otto, nove - e prima che aveste potuto contare fino a dodici, rieccoli dentro, ansanti come
cavalli da corsa.
- Su, svelti! - gridò il vecchio Fezziwig, saltando giù dal suo seggiolone con una prestezza
meravigliosa. - Fate largo, ragazzi, sgomberate! A te, Dick! da bravo, Ebenezer! -
Sgomberare! Avrebbero fatto uno sgombero in tutta regola sotto gli occhi del vecchio Fezziwig. In
meno di niente era fatto. Ogni oggetto mobile fu portato via come se dovesse sparire per sempre
dalla vita pubblica; l'impiantito spazzato e annaffiato, smoccolati i lumi, ammontato il carbone sul
fuoco; ed ecco mutato il magazzino nella più acconcia ed asciutta e tiepida sala da ballo che si possa
desiderare in una sera d'inverno.
Ed ecco entrare un sonatore di violino col suo scartafaccio, e arrampicarsi sul banco, e mutarlo in
orchestra, e tentare certi accordi che parevano dolori di stomaco. Ecco la signora Fezziwig, grassotta
e ridanciana. Ecco le tre signorine Fezziwig, raggianti e adorabili, seguite dai sei giovanotti di cui
esse spezzavano i cuori. Ecco tutti i giovani e le giovani della casa. Ecco la cameriera col cugino
panettiere. Ecco la cuoca col lattivendolo, amico intimo di suo fratello. Ecco il fattorino del
magazzino accanto, sospettato di scarsa nutrizione da parte del suo principale, e tutto sollecito di
nascondersi dietro la ragazza della bottega dirimpetto, cui la padrona, come tutti sapevano, aveva
tirato le orecchie. Eccoli tutti, uno dopo l'altro; l'uno scontroso, l'altro ardito, questi con grazia,
quegli con goffaggine, chi tirando e chi spingendo; eccoli tutti, in un modo o nell'altro. Venti coppie
in una volta si muovono, si danno la mano, girano in tondo; dieci vengono avanti, tornano indietro;
altre giratine parziali in tanti gruppi quante sono le coppie; la prima coppia attempata non è mai al
suo posto, la prima coppia giovane si slancia fuori di tempo, tutte in ultimo diventano prime coppie
e la confusione è al colmo e le risate rumoreggiano. A questo, il vecchio Fezziwig batte le mani in
segno di alto, grida "bravo!" e il violinista immerge la faccia rubiconda in un boccale di birra,
preparato a posta. Ma, sdegnando il riposo, subito riattacca gli accordi, benché non ci siano
ballerini, come se il primo suonatore fosse stato trasportato a casa, disfatto, sopra un'imposta, e
ch'egli fosse un suonatore nuovo di trinca risoluto ad eclissare il rivale o a morire.
Ci furono altre danze, e poi giuochi di penitenza, e danze da capo, e una focaccia, e il ponce, e un
gran pezzo di arrosto rifreddo, e un altro gran pezzo di lesso rifreddo, e i pasticcini, e birra a
profusione. Ma il grande effetto della serata venne appresso, quando il violinista (un bricconaccio
che sapeva il fatto suo!) intonò la contradanza "Sir Roger de Coverly". Si fece avanti il vecchio
Fezziwig per ballare con la signora Fezziwig, e a fare da prima coppia, anche. Un bel lavoro!
ventiquattro coppie da guidare; quarantotto frugoli co' quali non c'era mica da scherzare, che in tutti
modi volevano ballare e che non sapevano che cosa fosse l'andar di passo!
Ma fossero stati il doppio, e tre e quattro volte tanti, il vecchio Fezziwig te li menava come niente, e
così pure la signora Fezziwig. In quanto a lei, era degna di lui in tutto e per tutto; e se questo vi par
poco, dite voi che altro ho da dire. I polpacci di Fezziwig raggiavano proprio; splendevano qua e là
nella danza come due lune; impossibile prevedere le fasi. E quando il vecchio Fezziwig e la signora
Fezziwig furono arrivati in fondo alla danza, - avanti, indietro, le mani alla dama, inchino, giro,
rigiro, avanti da capo, di nuovo a posto, - il vecchio Fezziwig saltò con tanta sveltezza che le gambe
parvero saette e ricadde diritto come un fuso.
Battendo le undici, la brigata si sciolse. La coppia Fezziwig, postasi di guardia alla porta, si
accommiatarono con una stretta di mano da ciascuno degli invitati, augurando a tutti un allegro

20
Natale. Quando tutti furono partiti, meno i due commessi, anche con questi fecero lo stesso; e così
le allegre voci si dileguarono e i due giovanotti se n'andarono a letto sotto un banco della
retrobottega.
Durante tutta questa scena, Scrooge avea come farneticato. Con l'altro sé stesso, tutta l'anima sua vi
aveva preso parte. Riconosceva ogni cosa, si ricordava, godeva, era agitatissimo. Solo quando i visi
luminosi dell'altro sé stesso e di Dick furono scomparsi, ei si risovvenne dello Spirito e sentì che
questi lo guardava fiso, mentre la luce del capo splendeva del massimo fulgore.
- Niente ci vuole - disse lo Spirito - per inspirare a cotesta povera gente tanta gratitudine.
- Niente! - ripeté Scrooge.
Lo Spirito gli fé cenno di ascoltare i due commessi, che si espandevano in lode di Fezziwig, e poi
disse:
- Non è forse vero? Non ha speso che qualche centinaio di lire della vostra moneta mortale. Ti par
tanto questo da meritare che lo si levi a cielo?
- Non è questo - esclamò Scrooge, punto da quella domanda e parlando inconsciamente come l'altro
sé stesso. - Non è questo, Spirito mio. Egli ha modo di farci lieti o tristi; di rendere il nostro servizio
grave o leggero, gradito o faticoso. Che il suo potere sia soltanto di parole e di occhiate, di cose così
futili che non si possa registrarle e sommarle, che vuol dir ciò? La felicità che ci dona vale un
tesoro. -
Sentì lo sguardo acuto dello Spirito e si fermò in tronco.
- Che c'è? - chiese lo Spirito.
- Niente - rispose Scrooge.
- Eppure - insistette lo Spirito - qualche cosa c'è.
- No - disse Scrooge - no. Soltanto vorrei poter dire una o due parole al mio commesso. Ecco. -
L'altro sé stesso spense i lumi, mentre egli pronunciava quelle parole; e Scrooge e lo Spirito si
trovarono di nuovo insieme all'aria aperta.
- L'ora incalza - disse lo Spirito. - Presto! -
Ciò non era detto a Scrooge né ad altri ch'egli vedesse, ma l'effetto fu immediato. Scrooge rivide sé
stesso. Era adulto, nel fiore della vita. Non aveva ancora i lineamenti aspri di un'età più matura; ma
già portava la prima impronta delle cure e dell'avarizia. C'era nell'occhio una mobilità irrequieta,
avida, ardente, che rivelava la passione radicata e dove sarebbe caduta l'ombra dell'albero nascente.
Ei non era solo. Sedeva accanto a una bella fanciulla vestita a bruno. Alla luce dello Spirito,
brillavano di lagrime gli occhi di lei.
- Poco importa - diceva ella con dolcezza - poco importa a voi. Un'altra ha preso il mio posto; e se
vi vorrà tutto il bene che vi avrei voluto io e vi farà felice, non ho motivo di lamentarmi.
- Chi altra ha preso il vostro posto? - domandò egli.
- Un'altra che è di oro.
- Ecco la bella giustizia del mondo! - egli esclamò. - Siete povero, vi accoppa; cercate di arricchirvi,
vi dà addosso peggio che mai!
- Voi ne avete troppa paura del mondo - ribatté dolcemente la fanciulla. - Tutte le vostre speranze si
limitano a questa sola di sottrarvi al suo sordido disprezzo. Io ho veduto le vostre più nobili
aspirazioni cadere ad una ad una fino a che la passione dominante, il lucro, vi ha assorbito. Non è
forse vero?
- E che perciò? che male c'è se son divenuto più accorto? Verso di voi non son mica mutato. -
Ella crollò il capo.
- Son forse mutato?
- È antica la nostra promessa. Ce la scambiammo quando tutti e due eravamo contenti della povertà
nostra, aspettando prima o dopo una sorte migliore dal nostro stesso lavoro. Voi sì che siete mutato.
Eravate allora un altro uomo.
- Ero un ragazzo - ribatté egli con impazienza.

21
- Ah no! - rispose la fanciulla - la coscienza vi fa sentire che non eravate quel che siete adesso. Io sì.
Quel che ci prometteva la felicità quando avevamo un sol cuore, oggi che ne abbiamo due è fonte di
dolori. Non dirò quante volte e con che pena ho pensato a questo. Vi basti che io ci abbia pensato e
che possa ora rendervi la vostra parola.
- L'ho mai forse ridomandata?
- A parole, no, mai.
- E in che modo dunque?
- Mutando in tutto, nel carattere, nelle abitudini, nelle aspirazioni, in ogni cosa che vi faceva
apprezzare il mio affetto per voi. Se nulla ci fosse stato tra noi - soggiunse la ragazza dolcemente
ma con fermezza - ditemi, lo cerchereste ora quell'affetto? Ah, no! -
Mal suo grado, egli parve arrendersi alla giustezza di quella ipotesi. Disse nondimeno, facendosi
forza:
- Voi non lo pensate.
- Così potessi pensare altrimenti - ribatté ella - e lo sa il cielo se lo vorrei! Quando una verità
dolorosa come questa l'ho riconosciuta io stessa, so bene quanto sia forte e irresistibile. Ma se voi
foste libero oggi, domani, posso io credere che scegliereste una ragazza senza dote, voi che nei
momenti della più schietta espansione, tutto valutate a peso di guadagno? e se mai per un solo
istante voleste tradire il principio che vi governa fino al punto di sposarla, non so io forse che il
giorno appresso sareste tormentato dal pentimento? Lo so, ne sono sicura; epperò vi rendo la parola;
ve la rendo con tutto il cuore, per l'amore di quell'altro che prima eravate. - Egli fece per rispondere, ma ella proseguì voltandosi in là:  Forse, la memoria del passato me lo fa quasi sperare, forse ne soffrirete. Poco però, ben poco, e
scaccerete subito ogni ricordo come un sogno vano dal quale fu bene che vi svegliaste. Possiate
esser felice nella vita che vi siete scelta! -
Lo lasciò e si separarono.
- Spirito! - disse Scrooge, - non mostrarmi altro! Menami a casa: Perché ti diletti a torturarmi?
- Un'altra sola ombra! - esclamò lo Spirito.
- No, no, basta! Non voglio vedere altro. Non mostrarmi altro! -
Ma lo Spirito inesorabile lo strinse fra le braccia e lo costrinse a guardare ancora.
Erano altrove e la scena era mutata: una stanza, non vasta né bella, ma comoda ed acconcia. Presso
al fuoco d'inverno sedeva una bella giovinetta così somigliante a quella di poc'anzi che Scrooge la
credette la stessa, fino a che non scorse proprio lei, l'altra, divenuta ormai una graziosa matrona,
seduta di faccia alla figliuola. C'era nella stanza un fracasso dell'altro mondo, per via di una vera
nidiata di bambini che Scrooge, nell'agitazione sua, non poteva contare; non erano già, come nella
famosa canzone, quaranta ragazzi che se ne stavano cheti come se fossero uno solo, ma invece
ciascuno di essi valeva per quaranta. Le conseguenze di ciò erano così tumultuose che non si può
dire; ma nessuno se ne dava pensiero; invece madre e figlia se la ridevano cordialmente, e questa,
mescolatasi un tratto a quei giuochi, fu subito crudelmente saccheggiata da quei minuscoli briganti.
Che cosa non avrei dato io per essere uno di loro... benché così crudele non sarei stato mai, no, no!
Per tutto l'oro del mondo non avrei arruffato e tirato giù quei capelli così bene aggiustati; e in
quanto alla scarpettina aggraziata, non glie l'avrei mica strappata a forza. Dio mi benedica!
nemmeno per salvarmi dalla morte. Un'altra cosa non avrei osato, che quei monelli facevano come
se niente fosse: misurarle la vita: perché avrei temuto di esserne punito, rimanendo col braccio
incurvato per tutta l'eternità. Eppure, lo confesso, avrei desiderato tanto tanto sfiorare quelle sue
labbra, farle qualche domanda perché le aprisse, guardare le ciglia di quegli occhi abbassati senza
provocare un rossore, sciogliere quell'onda di capelli di cui un sol ricciolino sarebbe stato un ricordo
inestimabile; e in somma avrei voluto avere la libertà di un ragazzo ed essere abbastanza uomo da
apprezzarne il valore.
Ma ecco, si sente bussare alla porta, e subito con tanta furia vi si scagliano tutti, che la poverina,
tutta ridente e con le vesti gualcite, proprio nel mezzo del gruppo tumultuoso, trovasi davanti al

22
babbo che torna a casa in compagnia di un uomo carico di balocchi e doni di Natale. Che strilli
acuti, che lotta, che assalti all'indifeso portatore! che scalata gli davano montando sulle seggiole, che
frugamenti gli facevano per le tasche, come lo spogliavano dei suoi fagotti, lo afferravano per la
cravatta, gli s'appendevano al collo, gli davano pugni nelle reni e calci nelle gambe in segno
d'irrefrenabile affezione! che grida di stupore e di giubilo allo svolgere di ogni fagotto! che spavento
è quello di tutti quando si sorprende il più piccino nell'atto di cacciarsi in bocca la padella della
bambola e lo si sospetta di aver ingoiato un tacchino di zucchero con tutta la tavoletta che lo
sostiene! che sollievo immenso nel trovare che non ce n'era niente! che gioia, che gratitudine, che
estasi! Tutte cose che non si possono descrivere. Basta sapere che i ragazzi con tutte le loro
emozioni uscirono dal salottino, e su per una scaletta, uno dopo l'altro, se n'andarono a dormire,
lasciando la calma dove testé aveva infuriato la tempesta.
Ed ora Scrooge guardò più intento, perché il padrone di casa, mentre la figliuola si appoggiava a lui
con affetto, sedette con lei e con la madre davanti al caminetto; e quando pensò che una creatura
come quella, graziosa e promettente, gli avrebbe dato il nome di padre e avrebbe fatto fiorire una
primavera nel triste inverno della sua vita, si sentì la vista oscurata dalle lagrime.
- Bella - diceva il marito, sorridendo alla moglie, - oggi ho incontrato un vecchio amico.
- Chi?
- Indovina!
- Come vuoi che faccia?... Zitto, ci sono - soggiunse ridendo come lui. - Il signor Scrooge.
- Per l'appunto. Son passato pel suo banco; e siccome la finestra non era chiusa e una candela ardeva
di dentro, non ho potuto fare a meno di vederlo. Il socio, sento dire, è in punto di morte; ed ei se ne
stava là solo. Solo nel mondo, credo.
- Spirito! - esclamò Scrooge con voce soffocata - toglimi di qui!
- Ti ho detto - rispose lo Spirito - che queste son ombre di quel che fu. Non mi devi incolpare, se
son ora quel che sono!
- Toglimi di qua! - tornò a pregare Scrooge. - Non resisto più! -
Si volse allo Spirito, e vedendo che questi lo guardava con un certo strano viso nel quale
confondevansi tutti i visi apparsigli fino allora, gli si scagliò addosso.
- Lasciami! Riportami a casa. Non m'importunare di più! -
Nella lotta, se tale si potea dire quella in cui lo Spirito, senza visibile resistenza, rimaneva
incrollabile e sereno a tutti gli sforzi dell'avversario, Scrooge notò che la luce gli brillava sempre più
viva sul capo; e sospettando in quella la cagione dell'influenza sopra di sé esercitata, afferrò di botto
il cappello a spegnitoio e con un rapido movimento glielo fece ingozzare.
Lo Spirito si accasciò sotto, in modo da esser tutto coperto dallo spegnitoio; ma per quanta forza
mettesse Scrooge a premere con le due mani, non riusciva a nascondere la luce, la quale sfuggiva in
onde dal labbro e spandevasi sul suolo.
Ei si sentiva fiaccato e una sonnolenza irresistibile lo vinceva; sentiva anche di trovarsi in camera
propria. Diè allo spegnitoio un lattone d'addio, allentò le mani ed ebbe appena il tempo di
raggomitolarsi nel letto prima di cadere in un sonno profondo.
Strofa Terza
Il secondo dei tre spiriti
Destato nel pieno di un russo prodigiosamente fragoroso e sorgendo a sedere nel mezzo del letto per
raccogliere i suoi pensieri, Scrooge non ebbe bisogno di sentirsi dire che il tocco stava per suonare

23
da capo. Sentiva di esser tornato in sé al momento preciso per abboccarsi col secondo messo
mandatogli per mezzo di Giacobbe Marley. Se non che, per un molesto ribrezzo che lo pigliò
pensando a quale delle cortine il novello Spirito si sarebbe affacciato, le aprì tutte con le proprie
mani; poi, rimettendosi a giacere, stette tutto vigile a guardare intorno. Voleva subito affrontar lo
Spirito e non già spiritar dalla sorpresa.
Le persone franche, le quali si vantano di non conoscere che un paio di emozioncelle e di star
sempre salde ad ogni sorpresa, esprimono la vasta misura del loro coraggio impassibile dicendosi
buone così per una partita a birilli come per sbudellare un uomo in duello. Tra i due estremi ci deve
essere però un campo piuttosto vasto e variato. Senza osare di mettere Scrooge a quell'altezza,
vorrei nondimeno farvi credere ch'egli era pronto a molte e strane apparizioni e che nulla, dalla vista
di un bambino a quella di un rinoceronte, gli avrebbe recato un grande stupore.
Ora, l'essere preparato a tutto non volea mica dire ch'ei fosse preparato a niente; e per conseguenza,
quando il tocco squillò e nessun'ombra apparve, ei fu preso da un violento tremore. Cinque minuti
passarono, dieci, quindici, e niente veniva. Egli intanto, sempre giacente sul letto, si vedeva fatto
centro di una gran luce rossastra, piovutagli sopra nel punto stesso in cui l'ora era battuta; la quale
luce, non essendo altro che luce, era più spaventevole di una dozzina di spiriti, non potendo egli
indovinare che cosa volesse dire e che ne uscirebbe. A momenti, lo pigliava il timore di essere egli
stesso un caso interessante di combustione spontanea, senza aver neppure la consolazione di
saperlo. Alla fine, però, incominciò a pensare - come voi ed io avremmo pensato subito, perché le
persone estranee al caso sanno sempre egregiamente quel che si dovea fare nel tal caso e lo
avrebbero fatto senz'altro - alla fine, dico, incominciò a pensare che l'arcana sorgente di cotesta luce
spiritica potesse essere nella camera contigua; dalla quale infatti, seguendone i raggi, la si vedea
scaturire. Preso da quest'idea, si alzò pianamente e se n'andò strascicando in pantoffole verso la
porta.
Nel punto stesso che metteva la mano sul saliscendi una strana voce lo chiamò per nome e gl'impose
di venire avanti. Scrooge obbedì.
Era la sua camera, proprio quella, ma trasformata mirabilmente. Pendevano dal soffitto e dalle pareti
tante frasche verdeggianti, da formare un vero boschetto, di mezzo al quale le bacche lucenti
mandavano raggi di fuoco vivo. Le frondi grinzose delle querce, dell'edera, dell'agrifoglio
rimandavano la luce, come specchietti tremolanti; e una vampa così poderosa rumoreggiava su per
la gola del camino, che quel gelido focolare non avea mai visto la simile a tempo di Scrooge e di
Marley o per molti e molti inverni passati. Ammontati per terra, quasi a formare una specie di trono,
vedevansi tacchini, forme di cacio, caccia, polli, gran tocchi di carne rifredda, porcellini di latte,
lunghe ghirlande di salsicce, focacce e pasticcini, barili di ostriche, castagne bruciate, mele
rubiconde, arance succose, pere melate, ciambelle immani, tazzoni di ponce bollente, che
annebbiavano la camera col loro delizioso vapore. Adagiavasi su cotesto giaciglio un allegro
Gigante, magnifico all'aspetto, il quale brandiva con la destra una torcia fiammante, quasi a foggia
di un corno di Abbondanza, e l'alzava, l'alzava, per gettarne la luce sulla persona di Scrooge nel
punto che questi spingeva dentro il capo dalla porta socchiusa.
- Entra! - gridò lo Spirito. - Entra! e impara a conoscermi, uomo! -
Scrooge entrò timidamente e piegò il capo davanti allo Spirito. Non era più l'arcigno Scrooge di
prima; e benché gli occhi di quello fossero limpidi e buoni, non gli piaceva troppo di incontrarli.
- Io sono lo spirito di questo Natale - disse lo Spirito. - Guardami! -
Scrooge reverente obbedì. Portava lo Spirito una semplice veste verde-cupo, o tunica che fosse,
orlata di pelo bianco, la quale con tanta scioltezza gli pendeva indosso, che l'ampio torace sporgeva
nudo come sdegnoso di celarsi o difendersi in alcun modo. Anche i piedi, disotto alle ampie pieghe
della veste, vedevansi nudi; e sul capo, nessun altro cappello che una ghirlanda d'agrifoglio
aggraziata da ghiacciuoli scintillanti. Lunghi e fluenti i riccioli della chioma nera; liberi, come il
viso era aperto e geniale, lucido l'occhio, aperta la mano, gioconda la voce, franchi gli atti, ridente
l'aspetto. Legata alla cintura portava un'antica guaina, senza lama dentro e tutta mangiata dalla
ruggine.
- Un altro come me, - esclamò lo Spirito, - tu non l'hai visto mai!
- Mai, - rispose Scrooge.
- Non sei andato attorno co' più giovani della mia famiglia; voglio dire (perché io sono
giovanissimo) i miei fratelli maggiori nati in questi ultimi anni?
- Non mi pare, - disse Scrooge. - Temo di no. Avete avuto molti fratelli, Spirito?
- Più di milleottocento, - rispose lo Spirito.
- Una famiglia tremenda a mantenere! - borbottò Scrooge.
Lo Spirito si alzò.
- Spirito, - pregò Scrooge in atto sommesso, - menatemi dove vi piace. Stanotte scorsa sono andato
fuori per forza ed ho imparato una lezione che già mi va lavorando dentro. Questa notte qui, se
m'avete da insegnar qualche cosa, fate che io ne profitti.
- Tocca la mia veste! -
Scrooge non se lo fece dire due volte e vi si tenne saldo.
Agrifoglio, querce, bacche rosse, edera, tacchini, cacio, polli, caccia, tocchi di carne, porcellini,
salsicce, ostriche, focacce, pasticci, frutta, ponce, tutto sparì all'istante. E così pure la camera, e il
fuoco, e la vampa rosseggiante, e l'ora della notte. Ed eccoli tutti e due, la mattina di Natale, per le
vie della città, dove la gente faceva una certa musica barbaresca, ma non affatto spiacente,
raschiando la neve davanti alle case o di sopra ai tetti, donde, fra le gioconde acclamazioni dei
ragazzi, piovevano le bianche falde e turbinavano nell'aria burrasche artificiali.
Nere parevano le case, più nere le finestre, tra il bianco e morbido lenzuolo di neve steso sui tetti e
la neve, un po' meno pulita, che copriva il suolo. Questa era stata dissodata ed arata in solchi
profondi dalle ruote dei carri e delle carrozze; e cotesti solchi, all'incrociarsi delle vie principali,
s'intersecavano cento e cento volte, facendo intricati canali nella mota giallognola e nell'acqua
diacciata. Il cielo era fosco, e le vie più anguste erano affogate da una densa nebbia che cadeva in
nevischio e in pioggia di atomi fuligginosi, come se tutti i camini della Gran Bretagna avessero
preso fuoco di comune accordo e allegramente divampassero. In verità né il tempo era molto allegro
né la città, e nondimeno una certa allegrezza spandevasi intorno che il più limpido cielo e il più
splendido sole d'estate non avrebbero potuto dare.
Perché la gente che spazzava i tetti era piena di brio e di contentezza; si chiamavano da una casa
all'altra, si scambiavano di tanto in tanto una pallottola di neve - proiettile più innocuo di parecchi
frizzi - ridendo cordialmente se coglievano giusto e non meno cordialmente se sbagliavano la mira.
Le botteghe dei pollaioli erano ancora mezzo aperte, quelle dei fruttivendoli raggiavano gloriose.
Qua, dei grossi panieri di castagne, rotondi, panciuti, simili agli ampi panciotti di vecchi
corcontenti, tentennavano fuori della porta, pronti a rovesciarsi nella via della loro apoplettica
corpulenza. Là, delle cipolle di Spagna, rossastre, gonfie, lucenti nella loro carnosità come frati di
Spagna, occhieggiavano furbescamente dall'alto delle scansie alle ragazze che passavano guardando
di sottecchi ai rami sospesi di visco. E poi, pere e mele, ammontate in piramidi fiorenti; mazzi di
grappoli che la benevolenza del venditore avea sospesi bene in vista, perché la gente si sentisse
l'acquolina in bocca e si rinfrescasse gratis et amore; montagne di nocciuole, muscose e brune, che
ricordavano con la loro fragranza antiche passeggiate nei boschi dove s'affondava fino alla noce del
piede nelle foglie secche; biffins di Norfolk, paffuti e nericci, che rialzavano il giallo degli aranci e
dei limoni, e nella compattezza delle succose persone urgevano e pregavano per essere portati a casa
bene avvolti nella carta e mangiati dopo desinare. Gli stessi pesci d'oro e d'argento, esposti in tanti
boccali fra tanta ricchezza di frutta, benché appartenessero ad una razza malinconica e fredda, si
accorgevano in certo modo che qualche cosa d'insolito accadeva, e tutti, grossi e piccini, giravano e
rigiravano aprendo la bocca pel loro piccolo mondo in una lenta e tranquilla agitazione.
E le drogherie! oh, le drogherie! chiuse a metà, o solo con una o due imposte tolte via; ma che
bellezza di spettacolo traverso a quelle aperture! e non era soltanto che le bilance suonassero
allegramente sul marmo del banco, o che le forbici tagliassero così svelte lo spago degli involti, o
che i barattoli passassero rumoreggiando di mano in mano come bussolotti, o che i profumi
mescolati del tè e del caffè accarezzassero il naso, o che i grappoli di uva passa fossero così pieni e
biondi, e le mandorle così candide, e la cannella così lunga e dritta, e così squisite l'altre spezie, e le
frutta candite così ben vestite e brillanti di zucchero da commuovere e far sdilinquire i più freddi
spettatori. E non era nemmeno che i fichi fossero sugosi e polputi, o che le susine di Francia
arrossissero nella loro agrezza pudica nelle scatole riccamente adorne, o che ogni cosa fosse buona
da mangiare e si mostrasse nei suoi abiti della festa natalizia. Ma gli avventori bisognava vedere! gli
avventori ansiosi e frettolosi, i quali per godere le provviste della giornata, si rotolavano l'uno
sull'altro alla porta, si urtavano co' panieri, lasciavano sul banco la roba comprata, tornavano
correndo a riprenderla, facendo cento errori simili con la maggior possibile allegria; mentre il
droghiere e i suoi garzoni erano così franchi e gioviali che i lucidi fermagli a cuore dei loro
grembiuli potevano passare pei loro cuori, esposti all'osservazione generale e a disposizione di chi
più li volesse. Ma di lì a poco le campane chiamarono la buona gente in chiesa o alla cappella, ed eccoli sbucare in
frotta dalle vie con gli abiti della festa e i visi più allegri. E, nel punto stesso, ecco scaturire da
vicoletti, androni, chiassuoli, una moltitudine di gente che portava il suo desinare al fornaio. La
vista di cotesti poveri festaioli pareva star molto a cuore allo Spirito, il quale, con allato Scrooge, si
fermò sulla soglia di un forno, e sollevando i coperchi dei piatti via via che passavano, spargeva
incenso sulle vivande con una scossa della sua torcia. Strana torcia era questa, perché una o due
volte, essendo corse parole vivaci fra alcuni di quei portatori di desinari, ei ne schizzò una
spruzzaglia di acqua che subito li fece tornare di buon umore. Era una vergogna, dicevano,
bisticciarsi il giorno di Natale. E così era in effetto! Dio di misericordia, così era!
Una dopo l'altra tacquero le campane e i forni si chiusero; eppure, nel vapore umido che si librava
sopra ogni forno, le cui stesse pietre fumavano come se anch'esse si cocessero, c'era una gioconda
irradiazione di tutti cotesti desinari e del cuocersi lento.
- C'è forse un sapore speciale nello spruzzo della vostra torcia? - domandò Scrooge.
- C'è. Il mio - E si può comunicare a qualunque desinare d'oggi?
- A qualunque desinare cordialmente offerto, e soprattutto ai più poveri. - Perché? - Perché i più poveri ne hanno più bisogno.
- Spirito, - disse Scrooge dopo aver pensato un momento, - io stupisco che proprio voi, fra tutti gli
esseri dei tanti mondi che girano intorno, proprio voi vi siate accollato l'ufficio di lesinare a questa
gente le occasioni di un piacere innocente.
- Io! - esclamò lo Spirito.
- Voi togliete loro il mezzo di desinare ogni settimo giorno, che è spesso il solo giorno in cui si
possa dire che siedono a mensa. Non è forse vero?
- Io! - esclamò lo Spirito.
- Non siete voi che volete chiusi questi forni il settimo giorno? Mi pare che torni lo stesso.
- Io voglio cotesto! - esclamò lo Spirito.
- Perdonatemi se ho torto. In vostro nome si fa, o almeno in nome della vostra famiglia, - disse
Scrooge.
- Vivono alcuni su cotesta tua terra, - rispose lo Spirito, - i quali si figurano di conoscer noi e
compiono in nome nostro i loro atti di ira, orgoglio, malvagità, odio, invidia, ipocrisia, egoismo; e
costoro sono così estranei a noi e a tutta la nostra famiglia come se mai fossero venuti al mondo.
Ricordati questo, e le azioni loro addebita a loro, non già a noi. -
Scrooge promise che così avrebbe fatto; e andarono oltre, invisibili come prima, per entro ai
sobborghi della città. Una singolare virtù avea lo Spirito (già da Scrooge notata pocanzi) che, ad
onta della gigantesca statura, ei s'acconciava comodamente dovunque, e che sotto il tetto più basso
serbava la stessa grazia e la stessa dignità soprannaturale che avrebbe spiegato sotto le volte
maestose di un palazzo.
E fu per avventura la compiacenza che il buono Spirito trovava nel far mostra di cotesto suo potere,
o forse la sua stessa natura generosa e cordiale e la sua simpatia per tutti i poveri, che lo portò
difilato a casa del commesso di Scrooge. Ivi si recò, traendosi dietro Scrooge, attaccato al lembo
della veste; e giunto sulla soglia, lo Spirito sorrise e si fermò per benedire la dimora di Bob Cratchit
con gli spruzzi della sua torcia. Figurarsi! Bob non aveva che quindici bob alla settimana, come il
popolo chiama gli scellini; tutti i sabati intascava appena quindici esemplari del suo nome di
battesimo; eppure lo Spirito di Natale volle benedire quella sua casetta di quattro camere.
Si alzò allora la signora Cratchit, la moglie di Bob, con indosso una povera veste due volte rivoltata,
ma tutta galante di nastri, i quali costano poco e fanno una figura vistosa. E la signora Cratchit mise
la tovaglia, con l'aiuto di Belinda Cratchit, secondogenita, anch'ella raggiante di nastri; mentre il
piccolo Pietro Cratchit, chinandosi per immergere una forchetta nella pentola delle patate, riusciva a
cacciarsi in bocca le punte del suo mostruoso collo di camicia (proprietà paterna, conferita al figlio
ed erede in onore della festa) e bruciava dalla voglia di far pompa di tanta biancheria nelle
passeggiate alla moda. Due Cratchit più piccini, maschio e femmina, irruppero dentro gridando che
di fuori al forno aveano sentito l'odore dell'oca e che l'avevano riconosciuta per l'oca loro; e
inebriandosi nella festosa visione di una salsa di salvia e cipolla, i due piccoli Cratchit si dettero a
danzare intorno alla tavola, e levarono a cielo il signor Pietro, il quale, umile in tanta gloria benché
quasi soffocato dal collo immane, soffiava nel fuoco, fino a che le patate levarono il bollore e
picchiarono forte al coperchio della pentola per esser tratte fuori e pelate. - Che fa il babbo che non si vede! - disse la signora Cratchit. - E vostro fratello, Tiny Tim? E
Marta? l'altro Natale era già qui da mezz'ora!
- Ecco Marta, mamma! - disse una giovinetta entrando.
- Ecco Marta, mamma! - gridarono i due Cratchit piccini. - Se sapessi che oca c'è, Marta, che oca!
- Ah, figliuola mia, che Dio ti benedica, come vieni tardi! - disse la signora Cratchit, baciandola una
dozzina di volte e togliendole lo scialletto e il cappellino con materna sollecitudine.
- Abbiamo avuto un sacco di lavoro da finire, rispose la fanciulla, - e s'aveva a consegnarlo stamane, mamma.
- Bene, bene! Adesso che ci sei, non importa, - disse la signora Cratchit. - Mettiti un po' qui al
fuoco, cara, datti una fiammatina, che il Signore ti benedica!
- No, no! Ecco papà che viene, - gridarono i due piccoli Cratchit, che si trovavano nel momento
stesso dapertutto. - Nasconditi, Marta, nasconditi! -
E Marta si nascose; e subito, ecco entrare Bob, il padre, con tre braccia di cravatta pendente davanti,
senza contar la frangia, co' vestiti ben rimendati e spazzolati per parer di festa, e con Tiny Tim sulla spalla. Povero Tiny! ci portava una gruccetta e una macchinetta di ferro per tenersi ritto! - E Marta dov'è? - esclamò Bob guardandosi attorno.
- Non viene - rispose la moglie.
- Non viene! - ripetette Bob, perdendo di botto tutta l'allegria con la quale avea trottato per conto di
Tiny dalla chiesa fino a casa. - Non viene, il giorno di Natale! -
Marta mal soffriva di vederlo scontento, fosse anche per celia; sicché sbucò prima del tempo dal suo
nascondiglio e gli si gettò fra le braccia, mentre i due piccoli Cratchit si pigliavano Tiny Tim e se lo
portavano nel lavatoio per fargli sentire come cantava il bodino nella casseruola. - E come s'è portato il piccolo Tim? - domandò la signora Cratchit, dopo aver motteggiato Bob sulla
sua credulità e dopo che questi si fu saziato di abbracciar la figliuola. - Come un angelo, - rispose Bob, - e meglio ancora. Stando tanto tempo a sedere, diventa meditativo
e non ti puoi figurare che strani pensieri gli vengono. M'ha detto or ora, tornando a casa, che sperava essere stato guardato in chiesa dalla gente, storpio com'è, e che deve far piacere, il giorno di Natale, ricordarsi di colui che fece camminare i poveri zoppi e vedere i ciechi. -
La voce di Bob tremava un poco così dicendo, e più forte tremò quando soggiunse che Tim s'andava
facendo più sano e più forte.
S'udì l'agile gruccetta sbattere sull'impiantito, e Tiny Tim subito riapparve, accompagnato dal
fratello e dalla sorella fino al suo sgabelletto accanto al fuoco. Bob intanto, rimboccate le maniche -
quasi che, poveretto, si potessero consumare di più! - faceva in una brocca un suo miscuglio di
ginepro e limone e girava e rigirava e lo metteva sul fuoco a bollire; mentre il piccolo Pietro co' due
Cratchit onnipresenti correvano a prendere l'oca, con la quale tornarono di lì a poco in processione solenne.
Tanto fu il trambusto che ne seguì da far pensare che un'oca fosse il più raro fra i volatili, un
fenomeno pennuto, al cui confronto un cigno nero era la bestia più naturale di questo mondo: e
davvero in quella casa c'era da credere che così fosse. La signora Cratchit fece friggere il succo, già
preparato in una padellina; Pietro, con vigore incredibile, si diè a schiacciare le patate; la signorina
Belinda inzuccherò il contorno di mele; Marta strofinò le scodelle; Bob si fece seder vicino Tiny
Tim a un cantuccio della tavola; i due piccoli Cratchit disposero le sedie per tutti, non dimenticando
sé stessi, e piantatisi di guardia ai posti loro si cacciarono i cucchiai in bocca per non gridar prima
del tempo di voler l'oca. Alla fine, messi i piatti, fu detto il benedicite. Successe un momento di
silenzio profondo, mentre la signora Cratchit, guardando lungo il filo del coltello, si preparò a
trafiggere la bestia. Ma quando il coltello fu immerso, quando sboccò dalla ferita il ripieno tanto
aspettato, un mormorio di allegrezza si levò tutt'intorno alla tavola, e lo stesso Tiny Tim, messo su
dai due piccoli Cratchit, si diè a battere sulla tovaglia col manico del coltello e fece sentire un suo debole evviva!
Un'oca simile non s'era mai data. Disse Bob che, secondo lui, un'oca di quella fatta non era stata
cucinata mai. La sua tenerezza, il profumo, la grassezza, il buon mercato furono oggetto
dell'ammirazione universale. Col rinforzo del contorno di mele e delle patate, il pranzo era
sufficiente: anzi, come diceva tutta contenta la signora Cratchit guardando ad un ossicino nel piatto,
non s'era potuto mangiar tutto! Eppure ciascuno s'era satollato, e i due Cratchit minuscoli
specialmente erano immollati di salvia e cipolle fino agli occhi! Ma ora, mutati i piatti dalla
signorina Belinda, la signora Cratchit uscì sola - tanto era nervosa da non voler testimoni - per
prendere il bodino e portarlo in tavola.
E se il bodino non era a tempo di cottura! e se si rompeva nel voltarlo! e se qualcuno, di sopra al
muro del cortile, se l'avesse rubato mentre di qua si facea tanta festa all'oca! I due piccoli Cratchit si
fecero lividi a quest'ultima supposizione. Ogni sorta di orrori furono immaginati.
Olà! questo sì ch'è fumo! il bodino è fuori della casseruola. Che odor di bucato! È il tovagliolo che
lo involge. Un certo odore che è tutt'insieme di trattoria e del pasticciere accanto e della lavandaia
che sta a uscio e bottega! Questo poi era il bodino. In meno di niente, ecco entrare la signora
Cratchit, accesa in volto, ma ridente e gloriosa, col bodino in trionfo, simile a una palla di cannone
chiazzata, liscia, compatta, ardendo in un quarto di quartuccio d'acquavite in fiamme, e con in cima
bene infisso l'agrifoglio di Natale.
Oh, un bodino stupendo! disse Bob, gravemente, ch'ei lo riguardava come il massimo trionfo della
signora Cratchit dal matrimonio in poi. La signora Cratchit, liberatasi ormai di quel gran pensiero,
confessò schiettamente di essere stata un po' in dubbio sulla quantità della farina. Ciascuno disse la
sua, ma nessuno osservò o pensò che un bodino di quella fatta fosse scarso per una famiglia
numerosa. Questa sarebbe stata un'eresia bell'e buona, e l'ultimo dei Cratchit ne avrebbe arrossito
fino alla radice dei capelli.
Alla fine, terminato il desinare, si sparecchò, si spazzò il camino, si attizzò il fuoco. Assaggiato e
trovato squisito il miscuglio nella brocca, furono messe in tavola mele ed arancie e una palettata di
castagne sul fuoco. Allora tutta la famiglia si strinse presso al fuoco in circolo, come Bob diceva per
significare un semicircolo; e accanto a Bob fu messo tutto il servizio di cristalli: due bicchieri e un
vasettino da crema, senza manico. I tre recipienti però raccolsero la calda bevanda né più né meno

28
che tre coppe d'oro avrebbero fatto; e Bob la servì intorno con viso raggiante, mentre le castagne sul
fuoco barbugliavano e scoppiettavano. Poi Bob disse forte:
- Un allegro Natale a tutti noi, cari miei. Dio ci benedica! -
Tutta la famiglia ripetè l'augurio.
- Dio benedica tutti quanti siamo! - disse, ultimo di tutti, Tiny Tim.
Sedeva sul suo sgabelletto, proprio accosto al padre. Bob gli teneva la manina scarna per meglio
fargli sentire il suo affetto, e se lo voleva sempre vicino, e quasi avea paura di vederselo portato via.
- Spirito, - disse Scrooge con insolita sollecitudine, - dimmi se Tiny Tim vivrà.
- Vedo un posto vuoto - rispose lo Spirito, - all'angolo del povero focolare, e una gruccetta
gelosamente custodita. Se queste ombre non muterà l'avvenire, il fanciullo morrà.
- No, no, - esclamò Scrooge. - Oh no, buono Spirito! dimmi che sarà risparmiato.
- Se queste ombre non muterà l'avvenire, nessun altro della mia stirpe, - rispose lo Spirito, - lo
troverà qui. Che monta? S'egli muore, tanto meglio, perché di tanto scemerà il soverchio della
popolazione. -
Scrooge abbassò il capo, udendo le proprie parole citate dallo Spirito, e si accasciò sotto il
pentimento e il dolore.
- Uomo, - disse lo Spirito, - se d'uomo è il tuo cuore e non di adamante, lascia cotesto tuo tristo
linguaggio, finché non saprai qual è quel soverchio e dov'è. Osi tu forse decidere quali uomini
debbano vivere, quali morire? Può darsi che agli occhi del cielo, tu sii più indegno di vivere che non
milioni di creature simili al fanciullo di questo povero uomo. Oh Dio! udir l'insetto sulla foglia
pronunciare che c'è troppi viventi fra i suoi fratelli affamati nella polvere! -
Tremò Scrooge al fiero rabbuffo e abbassò umile gli occhi. Ma subito li rialzò, udendo pronunziare
il suo nome.
- Al signor Scrooge! - disse Bob; - propongo un brindisi al signor Scrooge, protettore di questa
festa!
- Bel protettore davvero! esclamò la signora Cratchit facendosi rossa. - Lo vorrei qui, lo vorrei. Gli
darei una certa festa a modo mio, che non gli andrebbe mica a genio.
- Mia cara, - disse Bob, - ci sono i ragazzi; è Natale!
- Un bel giorno di Natale - ribatté la moglie - se s'avesse a bere alla salute di un uomo così odioso,
taccagno, duro, egoista come quello Scrooge. Tu lo sai, Bob! nessuno lo sa meglio di te, poveretto!
- Cara mia, - ripeté Bob con dolcezza, - è Natale.
- Beverò alla sua salute per amor tuo e perché è Natale, - disse la signora Cratchit, - per lui no.
Cento di questi giorni, un allegro Natale e felice capo d'anno! Starà proprio allegro e felice, figurati!
-
I ragazzi bevvero anch'essi alla salute di Scrooge. Era il primo dei loro atti che non fosse cordiale.
Tiny Tim bevve in ultimo, ma non gliene importava niente. Scrooge era l'Orco della famiglia. Il solo
nome di lui avea gettato sulla lieta brigata un'ombra, che non si dileguò per cinque buoni minuti.
Dopo che fu svanita, tornò l'allegria dieci volte più schietta, pel solo sollievo di essersi sbrigati di
Scrooge il Malo.
Bob Cratchit disse loro di avere in vista un certo posticino per messer Pietro che avrebbe portato in
casa una sommetta di sei lire e cinque soldi la settimana. I due Cratchit minuscoli si sganasciarono
dalle risa all'idea che Pietro diventava uomo d'affari; e Pietro, per conto suo, guardò tutto pensoso al
fuoco di mezzo alle punte del collo, quasi ventilando dentro di sé che sorta d'investimenti avrebbe
preferito quando fosse entrato in possesso di una rendita così sbalorditiva. Marta, povera
apprendista da una crestaia, disse allora che sorta di lavoro avea da fare e quante ore di fila lavorava
e che si volea levar tardi il giorno appresso e godersi il riposo della festa. Disse pure di aver visto
qualche giorno fa una contessa e un gran signore, e che il signore avea su per giù la statura di Pietro;
al che, Pietro si tirò così alto il collo che non gli avreste più visto il capo. E intanto, castagne e
bevande andavano intorno; e poi ci fu una canzone a proposito di un ragazzo smarrito nella neve, e
la cantò Tiny Tim; la cantò con la sua vocina dolente, ma molto bene davvero, molto bene.

29
Niente di nobile in tutto ciò. La famiglia non era bella; nessuno sfoggio di vestiti; le scarpe tutt'altro
che impermeabili; meschina la biancheria; forse e senza forse Pietro avea anche fatto una certa
conoscenza col rigattiere. Ma erano felici nondimeno, riconoscenti, lieti di trovarsi insieme; e nel
punto stesso che si dileguavano, sembrando ancor più felici nella pioggia di luce di cui gl'inondava
la torcia dello Spirito in segno d'addio, Scrooge li guardò fiso, soprattutti Tiny Tim, fino all'ultimo
istante.
Calava intanto la notte e cadea fitta la neve: e mentre Scrooge e lo Spirito andavano per le vie, era
mirabile lo splendore dei fuochi rugghianti nelle cucine, nei tinelli, in ogni sorta di stanze. Qua, la
fiamma vacillante mostrava i preparativi di un buon pranzetto, co' piatti messi in caldo davanti al
fuoco, con le spesse tendine rosse pronte ad essere abbassate per tener fuori il freddo e le tenebre.
Là, tutti i ragazzi della casa sbucavano correndo nella neve per essere i primi a salutare le sorelle
maritate, i fratelli, gli zii, le zie, i cugini, le cugine. Qua, ancora, si ripercotevano sulle tende le
ombre dei convitati; e là, un gruppo di belle fanciulle, tutte incappucciate e con gli stivaletti
impellicciati, e tutte chiacchierando a coro, se n'andavano saltellanti da qualche loro vicino; e guai
allora allo scapolo - e ben lo sapevano le furbe! - guai allo scapolo che le avesse viste entrare in un
baleno di luce e di bellezza!
Dal numero della gente che si avviava alle amichevoli riunioni, c'era da figurarsi che nessuno fosse
in casa per ricevere, mentre invece in ogni casa s'aspettava gente e si faceano enormi fiammate nei
caminetti. Come esultava lo Spirito, Dio benedetto! come scopriva l'ampio torace, come apriva la
palma capace, e si librava alto, versando su tutto con mano generosa lo splendore della sua gioia
innocente! Perfino il lumaio, che correva avanti punteggiando di luce le vie tenebrose, già
agghindato per passar la sera in qualche posto, rise forte quando lo Spirito gli fu accanto, benché
non sapesse di aver altra compagnia che quella del Natale!
Di botto, senza che lo Spirito ne desse avviso con una parola, si trovarono in una deserta e
malinconica palude, disseminata di massi mostruosi di pietra greggia, come se fosse un cimitero di
giganti. L'acqua si spandeva libera dove più le piacesse, o almeno così avrebbe fatto se il gelo non
l'avesse imprigionata. Non vi cresceva altro che musco, ginestra, erbaccia. Giù, verso occidente, il
sole al tramonto avea lasciato una striscia infocata, che un momento balenò, come il vivido sguardo
di un occhio dolente, su quella desolazione, e via via velandosi sotto le palpebre si spense
nell'orrore di una notte profonda.
- Che è qui? - domandò Scrooge.
- Qui - rispose lo Spirito - vivono i minatori, i quali lavorano nel ventre della terra. Ma essi mi
conoscono. Guarda! -
Brillò una luce alla finestretta di una capanna e subito andarono verso di quella. Attraversando il
muro di sassi e mota, trovarono una gaia brigata raccolta intorno a un bel fuoco. Un vecchio
decrepito e la sua donna, co' loro figli, e i figli de' figli, e un'altra generazione per giunta, rilucevano
tutti nei loro abiti di festa. Il vecchio, con una voce che di rado levavasi sui sibili del vento
all'aperto, cantava loro una canzone di Natale, una canzone già antica di molto quando egli era
ragazzo; di tanto in tanto, gli altri a coro ripetevano il ritornello. Alzandosi le voci loro, si alzava
anche e diveniva più gioconda la voce del vecchio; finito il ritornello, cadeva insieme la voce di lui.
Non s'indugiò lo Spirito fra quella gente, ma imponendo a Scrooge di tenerglisi forte alla veste,
varcò tutta la palude e si librò... sul mare, forse? Sì, proprio, sul mare. Voltandosi indietro, Scrooge
ebbe ad inorridire vedendo lontano le rive, una fila spaventevole di scogli; e lo intronava il tuono
dei flutti furiosi che fra le atre caverne scavate avvolgevansi, muggivano, infuriavano, fieramente si
sforzavano di minar la terra.
Eretto sopra un banco di roccie basse, una lega all'incirca dalla riva, contro le quali rompevansi le
acque per quanto lungo era l'anno, stava solitario un faro. Aderivano alla base enormi viluppi di
alghe, e gli uccelli della tempesta - partoriti forse dal vento come l'alga del mare - vi svolazzavano
intorno alzandosi e abbassandosi come le onde che sfioravano con l'ala.

30
Ma anche qui, due guardiani aveano acceso un loro fuoco, e questo traverso alla feritoia del muro
massiccio mandava un raggio lucente sulle tenebre del mare. Strigendosi le mani callose di sopra
alla rozza tavola e al loro boccale di ponce, si davano l'un l'altro il buon Natale; e il più vecchio dei
due, dalla faccia accarnata e cicatrizzata dalle intemperie come una di quelle teste scolpite che
sporgono dalla prua di una vecchia nave, intuonò una selvaggia canzone che poteva parere una
raffica.
E lo Spirito andava, andava sempre sulle onde cupe e anelanti, fino a che, lontani da ogni riva,
com'ei disse a Scrooge, raccolsero il volo sopra un bastimento. Qua il pilota alla sua ruota, lassù
nella gabbia la vedetta, più in là gli ufficiali di quarto: figure fantasticamente immobili: ma ciascuno
di loro canticchiava una canzone di Natale, o pensava a Natale, o di qualche passato Natale parlava
basso al compagno con soavi speranze di ritorno. E ciascuno a bordo, desto o dormiente, buono o
malvagio, aveva avuto per l'altro una parola più gentile che in qualunque altro giorno dell'anno;
avea partecipato in una certa misura alla festa; avea ricordato i cari lontani, pensando con dolcezza
al loro memore affetto.
Fu per Scrooge una gran sorpresa, mentre badava ai gemiti del vento e pensava alla terribilità del
muoversi fra le tenebre vaneggianti sopra una ignota voragine, profonda e segreta come la morte, fu
per Scrooge una gran sorpresa, così assorto com'era, l'udire una risata squillante. E crebbe la
sorpresa a mille doppi, quand'ei riconobbe la voce del proprio nipote e si trovò in un salottino ben
rischiarato, ben caldo, aggiustato, con accanto lo Spirito che sorrideva e che fissava quel medesimo
nipote con uno sguardo di compiacenza.
- Ah, ah! - rideva il nipote di Scrooge. - Ah, ah, ah! -
Se mai, per un caso poco probabile, vi capitasse d'incontrare un uomo che ridesse più cordialmente
del nipote di Scrooge, io vi dico che sarei lietissimo di farne la conoscenza e di cercarne la
compagnia. Vogliate presentarmelo, ve ne prego.
È un bel compenso, ed è anche giusto e consolante nell'ordine delle cose umane, che se il dolore e il
malanno si attaccano, non ci sia al mondo cosa più contagiosa del buonumore e del riso. Il nipote di
Scrooge rideva, tenendosi i fianchi, scotendo il capo, facendo col viso le più strane contorsioni; la
moglie, anch'essa nipote di Scrooge, rideva con la stessa espansione; tutti gli amici raccolti ridevano
sgangheratamente, con tutto il cuore e con un fracasso indicibile.
- Ah, ah! Ah, ah, ah, ah!
- Ha detto, figuratevi, che Natale è una sciocchezza! - gridava il nipote di Scrooge. - Com'è vero che
son vivo, l'ha detto. E lo pensava pure!
- Due volte vergogna per lui, Federigo! - esclamò tutta accesa la nipote di Scrooge. Benedette
coteste donne; non fanno mai niente a mezzo. Pigliano tutto sul serio.
Era graziosa, molto graziosa. Un visino tutta ingenuità, stupore e pozzette; un bocchino maturo, che
pareva fatto per esser baciato, e lo era di certo; ogni sorta di fossettine intorno al mento, le quali
confondevansi insieme quando ella rideva; il più raggiante par d'occhi che abbia mai illuminato
fronte di fanciulla. In complesso, una certa figurina provocante, capite; ma anche pronta a dar
soddisfazione. Oh, altro che pronta!
- È buffo davvero il vecchio - disse il nipote di Scrooge, - questa è la verità. Niente di male se fosse
un tantino meno scontroso. Fatto sta che i suoi stessi difetti sono il suo malanno, ed io non ho niente
da dire contro di lui.
- Scommetto ch'è ricco sfondato, - venne su la nipote di Scrooge. - Sei tu stesso, Federigo, che me
lo dici sempre.
- E che vuol dire, cara mia! La ricchezza sua non gli serve a niente; non fa un briciolo di bene,
nemmeno per sé. Non ha nemmeno la soddisfazione di pensare... ah, ah, ah!... che ce la serba a noi
tutta quanta, proprio a noi.
- Io non lo posso vedere, - affermò la nipote di Scrooge. Le sorelle di lei e tutte le altre signore
espressero lo stesso sentimento.

31
- Oh, io sì invece! - disse il nipote. - Me ne dispiace per lui; se pure mi vi provassi, non riuscirei a
volergli male. Chi è che ne soffre pei suoi capricci? Lui, nessun altro che lui. Ecco, per esempio, ora
s'è fitto in capo di guardarmi di traverso e non vuol venire a desinare con noi. Che ne viene?... ogni
lasciato è perso. È vero però che un gran pranzo non lo ha perduto...
- Niente affatto, - interruppe la moglie, - io credo invece che ha perduto un pranzo eccellente. - Tutti
a coro dissero lo stesso, e ne aveano da saper qualche cosa, perché appunto si alzavano di tavola e si
stringevano intorno al fuoco.
- Tanto meglio, ci ho gusto! - disse il nipote di Scrooge, - perché davvero non ho una fede
straordinaria in questa donnetta di casa. Che ne dite voi, Topper? -
Topper, si vedeva chiaro, aveva adocchiato una sorella della nipote di Scrooge, perché rispose che
uno scapolo era una disgraziata creatura incapace di emettere un parere in proposito: Al che la
sorella della nipote di Scrooge - quella pienotta col fazzoletto di pizzi, non quell'altra con le rose - si
fece rossa come una ciliegia.
- Continua, Federigo - disse la nipote di Scrooge, battendo le mani. - Questo benedetto uomo lascia
sempre i discorsi a mezzo! -
Il nipote di Scrooge dette in un'altra risata, e poiché non si poteva evitare il contagio, quantunque la
ragazza pienotta lo tentasse a furia di aceto aromatico, l'esempio fu seguito da tutti.
- Stavo per dire - riprese il nipote di Scrooge - che per dato e fatto del suo guardarci di traverso e
della sua cocciutaggine di non stare allegro con noi, egli si perde dei momenti piacevoli, che non gli
farebbero niente di male. È certo ch'ei si priva di una compagnia meno uggiosa di quanti pensieri
può trovare in quella stamberga umida del suo banco o nelle sue camere polverose. Per me, tutti gli
anni, voglia o non voglia, gli farò la stessa offerta, perché mi fa pena. Padronissimo di schernire il
Natale fino al giorno del giudizio, ma non potrà fare a meno di pensarne un po' meglio, sfido io,
quando mi vedrà ricomparire tutti gli anni sempre di buon umore, per domandargli: Come si va, zio
Scrooge? Se questo servisse nient'altro che a fargli venir l'idea di dar cinquanta sterline a quel
diavolaccio del suo commesso, tanto per far cifra tonda, sarebbe già qualche cosa. E se non mi
sbaglio, debbo averlo scosso ieri. -
Adesso toccò agli altri a ridere, all'idea di cotesto scotimento: Ma essendo egli un bravo ragazzo né
curandosi di che ridessero, purché ridessero, gl'incoraggiò nella loro espansione, facendo
allegramente circolare la bottiglia.
Dopo il thè, si fece un po' di musica. Perché davvero tutta la famiglia era musicale e sapeva il fatto
suo quando intuonava un'arietta o un ritornello; Topper in ispecie, il quale pigliava ogni sorta di
note di basso profondo, senza gonfiar le vene della fronte e senza farsi rosso come un gambero. La
nipote di Scrooge suonava l'arpa assai benino; e, fra le altre, suonò un'arietta semplicissima (una
cosa da nulla, che in due minuti avreste imparato a zufolare), la quale era stata familiare alla
bambina che veniva a prendere Scrooge alla scuola, come gli avea ricordato lo Spirito dell'altro
Natale. Suonandogli dentro le note di quella cantilena, tutte le cose mostrategli dallo Spirito gli
tornavano in mente. Via via si sentì rammollire; e pensò che se avesse potuto udirle spesso, tanti
anni fa, avrebbe forse coltivato con le proprie mani e per la propria felicità le gentilezze affettuose
della vita, anzi che ricorrere per conforto alla vanga del becchino che avea scavato la fossa di
Giacobbe Marley.
Ma non tutta la sera fu dedicata alla musica. Dopo un po', vennero i giuochi di penitenza; perché fa
bene a momenti tornar bambini, e più che mai a Natale, ch'è una festa istituita da Dio fattosi
anch'egli bambino. Aspettate! Si giocò prima di tutto a mosca cieca: Era naturale. Ed io credo tanto
che Topper fosse cieco davvero per quanto posso credere che avesse gli occhi negli stivali. A parer
mio, c'era una tacita intesa tra lui e il nipote di Scrooge; e anche lo Spirito n'era a parte. Il suo modo
di correr dietro alla sorella pienotta dal fazzoletto di pizzi era proprio un oltraggio alla umana
credulità. Inciampando nelle seggiole, facendo cader le molle, urtando contro il pianoforte,
soffocandosi nelle tende, dovunque ella andava, Topper andava appresso. Sapeva sempre dove
trovavasi la ragazza pienotta. Se gli andavate addosso, come qualcuno facea, e gli stavate davanti,

32
egli fingeva di volervi afferrare facendo così un affronto alla vostra perspicacia, e subito sgusciava
di fianco nella direzione della sorella pienotta. Ella gridava spesso che non istava bene; ed avea
ragione, poverina! Ma quando alla fine l'afferrò; quando, a dispetto dei guizzi di lei e del fruscio
della sottana di seta, ei la incalzò in un cantuccio donde non c'era più scappatoia; allora la sua
condotta fu a dirittura esecrabile. Perché infatti quel suo pretendere di non conoscerla, e che era
necessario di toccarle la pettinatura, e che si dovea assicurare dell'identità stringendo non so che
anello al dito di lei e palpando non so che catena ch'ella portava al collo, fu davvero una mostruosa
vigliaccheria! E non c'è dubbio che la ragazza gli disse il fatto suo, quando, venuta in mezzo un'altra
persona bendata, si dettero insieme a bisbigliare con tanto accaloramento dietro le tende.
La nipote di Scrooge non giuocava con gli altri a mosca cieca, e si raggomitolava tutta in
poltroncina, con uno sgabelletto sotto i piedi, in un cantuccio dove lo Spirito e Scrooge le stavano
alle spalle. Ma alle penitenze prese parte e rispose d'incanto al "Come vi piace?" con tutte le lettere
dell'alfabeto. Così pure nel gioco del "Come, quando e dove", si dimostrò grande a dirittura, e con
represso giubilo del marito, sgominò tutte le sorelle; benché anche queste fossero furbe parecchio,
come Topper l'avrebbe potuto dire. In tutti erano una ventina, tra giovani e vecchi; ma tutti
giuocavano, e Scrooge con essi; il quale, scordandosi per la foga improvvisa del sollazzarsi che la
voce sua non potea da loro essere udita, gridava alto la parola dell'indovinello, e più di una volta
imbroccava anche; perché l'ago più sottile non era più sottile di Scrooge, con tutta la sua smania di
far lo gnorri.
Lo Spirito era molto lieto in vederlo così disposto, e con tanta benevolenza lo guardava, ch'ei pregò
come un bambino gli si permettesse di rimanere fino in fondo. Ma a questo lo Spirito si oppose.
- Ecco un altro giuoco - disse Scrooge. - Una mezz'oretta, Spirito, solo una mezz'oretta! -
Era il giuoco del Sì e del No. Il nipote di Scrooge pensava una cosa, gli altri doveano indovinare,
rispondendo egli soltanto sì o no, secondo il caso. Il fuoco vivace delle domande gli cavò di bocca
ch'egli pensava a un animale, a un animale piuttosto brutto, a un animale selvaggio, a un animale
che grugniva qualche volta e qualche altra volta parlava, che stava a Londra, e girava per le vie, e
non si mostrava in una baracca, e non era portato attorno da nessuno, e non viveva in un serraglio, e
non era mai trascinato al macello, e non era né cavallo, né somaro, né vacca, né toro, né tigre, né
cane, né porco, né gatto, né orso. A ogni nuova domanda, codesto nipote si sganasciava dalle risa; e
così forte ei si spassava, che a momenti si dovea alzare dal canapè e batteva i piedi in terra. Alla fine
la sorella pienotta, presa dalla stessa convulsione d'ilarità esclamò:
- L'ho trovato! so quel che è, Federigo! so quel che è!
- E che è? - domandò Federigo.
- È vostro zio Scro-o-o-oge! -
E così era infatti. L'ammirazione fu universale, benché qualcuno obbiettasse che alla domanda: "È
un orso?" bisognava rispondere: "Sì" visto che bastava la risposta negativa a frastornarli da Scrooge,
caso mai ci avessero pensato.
- Ci ha fatto divertire un mondo, - disse Federigo, - questo è certo, e noi saremmo ingrati a non
bevere alla sua salute. Ecco appunto un bicchiere di vino caldo, pronto per tutti. Alla salute dello zio
Scrooge!
- Ebbene! - gridarono tutti, - alla salute dello zio Scrooge!
- Un allegro Natale e un buon capo d'anno al vecchio, checché egli sia! - disse il nipote di Scrooge. -
Da me non se lo piglierebbe questo augurio, ma io glielo fo lo stesso. Alla salute dello zio Scrooge!
-
Lo zio Scrooge era diventato a poco a poco così gaio e leggiero di cuore, che avrebbe risposto
volentieri al brindisi della brigata e ringraziato con un discorso inaudibile, se lo Spirito glien'avesse
dato il tempo. Ma tutta quanta la scena, nello spegnersi dell'ultima parola detta dal nipote, si
dileguò; e Scrooge e lo Spirito viaggiavano come prima.
Molto videro, molto andarono lontano, molte case visitarono, ma sempre con buon effetto. Lo
Spirito stette al capezzale degl'infermi, e gl'infermi sorrisero; presso i pellegrini in terra straniera, e

33
quelli sentirono vicino la patria; con gli uomini combattuti dalla sventura, e quegli uomini si
rassegnarono in una più alta speranza; con la povertà, e la povertà si sentì doviziosa. Nell'ospizio,
nell'ospedale, nella prigione, in ogni rifugio della miseria, dove l'uomo superbo nella sua breve
autorità non avea potuto sbarrar la porta allo Spirito, ei lasciò la sua benedizione e insegnò a
Scrooge i suoi precetti di amore.
Fu una lunga notte, se pure fu una notte; ma Scrooge ne dubitava un poco, perché gli pareva di
veder condensate molte feste di Natale nel rapido tempo passato insieme. Notò anche, ma non ne
fece motto, che mentre egli rimaneva sempre lo stesso, lo Spirito si faceva manifestamente più
vecchio. La cosa era strana, ed ei non si poté più tenere, quando lasciando una brigata di fanciulli
che solennizzavano la Befana, si accorse che i capelli dello Spirito s'erano imbiancati.
- Così breve - domandò - è la vita degli Spiriti?
- La mia vita su questa terra - lo Spirito rispose - è brevissima. Termina stanotte.
- Stanotte! - esclamò Scrooge.
- A mezzanotte. Ascolta! l'ora si avvicina. -
In quel punto i tocchi degli orologi battevano tre quarti dopo le undici.
- Perdonami se sono indiscreto, - disse Scrooge guardando fiso alla veste dello Spirito, - ma io vedo
venir fuori dal lembo della tua veste non so che di strano che non t'appartiene. È un piede o un
artiglio?
- Potrebbe essere un artiglio, per la poca carne che lo ricopre, - rispose malinconico lo Spirito. -
Guarda. -
Dalle pieghe della sua veste trasse fuori due bambini stremenziti, abietti, spaventevoli, ributtanti,
miserabili. Caddero ginocchioni ai piedi di lui e si attaccarono saldi ai lembi della veste.
- Guarda, uomo! - esclamò lo Spirito. - Guarda, guarda qui, per terra! -
Erano un bambino e una bambina. Gialli, scarni, cenciosi, arcigni, selvaggi; ma prostrati anche nella
umiltà loro. Dove la grazia della gioventù avrebbe dovuto fiorir rigogliosa sulle loro guance, una
mano secca e grinzosa, come quella del tempo, gli avea corrosi, torti, tagliuzzati. Dove gli angeli
doveano sedere in trono, ascondevansi i demoni e balenavano minacciosi. Nessun mutamento,
nessuna degradazione, nessun pervertimento del genere umano, in qualsivoglia grado, in tutti i
misteri della maravigliosa creazione, ha mai partorito mostri così orrendi.
Scrooge indietreggiò, atterrito. Tentò di dire allo Spirito, il quale glieli additava, che quelli erano
due bei bambini; ma le parole gli fecero groppo, anzi che partecipare alla enorme menzogna.
- Spirito! son figli tuoi? - potette appena domandare Scrooge.
- Sono figli dell'Uomo - rispose lo Spirito chinando gli occhi a guardarli. - E a me s'attaccano,
accusando i padri loro. Questo bambino è l'Ignoranza. Questa bambina è la Miseria. Guàrdati da
tutti e due, da tutta la loro discendenza, ma soprattutto guardati da questo bambino, perché sulla sua
fronte io vedo scritto: "Dannazione", se la parola non è presto cancellata. Negalo! - gridò lo Spirito,
protendendole mani verso la città. - Diffama pure coloro che te lo dicono! Serba il male, carezzalo,
pei tuoi fini perversi. Ma bada, bada alla fine!
- Non hanno un rifugio? - domandò Scrooge; - non c'è per loro un sollievo?
- E non ci son forse prigioni? - ribatté lo Spirito, ritorcendogli contro le sue proprie parole. - Non ci
son forse case di lavoro? -
L'orologio batté le dodici.
Scrooge si guardò intorno cercando lo Spirito e non lo vide più. Squillando l'ultimo colpo, gli
sovvenne la predizione del vecchio Giacobbe Marley, e alzando gli occhi, scerse un solenne
fantasma, ammantato e incappucciato, il quale avanzavasi, come nebbia che sfiori il terreno, alla sua
volta.

34
Strofa Quarta
L'ultimo degli Spiriti
Lento, grave, silenzioso, s'accostò il fantasma. Scrooge, in vederselo davanti, cadde in ginocchio,
perché in verità questo degli Spiriti era circonfuso di ombra e di mistero.
Un nero paludamento lo avvolgeva tutto, nascondendogli il capo, la faccia, ogni forma: solo una
mano distesa sporgeva. Senza di ciò, sarebbe stato difficile discernere la cupa figura dalla notte,
separarla dalle tenebre che la stringevano.
Sentì Scrooge che lo Spirito era alto e forte, sentì che la misteriosa presenza gl'incuteva un terrore
solenne. Non sapeva altro, perché lo Spirito era muto e immobile.
- Sono io in presenza dello Spirito di Natale futuro? - chiese Scrooge.
Non rispose lo Spirito, e solo accennò con la mano.
- Tu mi mostrerai le ombre delle cose non accadute, ma che accadranno nel tempo che ci aspetta, -
proseguì Scrooge. - Dico bene, Spirito? -
La parte superiore del paludamento si aggruppò un momento nelle sue pieghe, come se lo Spirito
avesse inclinato il capo. Fu questa l'unica sua risposta.
Benché oramai assuefatto a cotesta compagnia dell'altro mondo, Scrooge avea tanta paura di
quell'ombra taciturna da non reggersi in gambe quando si trattò di seguirla. Lo Spirito, quasi accorto
di quel tremore, sostò un momento per dargli tempo di riaversi.
Ma il rimedio fu peggio del male. Scrooge fu preso da un brivido di vago terrore, pensando che di
dietro al fosco paludamento due occhi spettrali intentamente lo fissavano, mentre egli, per quanto
aguzzasse i propri, non poteva altro vedere che una scarna mano sporgente da un gran viluppo di
nerume.
- Spirito del futuro! - egli esclamò, - io ho più paura di te che di ogni altro Spirito veduto innanzi.
Ma, poiché so che l'intenzione tua è di farmi del bene, e poiché spero di mutar vita, se Dio mi dà
vita, eccomi disposto a tenerti compagnia e con animo grato, anche. Non vorrai tu essermi cortese di
una parola? -
Nessuna risposta. La mano accennava diritto in avanti.
- Ebbene, guidami! - disse Scrooge. - Guidami! La notte declina, e il tempo è per me prezioso, lo
sento. Guidami, Spirito! -
Il Fantasma si mosse lento e grave com'era venuto. Scrooge lo seguì come avvolto nell'ombra del
paludamento e in quella si sentì portato via.
Non si può dire che entrassero in città; parve invece che questa balzasse fuori di botto e li
circondasse. Vi si trovavano dentro, proprio nel cuore; alla borsa, fra i negozianti. E questi
andavano su e giù frettolosi, e faceano tintinnare i denari in tasca, e discorrevano a capannelli, e
cavavano fuori gli orologi, e si gingillavano in atto pensoso e co' grossi sigilli d'oro della catena.
Così tante volte gli aveva visti Scrooge.
Lo Spirito si arrestò presso un gruppo di uomini d'affari. Osservando la mano che gli additava,
Scrooge si avanzò per udire i loro discorsi.
- No - diceva un omaccione grasso con tanto di pappagorgia - non ne so gran cosa. Questo so che è
morto.
- Quand'è ch'è morto? - domandò un altro.
- Iersera, credo.
- O di che? - chiese un terzo, pescando largamente in un'ampia tabacchiera. - Mi pareva a me che
non dovesse morir mai.
- Dio lo sa, - sbadigliò il primo.

35
- Che ne ha fatto dei suoi danari? - domandò un signore dal viso rubicondo con una escrescenza
pendula in punta del naso, la quale tremolava come i bargigli d'un tacchino.
- Non ne ho inteso dir niente, - rispose l'uomo dalla pappagorgia in un secondo sbadiglio. - L'avrà
lasciati alla sua Ditta. A me, no di certo. Questo è quanto so. -
Una risata generale accolse questa facezia.
- Ha da essere un magro funerale, - soggiunse quello stesso; - perché non so davvero di nessuno che
ci vada. Che direste se ci andassimo tutti noi, da volontari?
- Se c'è da rifocillarsi, non dico di no, - osservò il signore dall'escrescenza. - Se ci vengo, mi s'ha da
nudrire. -
Altra risata.
- Bè, - disse il primo, - io sono il più disinteressato fra tutti voi, perché non porto mai guanti neri e
non fo mai colazione. Eppure eccomi pronto ad andare, se c'è altri che mi faccia compagnia.
Quando ci penso, mi pare e non mi pare di essere stato il suo amico più intrinseco; dovunque ci si
vedeva, si barattavano quattro chiacchiere. Addio, addio! -
Il gruppo si sciolse si mescolò ad altri gruppi. Scrooge li conosceva tutti, e si volse allo Spirito per
avere una spiegazione.
Il Fantasma passò oltre in una via. Segnò, col dito disteso, due persone che s'incontravano. Di nuovo
Scrooge porse ascolto, pensando di trovar qui la spiegazione domandata.
Anche questi uomini gli erano noti: uomini d'affari, ricchissimi, di gran conto. S'era studiato sempre
di guadagnarsi la loro stima: beninteso, una stima commerciale, nient'altro.
- Come si va? - chiese uno.
- E voi? - ribatté l'altro.
- Non c'è malaccio. Pare che il vecchio lesina abbia avuto il suo conto alla fine, eh?
- Così ho inteso dire. Fa freddo, non vi pare?
- Siamo a Natale, capite. Voi non siete pattinatore, eh?
- No, no! Ho ben altro pel capo. Buon giorno! -
Non altro. Questo il loro incontro, il colloquio, il commiato.
Scrooge avrebbe quasi stupito che lo Spirito desse tanto peso a così futili discorsi; ma per un'intima
certezza che qualche intento nascosto ci avea da essere, si diè a pensarci sopra. Non si poteva
supporre che quei discorsi si riferissero alla morte di Giacobbe, il suo vecchio socio, perché quella
apparteneva al Passato, e il dominio di questo Spirito era tutto nel Futuro. Né gli veniva in mente
altra persona che gli appartenesse. Ma non dubitando punto che, a chiunque si riferissero, quei
discorsi aveano una moralità latente diretta al proprio bene, ei risolvette di far tesoro di ogni parola
che udisse e di ogni cosa che vedesse; e specialmente di osservare la propria ombra, quando sarebbe
comparsa. Poiché, pensava, la condotta del suo io di là da venire lo avrebbe messo sulla buona via,
agevolandogli la soluzione di quegli indovinelli. Si guardò attorno per trovar sé stesso; ma un altro
occupava il noto cantuccio, e benché l'orologio segnasse l'ora solita del suo arrivo, non vide alcuno
che gli somigliasse in mezzo alla folla che si pigiava all'entrata. Non ne stupì molto però; perché era
andato rivolgendo dentro di sé un mutamento di vita e pensava e sperava che questa sua assenza
fosse una prova dei novelli propositi recati in atto.
Muto e fosco gli stava sempre allato il Fantasma con la mano protesa. Quando ei si riscosse,
argomentò, dalla direzione della mano e dalla posizione del Fantasma stesso rispetto a sé, che gli
occhi invisibili acutamente lo scrutassero. N'ebbe un brivido per tutta la persona.
Si tolsero dalla scena affaccendata e vennero in una oscura parte della città, dove Scrooge non era
mai penetrato, benché subito ne riconoscesse la postura e la mala fama. Le vie erano anguste e
sudicie; misere le botteghe e le case; la gente seminuda, ubriaca, sciatta, brutta. Androni e
chiassuoli, come tante fogne, rigurgitavano sulle vie intricate l'oltraggio del lezzo, dell'immondizia,
degli esseri viventi; e tutto il quartiere esalava il delitto, il sudiciume, la miseria.
In fondo a cotesta spelonca infame, sotto l'aggetto di una tettoia, aprivasi una bottega lurida e bassa,
dove s'andava a comprare cenci, ferri, bottiglie, untume di rimasugli. Dentro, sull'impiantito, erano

36
ammontati chiodi, uncini, chiavi rugginose, catene, lime, bilance, pesi, ferri vecchi d'ogni maniera.
Ascondevansi forse e brulicavano segreti che non era bello approfondire in quella montagna di cenci
nauseabondi, di grasso corrotto, di ossami. Un vecchio furfante sulla settantina, grigio di capelli, se
ne stava a sedere in mezzo a coteste sue mercanzie, presso una stufa di vecchi mattoni. Difeso
dall'aria fredda di fuori mediante un sudiciume di tenda fatta di tante pezze spaiate, sospese a una
corda, s'andava fumando la sua pipa con tutta la voluttà di una solitudine indisturbata.
Scrooge e il Fantasma vennero in presenza di costui nel punto stesso che una donna con un grosso
fardello sgusciava nella bottega. E subito dopo di lei, un'altra donna entrò, carica allo stesso modo; e
le tenne dietro un uomo vestito di nero rossiccio, il quale non meno stupì in vederle tutt'e due
ch'esse non avessero fatto riconoscendosi a vicenda. Dopo un momento di muto stupore, al quale si
unì il vecchio della pipa, tutt'e tre dettero in una gran risata.
- Passi avanti la giornaliera! - gridò la donna ch'era entrata per la prima. - Poi venga la lavandaia;
poi l'appaltatore delle pompe funebri. Vedi un po' che bazza, vecchio Joe! Pare che ci siamo dato la
posta, pare!
- Non vi potevate incontrare in un posto migliore, - disse il vecchio Joe, togliendosi la pipa di bocca.
- Venite in salotto. Ci siete da un pezzo come a casa vostra; e gli altri due non son mica forestieri.
Lasciate che chiuda la porta della bottega. Ah, come stride! sfido a trovar qui dentro una sferra più
rugginosa di questi arpionacci o delle ossa più vecchie delle mie... Ah, ah! Siamo in armonia del
mestiere, capite, siamo bene assortiti. Venite in salotto. Venite in salotto. -
Il salotto era lo spazio difeso dalla tenda di stracci. Il vecchio rattizzò il fuoco con un ferro
rugginoso di ringhiera, e smoccolato che ebbe la lucerna fumosa (perché già era notte) col cannello
della pipa, si pose questo di nuovo fra le labbra.
Nel frattempo, la donna che avea già parlato gettò il suo fagotto per terra e sedette sopra uno
sgabello, incrociando i gomiti sulle ginocchia e squadrando con mal piglio gli altri due.
- O che m'avete da dire, signora Dilber, sentiamo un po'! - disse la donna. - Ognuno ha il diritto di
guardare ai suoi interessi. Anche lui non ha fatto altro, voi lo sapete!
- Altro se lo so! - rispose la lavandaia. - Nessuno lo passava per questo.
- E allora, che è che mi fate cotesti occhiacci, come se aveste paura? Non c'è mica da scoprire
altarini, qui!
- No, davvero! - dissero insieme la signora Dilber e l'uomo. - Speriamo di no, almeno.
- Bravi dunque! - esclamò la donna, - e non se ne parli altro. Chi è che ce lo perde questo po' di
roba? Nessuno, a meno che non sia il morto.
- Avete ragione, - approvò ridendo la signora Dilber.
- S'ei se la voleva serbare anche dopo morto, quel vecchio lesina, perché non ha vissuto come tutti
gli altri? Se avesse fatto così, qualcuno gli sarebbe stato vicino quando la morte se lo ha pigliato, e
non avrebbe bocchieggiato nella sua topaia solo come un cane.
- È proprio la parola della verità. Questo gli toccava, nient'altro.
- E gli avrebbe avuto a toccar peggio, parola d'onore, e così avessi potuto io metter le mani su
qualche altra cosa. Aprite quel fagotto, Joe, e prezzatelo. Parlate chiaro. Non ho mica paura io
d'esser la prima e tanto meno ch'essi lo vedano. Anche prima di trovarci qua, si sapeva un pochino,
mi pare, che i nostri affarucci li facevamo. Niente di male. Aprite il fagotto, Joe. -
Ma la galanteria dei colleghi si oppose a questo, e l'uomo vestito di nero rossiccio, montando pel
primo sulla breccia, profferse il suo bottino. Non era gran che. Un par di sigilli, un astuccio da
matita, due bottoni di camicia e una spilla di poco valore. Il vecchio Joe esaminò ed apprezzò ad
uno ad uno gli oggetti, scrisse sul muro con un pezzo di gesso le somme ch'era disposto a sborsare,
e visto che non c'era altro, tirò la somma.
- Ecco il vostro conto, - disse, - e non darei niente niente di più, mi avessero anche ad arrostire. Chi
viene appresso? -

37
Veniva appresso la signora Dilber. Lenzuola e tovaglie, un abito, due cucchiaini d'argento antiquati,
un par di pinzette per lo zucchero e qualche stivale. Il secondo conteggio fu fatto sul muro come il
primo.
- Con le signore, - disse il vecchio Joe, - sono sempre largo di mano. È una mia debolezza, e gli è
così che mi rovino. Eccovi il vostro conto. Se non siete contenta e volete mercanteggiare, mi pentirò
di essere stato così liberale e vi farò invece una sottrazione.
- Ed ora, Joe, - disse l'altra donna, - disfate il mio fagotto. -
Joe si pose ginocchioni per star più comodo e dopo aver sciolti un arruffio di nodi, tirò fuori un
involto grosso e pesante di stoffa scura.
- O che è questo? - disse. - Un cortinaggio!
- Ah! - rispose ridendo la donna sporgendosi sulle braccia incrociate. - Un cortinaggio!
- Non mi darete mica ad intendere, che lo abbiate tirato giù, anelli e ogni cosa, mentre il morto stava
lì, sul letto!
- Sì davvero. E perché no?
- Brava, - disse Joe, - voi siete nata per far fortuna, e vi dico che la farete.
- Certo, - rispose freddamente la donna, - quando me ne verrà il destro, non me ne starò con le mani
in mano, per riguardo a un omaccio come quello lì. No, Joe, parola d'onore. E adesso non mi fate
sgocciolar l'olio sulle coperte.
- Anche sue? - domandò Joe.
- O di chi volete che siano? - ribatté la donna. - Non c'è paura che pigli un'infreddatura, no.
- Spero che non sia morto di male contagioso, eh? - disse Joe, fermandosi in tronco e alzando gli
occhi.
- Niente paura, - rispose la donna. - Se mai, non mi struggevo poi tanto della sua compagnia da
stargli intorno per questi stracci. Ah! fatevi pure a guardarla cotesta camicia, che non ci troverete né
un buco né niente niente di logoro. Era la migliore che avesse, ed è anche fine. Se non c'ero io,
l'avrebbero sciupata.
- Sciupata? - domandò il vecchio Joe.
- Già, - rispose la donna ridendo, - gliel'avrebbero messa indosso per sepellirlo. E c'è stato non so
che balordo che così avea fatto! ma io gliel'ho cavata di nuovo. È anche troppo lusso il cotone per
involtarvi un morto. Più brutto di quanto era con questa indosso, non potrà parere di certo. -
Scrooge ascoltava questo dialogo inorridendo. Li vedeva aggruppati intorno al loro bottino, alla
povera luce d'una lucerna, e gliene veniva un odio, una nausea, come al cospetto di osceni demoni
che mercanteggiassero lo stesso cadavere.
- Ah, ah! - ridacchiò la stessa donna, quando il vecchio Joe, cavando un sacchetto di flanella pieno
di denari contò a ciascuno per terra la sua parte. - Qui sta il bello, vedete! Ha fatto paura a tutti
quando era vivo, proprio per farci guadagnar noi da morto. Ah, ah, ah!
- Spirito! - disse Scrooge, tremando da capo a piedi. - Vedo, vedo. Cotesto sciagurato potrei essere
io. A questo mi mena la mia vita di adesso... Dio di misericordia, che cosa è questa! -
Indietreggiò dal terrore, perché la scena era mutata ed ei toccava quasi un letto, un letto nudo, senza
cortinaggio, sul quale, sotto un lenzuolo sdrucito, giaceva qualche cosa d'avviluppato, il cui silenzio
stesso parlava terribilmente.
La camera era buia, tanto buia da non potere osservare intorno con accuratezza, benché Scrooge
aguzzasse gli occhi obbedendo a un impulso segreto che lo rendeva ansioso di sapere in che sorta di
camera si trovasse. Una luce scialba, venendo di fuori, mandò un raggio su quel letto: e su questo,
spogliato, rubato, solo, trascurato, senza pianto, giaceva il corpo di quell'uomo.
Scrooge volse un'occhiata al Fantasma. La rigida mano accennava al capo del morto. Il lenzuolo era
così male aggiustato che col menomo tocco d'un dito Scrooge avrebbe potuto scoprire quella faccia.
Vi pensò, ne vide l'agevolezza, se ne struggeva; ma non avea maggior potere di rimuovere quel velo
che di allontanare da sé lo Spettro silenzioso.

38
Oh! fredda, rigida, spaventevole Morte! rizza qui il tuo altare, vestilo di tutti i tuoi terrori. Qui
davvero è il tuo regno! Ma se quel capo fosse amato, riverito, onorato, non un capello ne potresti
strappare pei tuoi biechi disegni, non un tratto del viso rendere odioso. Non è già che quella mano
non sia grave e che non ricada abbandonata; non è già che il cuore e il polso non battano; ma quella
mano era aperta, generosa, leale; ma quel cuore era bravo, caldo, affettuoso; ma quel polso era di un
uomo. Colpisci, Ombra, colpisci pure! schizzeranno dalla ferita le sue buone azioni e si spargeranno
pel mondo come semi di vita immortale!
Nessuna voce pronunciò queste parole all'orecchio di Scrooge, eppure egli le udì mentre guardava a
quel letto. Se quest'uomo rivivesse, ei pensava, quali cure lo assorbirebbero? L'avarizia, la crudeltà,
l'ingordigia? Una bella ricchezza gli hanno guadagnato, davvero!
Giaceva, nella cassa buia e deserta, senza che una voce di donna, di uomo, di bambino dicesse:
"Egli fu buono per me in questa cosa o in quella, e per la memoria che ne serbo io sarò buono per
lui". Un gatto raspava alla porta e sotto le pietre del caminetto si udiva un rosicchiar di topi. Che
cosa cercassero nella camera della morte e perché fossero così irrequieti, Scrooge non osò pensare.
- Spirito! - disse, - questo luogo è orrido. Uscendone, non m'uscirà di mente la sua terribile lezione,
credimi. Andiamo via! -
Sempre, col rigido dito, lo Spirito accennava al capo del morto.
- Intendo, - rispose Scrooge, - e ti ubbidirei anche, se potessi. Ma non ne ho la forza, Spirito, non ne
ho la forza. -
Di nuovo parve che lo Spirito lo guardasse.
- Se c'è qualcuno nella città, che pianga la morte di quest'uomo, - disse Scrooge al sommo
dell'angoscia, - mostramelo, Spirito, te ne scongiuro! -
Il Fantasma distese un momento la scura veste davanti a lui come un'ala; e ritraendola scoprì una
stanza rischiarata dalla luce del giorno, dov'erano una madre co' suoi bambini.
Ella aspettava ansiosa qualcuno; andava su e giù per la stanza; trasaliva ad ogni rumore; si
spenzolava dalla finestra; guardava all'orologio; si provava invano a lavorare di ago; sopportava a
stento le voci dei bambini che facevano il chiasso.
S'udì alla fine la bussata lungamente attesa. Ella corse incontro al marito; un uomo dal viso
emaciato e triste, benché giovane ancora. Vi si notava ora una singolare espressione; una specie di
soddisfazione malinconica, della quale si vergognava e che studiavasi di reprimere.
Sedette pel desinare che era stato tenuto in caldo presso i fuoco; e quando la donna, dopo un lungo
silenzio, gli domandò timidamente che notizie portava, ei parve impacciato a rispondere.
- Sono buone o cattive? - disse ella, per aiutarlo.
- Cattive, - rispose.
- Siamo rovinati affatto?
- No. C'è speranza, Carolina.
- S'egli si è commosso, - disse la moglie tutta sorpresa, - allora sì! Tutto si può sperare, se è
accaduto un miracolo come questo.
- Oramai, - rispose il marito, - non si può più commuovere. È morto. -
Se il viso diceva il vero, ella era una creatura mite e prudente; e nondimeno, udendo quella nuova,
strinse insieme le mani, ringraziando il cielo. Ne domandò subito perdono e fu dolente della
disgrazia; ma il primo movimento era stato del cuore.
- Adesso si trova tutto vero quel che mi disse quella donna mezzo brilla, di cui t'ho parlato ieri,
quando feci per vederlo e per ottenere la dilazione di una settimana. Io mi figuravo che fosse una
scusa. Non solo stava molto male, ma era a dirittura moribondo.
- A chi sarà trasferito il nostro debito?
- Non so. Ma prima d'allora, il danaro sarà pronto; e se mai, non avremo la mala sorte d'inciampare
in un creditore spietato come lui. Stanotte possiamo dormire col capo fra due guanciali, Carolina! -
Sì. Comunque temperassero la cosa, i loro cuori erano più leggieri. I visini dei bambini, che si
stringevano loro intorno per udire quel che così poco capivano, brillavano più del solito; e tutta la

39
casa, per la morte di quell'uomo, era più felice! L'unica emozione che lo Spirito gli potesse mostrare
come effetto di quell'evento, era di piacere.
- Lasciami vedere qualche scena di tenerezza che si leghi all'idea della morte, - disse Scrooge; - se
no, Spirito, quella buia camera testé lasciata mi sarà sempre davanti. -
Lo Spirito lo menò per varie vie che gli erano familiari; e via facendo, Scrooge guardava di qua e di
là per trovare sé stesso, ma in nessun posto vedevasi. Entrarono nella casetta, già prima visitata, del
povero Bob Cratchit, e vi trovarono la mamma e i figliuoli raccolti intorno al fuoco.
Erano tranquilli, molto tranquilli. I rumorosi piccoli Cratchit se ne stavano a sedere in un cantuccio,
muti come statue, e guardando a Pietro che leggeva in un libro. La mamma e le figliuole
attendevano a cucire. Ma erano molto tranquilli tutti, molto tranquilli!
- "Ed egli prese un bambino e lo mise in mezzo a loro."
Dove aveva udito queste parole Scrooge? Non le aveva già sognate. Il ragazzo avea dovuto leggerle
ad alta voce, mentre egli e lo Spirito varcavano la soglia. E perché non andava avanti?
La mamma posò il lavoro sulla tavola e si coprì la faccia con le mani.
- Il colore, - disse, - mi fa male agli occhi. -
Il colore? Ah, povero Tiny Tim!
- Adesso stanno meglio, - disse la moglie di Cratchit. - Si vede che il lume della candela stanca la
vista; e per nulla al mondo voglio far vedere a vostro padre, quando torna, che ho gli occhi
affaticati. Dev'essere vicino a tornare.
- È anzi passata l'ora, - rispose Pietro chiudendo il libro. - Se non sbaglio, mamma, da qualche sera
in qua mi par che il babbo cammini meno svelto del solito. -
Da capo tornarono a star tranquilli. Finalmente ella disse, con voce forte e allegra, che un sol
momento tremò:
- Mi ricordo quando camminava portando in collo... mi ricordo quando camminava portando in
collo Tiny Tim, e andava svelto davvero.
- Anch'io me ne ricordo, - esclamò Pietro. - Spesso.
- E io pure! - venne su un altro. Tutti se ne ricordavano.
- Gli è che il bambino era leggiero, - riprese ella, tutta china sul lavoro, - e il babbo gli voleva tanto
bene che non gli dava niente fastidio: niente. Ah, eccolo! -
Corse ad incontrarlo; e Bob, col suo fazzoletto al collo - ne aveva bisogno, poveraccio! - entrò. Il
thè lo aspettava accanto al fuoco, e tutti fecero a gara per servirglielo. Poi i due piccoli Cratchit gli
montarono sulle ginocchia, e gli posarono le piccole guance di qua e di là sul viso, come per dire:
"Via, babbo, non ci pensare, non t'affliggere!"
Bob era allegro con loro e parlò in tono gaio a tutta la famiglia. Guardò il lavoro sulla tavola e lodò
la bravura e la sollecitudine della signora Cratchit e delle ragazze. Avrebbero terminato molto prima
di domenica, disse.
- Domenica! - esclamò la moglie. - Sicché, ci sei andato oggi?
- Sì, cara, - rispose Bob. - Ti ci avrei voluta anche te. Ti avrebbe fatto del bene di vedere tutto quel
verde. Ma ci andrai spesso. Gli avevo promesso che di Domenica ci avrei fatto una passeggiatina.
Caro piccino! caro caro piccino! -
Ruppe in pianti ad un tratto. Non si poté tenere. Se avesse potuto, non avrebbe forse sentito così
vicino il suo figlioletto come se lo sentiva.
Lasciò la stanza e andò nella cameretta di sopra, che era tutta illuminata e ornata di ghirlande di
Natale. C'era una sedia accanto al letto del bambino, e si vedeva a più segni che qualcuno c'era stato
di fresco. Il povero Bob vi sedette, e quando si fu alquanto raccolto e calmato, baciò quel caro
visino. Allora si rassegnò a quanto era accaduto, e tornò da basso del tutto felice.
Si raccolsero intorno al fuoco a discorrere; la mamma e le ragazze lavoravano sempre. Bob narrò
loro della straordinaria bontà del nipote del signor Scrooge, che appena una volta avea visto, e che
incontrandolo per via e vedutolo un pochino... "un pochino giù, vedete" disse Bob, gli avea
domandato che dispiacere avesse. "Al che" disse Bob "visto ch'egli è la persona più affabile del

40
mondo, gli dissi la cosa. - Me ne duole assai, signor Cratchit, disse lui, e anche per la vostra buona
signora. - A proposito, come abbia fatto a saper questo, non lo so davvero.
- A saper che cosa?
- Che tu sei una buona moglie.
- Tutti lo sanno! - disse Pietro.
- Bravo ragazzo, ben detto! - esclamò Bob. - Lo spero bene. "Mi duole assai, dice, per la vostra
buona signora. Se in qualunque modo posso esservi utile, dice dandomi il suo biglietto, eccovi
l'indirizzo di casa. Dirigetevi a me, ve ne prego." Ora capisci, esclamò Bob, non era già pei favori
che ci potea rendere, ma quella sua affabilità facea veramente piacere. Pareva proprio che avesse
conosciuto il nostro Tiny Tim, e partecipasse al nostro dolore.
- Ha un buon cuore, questo è certo, - disse la signora Cratchit.
- Ne saresti certissima se lo vedessi e gli parlassi, - rispose Bob. - Non mi farebbe nessuna
meraviglia, vedi, s'ei trovasse a Pietro un posto migliore.
- Senti, Pietro, senti? - disse la madre.
- E allora, - esclamò una delle ragazze, - Pietro s'accasa e si stabilisce per conto suo.
- Eh via! - ribatté Pietro con una smorfia.
- Prima o dopo, - disse Bob, - può anche darsi, benché ci sia tempo a pensarci sopra, figliuolo mio.
Ma, comunque la cosa vada, io son sicuro che nessuno di noi dimenticherà mai il povero Tiny Tim,
no, non è vero? e nemmeno questa prima separazione in famiglia.
- Mai, babbo, mai! - gridarono tutti ad una voce.
- E io so pure - disse Bob, - io so, cari miei, che quando ci ricorderemo com'egli fosse buono e
paziente, benché così piccino, non ci lasceremo andare a questionar fra di noi, se no sarebbe lo
stesso che scordarci di quel poveretto.
- No, babbo, mai! - di nuovo esclamarono tutti.
- Sono contento, - disse Bob, - oh, sono contento! -
La moglie lo baciò e così fecero le figliuole e i due ragazzi. Con Pietro si dettero una forte stretta di
mano. Anima di Tiny Tim, la tua essenza infantile veniva da Dio!
- Spirito - disse Scrooge, - sento non so come, che il momento della nostra separazione è prossimo.
Dimmi, chi era quell'uomo che abbiamo visto disteso sul letto di morte? -
Lo Spirito di Natale di là da venire lo trasportò come prima - benché in un tempo diverso; e in verità
queste ultime visioni non erano ordinate e soltanto apparivano tutte nel futuro - nelle vie frequentate
dagli uomini d'affari, ma non gli mostrò l'altro sé stesso. Non si fermava lo Spirito; correva, correva
diritto alla meta designata, finché Scrooge non lo pregò di arrestarsi un momento.
- Questo cortile che ora attraversiamo, - disse, - è da molto tempo il centro dei miei affari. Ecco la
casa. Lasciami un po' vedere quel che sarò un giorno. -
Lo Spirito si arrestò; ma la mano sua accennava altrove.
- Lì è la casa, - esclamò Scrooge. - Perché mi fai segno da quell'altra parte? -
Il dito inesorabile stette saldo.
Scrooge corse a dare un'occhiata alla finestra del suo banco. Sempre banco era, ma non più il suo.
Erano mutati i mobili e la persona seduta in poltrona non gli somigliava. Il Fantasma accennava
sempre allo stesso modo.
Ei lo raggiunse, e ruminando perché e dove se ne fosse andato, lo accompagnò fino a un cancello di
ferro. Prima di entrare, si guardò attorno.
Un cimitero. Qui, dunque, lo sciagurato di cui gli sarebbe stato svelato il nome, qui giaceva
sottoterra. Un bel posto davvero. Circondato da case, ingombro di erbe e cespugli, una morte anzi
che una vita di vegetazione, soffocato dalle molte sepolture, grasso fino alla nausea. Un bel posto
davvero!
Lo Spirito stette fra le tombe e abbassò il dito segnandone una. Scrooge vi si accostò tremando. Era
sempre lo stesso Spirito, ma parve a Scrooge travedere un pensiero nuovo e terribile nella solennità
della sua forma.

41
- Prima di accostarmi a quella pietra ove tu accenni, - disse Scrooge, - rispondi a una sola domanda.
Son queste le immagini delle cose future o soltanto delle cose possibili? -
Lo Spirito teneva sempre il dito abbassato verso la tomba vicina.
- Le azioni umane adombrano sempre un certo fine, che può diventare inevitabile, se in quelle ci si
ostina. Ma se vengono a mutare, muterà anche il fine. Dimmi che così è, dimmelo, in queste scene
che mi vai mostrando! -
Lo Spirito era immobile sempre.
Scrooge si trascinò a quella volta, tremando; e seguendo il dito, lesse sulla pietra della tomba
negletta il proprio nome: EBENEZER SCROOGE.
- Son io, io quell'uomo che giaceva sul letto? - gridò cadendo in ginocchio.
Il dito accennò dalla tomba a lui e da lui alla tomba.
- No, Spirito! Oh no, no! -
Il dito non si moveva.
- Spirito! - gridò egli abbracciandosi alla sua veste, - ascoltami! Io non son più lo stesso uomo di
prima. Io non sarò l'uomo che sarei stato, se non t'avessi seguito. Perché mostrarmi tutto questo, se
per me non c'è più speranza? -
Per la prima volta la mano parve agitarsi.
- Buono Spirito, - ei proseguì, sempre prostrato - tu ti commuovi perché sei buono, tu hai pietà di
me. Dimmi, assicurami ch'io posso ancora, mutando vita, cangiar queste scene che m'hai mostrate! -
La mano tremò di nuovo in atto di conforto.
- Io onorerò sempre Natale nel cuore, io ne serberò il culto tutto l'anno. Vivrò nel passato, nel
presente e nell'avvenire. Mi parleranno dentro tutti e tre gli Spiriti. Non mi scorderò delle loro
lezioni. Oh, dimmi, dimmi che mi sarà dato cancellare lo scritto di questa pietra! -
Afferrò, nell'angoscia che lo straziava, la mano dello Spirito. Questi cercò divincolarsi dalla stretta,
ma Scrooge pregava e teneva forte. Lo Spirito, più forte di lui, lo respinse.
Alzando le mani in una estrema preghiera di veder mutato il suo fato, ei notò una trasformazione
nella veste e nel cappuccio del Fantasma. Lo Spirito si strinse in sé, si rannicchiò, si rassodò,
divenne una colonna di letto.
Strofa Quinta
La fine della storia
Sì! e quella colonna di letto era la sua. Suo il letto, sua la camera. Meglio ancora, meglio d'ogni
cosa, era suo il tempo che aveva davanti, suo, per emendarsi!
- Vivrò nel Passato, nel Presente e nel Futuro! - ripetè Scrooge, sgusciando fuori del letto. - I tre
Spiriti mi parleranno dentro. O Giacobbe Marley! Benedetto sia il cielo e il giorno di Natale! Lo
dico in ginocchio, mio vecchio Giacobbe; in ginocchio! -
Era così acceso, così affollato dalle sue buone intenzioni, che la voce rotta non rispondeva al
pensiero. Nel suo conflitto con lo Spirito, avea singhiozzato violentemente e tutta la faccia avea
bagnata di pianto.
- Non son mica strappate, esclamò Scrooge, abbracciando una delle cortine del letto, - non son mica
strappate con tutti gli anelli. Eccole qui; eccomi qui: le ombre delle cose avvenire possono essere
scongiurate. E così saranno. Lo so, eh altro se lo so! -
Si azzuffava intanto co' vestiti, gli arrovesciava, se gl'infilava sottosopra, li lacerava, li perdeva, li
confondeva in ogni sorta di stravaganza.

42
- Non so che fare adesso; - esclamò ridendo e piangendo insieme, e avvolgendosi nelle calze come
un Laocoonte. - Mi sento leggiero come una piuma, felice come un angelo, allegro come uno
scolare. Sono balordo come un ubriaco. Un allegro Natale a tutti! un allegro capo d'anno al mondo
intiero! Olà! eh! olà! -
Era entrato saltellando nel salotto e se ne stava lì, ritto, ansante.
- Ecco qua la casseruola con la farina d'orzo! - esclamò riscuotendosi e girando davanti al caminetto.
- Questa è la porta di dove è entrato lo spirito di Giacobbe Marley! Qui si è messo a sedere lo
Spirito del Natale presente! Da questa finestra ho visto gli Spiriti vaganti! Tutto è a posto, tutto è
vero, tutto è accaduto. Ah, ah, ah! -
Davvero per un uomo che da tanti anni era fuori esercizio, questa era una splendida risata, una risata
co' fiocchi: il ceppo di tutta una lunga famiglia di franche risate!
- A quanti ne siamo del mese? - disse Scrooge. - Quanto tempo sono stato tra gli Spiriti? Non lo so.
Non so niente. Sono come un bambino. Non preme. Non me n'importa. Così lo fossi, bambino! Olà!
eh! olà! -
Fu arrestato nelle sue effusioni dalle campane che mandavano all'aria i più lieti squilli che avesse
mai uditi. Bom, bam, din, don, dan! Dan, don, din, bom, bam! Oh, che armonia, oh, che gloria!
Corse alla finestra, l'aprì, mise fuori il capo. Niente nebbia: un'aria limpida, cristallina, gioconda; un
freddino salubre, pungente; un sole d'oro; un cielo di zaffiro; freschetto, non freddo; e quelle
campane, così allegre, così allegre! Oh, bello, magnifico!
- Che è oggi? - gridò Scrooge ad un ragazzetto che passava con indosso gli abiti della festa e che
forse s'era fermato per guardarlo.
- Eh? - fece il ragazzo spalancando la bocca dalla maraviglia.
- Che è oggi, bambino mio? - ripetè Scrooge.
- Oggi! - rispose il ragazzo. - È Natale, oggi.
- È Natale! - disse Scrooge a sé stesso. - Bravo, sono in tempo. Gli Spiriti hanno fatto ogni cosa in
una notte. Possono fare quel che vogliono. Si sa. È naturale. Ohe, bambino!
- Ohe! - fece il ragazzo.
- Sai dov'è il pollaiolo, nella via appresso, alla cantonata?
- Sfido io! l'avrei da sapere, - rispose il ragazzo.
- Che ragazzo di talento! - esclamò Scrooge. - Un ragazzo non comune, perbacco! Sai se ha già
venduto quel tacchinaccio che teneva ieri in mostra sospeso pel collo? non quello piccolo, no; il
tacchino grosso.
- Quale? quello grosso come me? - domandò il ragazzo.
- Oh, che amore di un ragazzo - esclamò Scrooge. - È un piacere a discorrerci. Sì, proprio quello,
piccino mio.
- È sempre appeso com'era.
- Sì? davvero? Ebbene, corri subito a comprarlo.
- Fossi grullo! - ribatté il ragazzo.
- No, no, - disse Scrooge, - parlo sul serio. Corri a comprarlo, e dì che lo voglio, che gli darò io
l'indirizzo dove l'hanno da portare. Torna con l'uomo tu, che ti darò uno scellino. Torna in meno di
cinque minuti, che ti darò mezza corona! -
Il ragazzo partì come una freccia. Ci volea una mano ben gagliarda per scoccare una freccia a quel
modo.
- Lo manderò a Bob Cratchit! - borbottò Scrooge, fregandosi le mani e scoppiando dal ridere. - Non
ha da sapere chi glielo manda. È due volte Tiny Tim. Uno scherzo magnifico, oh, magnifico! -
Non era ferma la mano nello scrivere l'indirizzo, ma bene o male lo scrisse, e andò giù ad aprir la
porta, e per esser pronto all'arrivo del tacchino. Stando così ad aspettare, fu tratto dal guardare il
picchiotto.

43
- Gli vorrò bene finché avrò vita! - disse carezzandolo. - Non ci avevo guardato mai. Che
espressione simpatica e onesta! che bel picchiotto davvero!... Ecco il tacchino. Olà! ehi! Come
state? Buon Natale! -
Era un tacchino davvero! Non si potea reggere in gambe, un uccellaccio come quello lì; le avrebbe
spezzate in un minuto come bastoncelli di ceralacca.
- Perdinci! è impossibile portare cotesta roba fino a Camden Town, - disse Scrooge. - Dovete
prendere una carrozzella. -
Il riso con cui disse questo, e il riso con cui pagò il tacchino, e il riso con cui pagò la carrozzella, e il
riso con cui diè la mancia al ragazzo, furono soltanto sorpassati dal riso che lo prese tutto mentre si
lasciava andare senza fiato sul suo seggiolone, e rise, e rise fino a che scoppiò a piangere.
Non era agevole il radersi, perché la mano gli tremava sempre; e il radersi richiede un po' di
attenzione, anche quando non ballate, facendovi la barba. Ma se pure si fosse mozzato la punta del
naso, vi avrebbe appiccicato un pezzo di taffettà e sarebbe stato contento come una pasqua.
Si vestì, col meglio che aveva, e uscì per la via. La gente si riversava fuori, com'egli l'avea vista con
lo Spirito del Natale presente. Camminando con le mani dietro, Scrooge guardava a tutti con un
sorriso di soddisfazione. Era così allegro, così irresistibile nella sua allegria, che tre o quattro capi
ameni lo salutarono: "Buon giorno, signore! Buon Natale!" E Scrooge affermò spesso in seguito che
di tutti i suoni giocondi uditi in vita sua, i più giocondi, senz'altro, erano stati quelli.
Non era andato lontano, quando si vide venire incontro quel signore dignitoso che era entrato il
giorno prima al banco, domandando: "Scrooge e Marley, se non erro?" Si sentì una trafittura al
cuore, pensando all'occhiata che quel signore gli avrebbe rivolto; ma subito vide quel che avea da
fare, e lo fece.
- Mio caro signore, - disse, affrettando il passo e prendendolo per le mani. - Come state? Spero che
abbiate fatto una buona giornata ieri. Molto gentile da parte vostra. Tanti auguri pel Natale, signore!
- Il signor Scrooge?
- Sì. È il mio nome. Temo che vi suoni ingrato. Permettete che vi domandi scusa. E vorreste aver la
bontà...
E gli bisbigliò qualche parola all'orecchio.
- Dio misericordioso! - esclamò il signore soffocato dallo stupore. - Mio caro signor Scrooge,
parlate sul serio?
- Ma sì, ma sì. Non un soldo di meno. Ci metto dentro molti arretrati, capite. Mi farete questo
favore?
- Mio caro signore, - rispose l'altro stringendogli forte la mano, - io non trovo parole per una tale
muni...
- Basta, basta, prego! - interruppe Scrooge. - Venite da me: Volete?
- Certamente! - esclamò il vecchio signore con tutta l'effusione della verità.
- Grazie, - disse Scrooge. - Vi sono obbligato davvero. Mille e mille grazie. Arrivederci! -
Andò in chiesa, passeggiò per le vie, guardò alla gente che andava su e giù, carezzò i bambini sul
capo, interrogò i mendicanti, spiò nelle cucine, alzò gli occhi alle finestre, e trovò che ogni cosa gli
potea far piacere. Non avea sognato mai che una passeggiata o altra cosa qualunque gli potesse dare
tanta felicità. Verso sera, si avviò alla casa del nipote.
Passò davanti alla porta una dozzina di volte, prima di sentirsi il coraggio di salire e bussare. Ma si
fece animo e bussò.
- È in casa il padrone, cara? - domandò alla ragazza. Una bella ragazza, parola d'onore.
- Signor sì.
- Dov'è, carina?
- È in sala da pranzo, signore, con la signora. Venite di qua, se vi piace, nel salottino.
- Grazie. Mi conosce, - disse Scrooge mettendo la mano sulla maniglia del tinello. - Entrerò qui,
bambina mia. -

44
Spinse leggermente e s'insinuò col viso per l'uscio socchiuso. Marito e moglie osservavano la tavola
sfarzosamente imbandita, perché cotesti giovani sposi sono meticolosi in certe materie e vogliono
che tutto vada a capello.
- Fred! - disse Scrooge.
O Signore Iddio, come trasalì la nipote! Scrooge avea dimenticato pel momento di averla vista a
sedere in un cantuccio co' piedi sullo sgabello, altrimenti per nulla al mondo l'avrebbe spaventata a
quel modo.
- Oh povero me! - esclamò Fred, - chi è mai?
- Io, son io. Tuo zio Scrooge. Son venuto a pranzo. Mi vuoi, Fred? -
Volerlo! Poco mancò che non gli stroncasse un braccio. In capo a cinque minuti, Scrooge si trovava
come a casa propria. Niente di più cordiale. E lo stesso la nipote. E lo stesso per Topper, quando
arrivò. E lo stesso per la sorella pienotta, quando fece la sua entrata. E lo stesso tutti. Che amore
d'una brigata, che giuochi, che accordo, che piacere!
Ma il giorno appresso si recò di buon mattino al banco, oh di buon mattino! Se gli riusciva di
arrivarci prima di Bob e di rinfacciare a Bob il ritardo! Questo voleva fare, questo gli premeva.
E lo fece, sicuro che lo fece! L'orologio suonò le nove. Niente Bob. Le nove e un quarto. Niente
Bob. Era in ritardo di diciotto minuti e mezzo. Scrooge se ne stava a sedere, con la porta spalancata,
per vederlo a insinuarsi nella sua cisterna.
Prima d'aprir l'usciolo, Bob si avea tolto il cappello e il famoso fazzoletto. In un baleno, si trovò
sullo sgabello, e si diè a scribacchiare in fretta e furia come per riafferrare le nove che erano passate.
- Ohe! - grugnì Scrooge con la solita sua voce chioccia per quanto gli riusciva di fingere. - Che vuol
dir ciò? a quest'ora si viene in ufficio?
- Mi dispiace molto, signore, - rispose Bob. - Sono in ritardo.
- Siete in ritardo? - ripeté Scrooge. - Lo vedo che siete in ritardo. Favorite di qua, vi prego.
- È una volta all'anno, signore, - si scusava Bob, uscendo dalla sua cisterna. - Non accadrà più. Sono
stato un po' in allegria ieri sera, signore.
- Bravo, adesso ve la do io l'allegria, disse Scrooge. - Non son più disposto a tollerare, capite.
Epperò - e così dicendo balzava giù dal suo sgabello e dava a Bob una manata così forte nel
panciotto da farlo indietreggiare barcollando, - epperò io vi aumento il salario! -
Bob tremò e si accostò un po' più alla riga. Ebbe un'idea momentanea di darla sulla testa a Scrooge;
tenerlo saldo; chiamar gente; fargli mettere la camicia di forza.
- Buon Natale, Bob! - disse Scrooge battendogli sulla spalla con una cordialità schietta, da non si
poter sbagliare. - Un Natale, Bob, molto più allegro di quanti non ve n'ho augurati per tanti anni,
ragazzo mio. Vi cresco il salario e farò di tutto per assistere la vostra famiglia laboriosa, e oggi
stesso, Bob, oggi stesso discuteremo i vostri affari davanti a un bel ponce fumante. Accendete i
fuochi e andate subito, mio caro Bob, a comprare un'altra scatola di carboni, prima di mettere un
altro solo punto sopra un i.
Scrooge fu anche più largo della sua parola. Fece quanto avea detto, e infinitamente di più; e in
quanto a Tiny Tim, che non morì niente affatto, gli fu come un secondo padre. Divenne così buon
amico, così buon padrone, così buon uomo, come se ne davano un tempo nella buona vecchia città,
o in qualunque altra vecchia città, o paesello, o borgata nel buon mondo di una volta. Risero alcuni
di quel mutamento, ma egli li lasciava ridere e non vi badava; perché sapeva bene che molte cose
buone, su questo mondo, cominciano sempre col muovere il riso in certa gente. Poiché ciechi
aveano da essere, meglio valeva che stringessero gli occhi in una smorfia di ilarità, anzi che essere
attaccati da qualche male meno attraente. Anch'egli, in fondo al cuore, rideva: e gli bastava questo, e
non chiedeva altro.
Con gli Spiriti non ebbe più da fare; ma se ne rifece con gli uomini. E di lui fu sempre detto che non
c'era uomo al mondo che sapesse così bene festeggiare il Natale. Così lo stesso si dica di noi, di tutti
noi e di ciascuno! E così, come Tiny Tim diceva: "Dio ci protegga tutti e ci benedica".

 

Back to top

 

Back to top